Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Cinque anni DVB-T2 HD: salsiccia extra dalla Germania

Cinque anni DVB-T2 HD: salsiccia extra dalla Germania

All’inizio c’è stata l’indignazione dell’HDTV terrestre: il 31 maggio 2016, la televisione aerea è diventata molto calda nelle prime regioni della Germania. A parte alcuni televisori UHD, non c’erano ricevitori decenti nei negozi in questo momento, il “vecchio” DVB-T funzionava in parallelo – fino alla sua completa attivazione il 29 marzo 2017.

Il cambiamento è continuato in Germania fino al 2019; Da allora, il DVB-T è diventato storia e milioni di ricevitori prima poco costosi di € 400 sono spazzatura elettronica. C’è molta eccitazione per un aggiornamento DVB-T davvero modesto nell’era HD. Ma dopo alcuni problemi iniziali (e aggiornamenti al firmware del ricevitore), DVB-T2 HD è stato installato e funzionante praticamente senza lamentele.

Il “vecchio” DVB-T è stato gradualmente introdotto in Germania e in molti altri paesi europei dal 2001 – in Germania gli ultimi canali televisivi analogici sono stati interrotti nel 2008. DVB-T, fuorviante e tecnicamente erroneamente pubblicizzato come “Everywhere TV” non lo era. in uso da più di un decennio in alcune regioni prima che il sistema venisse eliminato gradualmente. RTL Group ha pensato ad alta voce all’uscita completa fino al 2013. Eckhard Matzel, che è stato a capo della distribuzione del software in ZDF fino alla fine del 2020, conosce una ragione per questo: “DVB-T è il più costoso e il meno utilizzato di tutti i canali di distribuzione “, Ha detto Matzel in Interview with Heise online.

Michael Silverberg, docente presso la School of Information, Media and Electrical Engineering presso l’Università Tecnica di Colonia, spiega il difficile caso della televisione terrestre in Germania: “La trasmissione terrestre è meno importante in Germania che in Spagna, Italia o Gran Bretagna, per esempio.” Il motivo è l’effetto Astra. “Poco prima della riunificazione tedesca, l’operatore ha avviato la sua flotta di satelliti, e le antenne e i ricevitori sono diventati più economici e compatti. Dopo la caduta del muro, gran parte della Germania dell’Est è passata ai ricevitori satellitari e è rimasta con loro”.

Quindi doveva succedere qualcosa per mantenere competitivo il DVB-T. La qualità dell’immagine dovrebbe essere buona per l’era HD, i politici volevano parti dello spettro di frequenza DVB-T per LTE. Alla fine del decennio, i produttori di televisione e trasmissioni hanno concordato quale successore sarebbe stato probabilmente compatibile con HD DVB-T2. H.264 basato su MPEG-4 è stato inizialmente progettato come codec. Negli anni che seguirono, milioni di televisori con nuovi ricevitori “a prova di futuro” furono venduti in Germania, fino a quando le emittenti televisive presto decisero a favore dell’HEVC (High Efficiency Video Coding; H.265). “Erano rimasti solo i due terzi dello spettro originale, mentre volevo inviare 40 programmi in HD – che non funzionava con H.264. Quindi avevo bisogno di H.265 due volte più efficiente”, spiega Silverberg .

Ulrich Reimers vom, l’istituto di telecomunicazioni di TU Braunschweig, è considerato il padre di DVB. Inizialmente parlando contro H. “Non avrei mai pensato che i produttori di TV avrebbero prodotto i loro ricevitori solo per il mercato tedesco. Tuttavia, guardando indietro, la decisione a favore di H.265 era corretta.” E poiché l’industria televisiva è andata nella direzione dell’UHD, che viene trasmesso anche tramite H.265, la tecnologia richiesta per DVB-T2 HD è stata accidentalmente integrata nei televisori esistenti.

