Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Cinque mesi di guerra: i turisti stanno lontani da Israele

Cinque mesi di guerra: i turisti stanno lontani da Israele

Al: 9 marzo 2024 alle 6:59

In tempi buoni, era difficile per Israele e i territori palestinesi sfuggire ai turisti. Ora la maggior parte se ne sta alla larga, e il governo israeliano fa affidamento su altri visitatori: gruppi di pellegrini cristiani.

Di Benjamin Hammer, ARD Tel Aviv

Essere quasi solo nella Chiesa del Santo Sepolcro a Gerusalemme. Questo è il sogno di tanti pellegrini, e in realtà in questi giorni la chiesa è spesso quasi deserta. Per i pochi visitatori, Gerusalemme mostra il suo lato tranquillo. Per i commercianti della Città Vecchia la situazione economica è un disastro. Dopo gli attacchi terroristici del 7 ottobre e l'inizio della guerra in Medio Oriente non sono arrivati ​​quasi più visitatori dall'estero.

Mahmoud Kurdieh è uno dei pochi commercianti aperti questa mattina. La sua famiglia vende gioielli qui da 80 anni, principalmente ai turisti. Il palestinese afferma di guadagnare attualmente solo tra i 50 ei 100 shekel al giorno dalle vendite. Sono solo dodici-venticinque euro. “Le cose sono cambiate molto”, afferma, paragonando la sua situazione di rivenditore al periodo del Corona: “Quando apri il tuo negozio e non vendi nulla, è frustrante. All'inizio pensavamo che questa guerra potesse durare un mese”. “O almeno durerà due mesi. Ma ormai sono già passati cinque mesi e non sappiamo quando finirà”.

Israele e parti dei territori palestinesi solitamente attirano molti turisti. Secondo i dati del governo, nel gennaio 2023 sono entrati in Israele 271.000 turisti. Un anno dopo erano solo 59.000, circa un quinto.

Non ci sono quasi dipendenti Fonti di reddito

Per alcuni alberghi dal 7 ottobre esiste una fonte di reddito alternativa. Ospita gli israeliani evacuati dal nord o dal sud del paese a causa della guerra. Ma i programmi di aiuto governativo sono destinati ad essere gradualmente eliminati. Lo Stato israeliano spera ora in una svolta e vuole realizzarla attraverso il suo padiglione alla fiera del turismo ITB di Berlino.

READ  Ucraina- Notizie +++ Secondo il portavoce, Selenskyj è stato coinvolto in un incidente d'auto a Kiev

Anche il ministro del turismo Haim Katz si è recato a Berlino. Qualche settimana fa ha parlato negli Stati del sud degli Stati Uniti, perché Israele conta su gruppi di viaggio molto speciali: pellegrini cristiani e volontari evangelici che arrivano anche in tempi di crisi. Secondo il ministro israeliano del Turismo, il 2024 sarà l’anno del turismo di fede e di solidarietà.

Georg Roekamp gestisce la casa dei pellegrini tedeschi a Tabgha sul Mar di Galilea. Egli conferma che in questo periodo i gruppi di pellegrini sono tra i pochi ospiti – “ma non dalla Germania”, dice. “Perché al momento c'è ancora un avviso di viaggio. Ciò significa che viaggiare è molto difficile in termini di assicurazione.” Ci sono più ospiti da altri paesi: “Adesso abbiamo una band americana a casa, e sento parlare anche di gruppi indonesiani e messicani, per esempio.”

Tabgha si trova nel nord di Israele e quindi vicino al confine con il Libano. Adesso lì si combatte ogni giorno. “Da ottobre non ci sono quasi più ospiti nella Casa dei pellegrini”, spiega Roykamp, ​​”Abbiamo dovuto mandare a casa molti dipendenti che ora non hanno più la possibilità di guadagnare denaro. Quindi questa è una situazione critica per noi”.

Israele è preoccupato per la sua immagine

I rappresentanti dell’industria turistica israeliana stanno ora esercitando pressioni sulle compagnie aeree affinché riprendano finalmente i voli o aumentino le loro capacità. Ma quando non c’è domanda, i voli non valgono la pena.

Israele è quindi preoccupato per le entrate del turismo, ma anche per la sua immagine globale alla luce delle immagini di devastazione nella Striscia di Gaza e delle notizie di palestinesi che soffrono la fame.

READ  Dramma neozelandese: incendio in ostello! 6 morti e 11 dispersi | Notizia

Yossi Fattal, direttore generale di un'associazione turistica israeliana, ha dichiarato alla TV Canale 13: “I turisti che vengono da noi sono uno dei fattori più importanti per ripristinare l'immagine di Israele. E quelli che verranno qui saranno gli unici che potranno attestare che noi sono normali.”

Benjamin Hammer, ARD Tel Aviv, Tagesschau, 7 marzo 2024, 17:38