Tuttavia, all’inizio la rabbia e la confusione per la decisione furono impressionanti. La tecnologia DVB-T che non era molto vecchia è diventata inutile e molti nuovi televisori non erano adattabili in futuro come previsto. Invece di specificare chiaramente la particolare rotta tedesca, ad esempio DVB-T3, il nuovo sistema è stato commercializzato come DVB-T 2 HD. Quindi c’erano televisori compatibili con l’HD con DVB-T2 che non erano equipaggiati per DVB-T2 HD.

Per alcuni, è almeno fastidioso: nella maggior parte delle regioni del DVB-T tedesco, le stazioni speciali, cioè i programmi dei gruppi RTL e Pro7 / Sat1, erano ricevibili gratuitamente tramite asta o antenne sul tetto. Chi è soddisfatto della risoluzione standard può vedere le persone, indipendentemente da eventuali addebiti di base, gratuitamente via cavo o satellite. Tuttavia, con DVB-T 2 HD questa alternativa non è disponibile. Sono 69 € all’anno per uno scambio di donne, campi nella giungla e Big Bang Theory.

La decisione delle emittenti private non aveva nulla a che fare con il nuovo standard, ma era economicamente motivata. Tuttavia, molti spettatori si sono lamentati della tecnologia. Il fatto che Freenet, l’operatore dell’infrastruttura numerica, abbia lanciato con successo sui media che i ricevitori del logo dell’azienda devono passare alla nuova TV digitale, ha anche contribuito a creare confusione e frustrazione. Freenet voleva installare l’infrastruttura di fatturazione per il maggior numero di utenti possibile, ma i dispositivi senza il logo erano sufficienti per prendere i mezzi pubblici: erano disponibili e disponibili a partire da 30 €.

Cinque anni dopo il suo lancio, il formato divenne disponibile in gran parte della Germania, ma non era prevista alcuna ulteriore espansione. Cosa è cambiato oltre alla migliore immagine HD 1080 / 50p? Sui computer è possibile solo ricevere e registrare canali in chiaro senza prelievi, anche su ricevitori dedicati con funzione di registrazione, l’utilizzo è limitato e l’impostazione non è buona. DVB-T 2 HD, come il suo predecessore, è buono come una “TV per tassisti”, ovvero come intrattenimento mentre i clienti aspettano. Data di ricezione a 180 km / h in autostrada. “Rispetto al vecchio DVB-T, T2 HD utilizza il doppio delle sottoportanti pesantemente imballate”, spiega Michael Silverberg. “Ricevendo durante la guida, l’effetto Doppler colpisce presto: a 60 km / h è la fine della giornata”. Anche molti vecchi utenti statici DVB-T hanno esaminato il tubo dopo il passaggio: a causa di una correzione degli errori più efficiente del processo, la potenza di trasmissione è stata ridotta e alcune torri radio sono state completamente disattivate. In alcuni luoghi, l’antenna interna è diventata improvvisamente insufficiente.

Per Freenet e la sua controllata Media Broadcast, la linea di fondo sembra che l’attività sia redditizia. Un portavoce della sua affiliata online Media Broadcast ha dichiarato: “Al 31 marzo 2021, circa 870.000 clienti utilizzavano il servizio a pagamento di freenet.tv”. Nonostante il calo degli abbonati negli ultimi anni, l’operatore si aspetta una “base clienti stabile intorno agli 800.000” e spera che dal 2024 in poi i costi di terra aggiuntivi diventino un’alternativa interessante per altri telespettatori.

DVB-T 2 HD e la sua controparte di trasmissione DAB + rimarranno probabilmente l’ultimo dei classici sistemi di trasmissione, spiega Ulrich Reimers. Una migliore operazione di trasmissione televisiva è tecnicamente possibile solo se ci si disconnette dalla rete di canali classici e si utilizzano segnali a banda molto larga con bassa potenza di trasmissione. “Per fare questo, le stazioni televisive dovranno sostituire tutte le infrastrutture esistenti e cancelleranno anche l’attuale pianificazione internazionale delle frequenze”.

Ma abbiamo ancora bisogno di offerte lineari? L’ex direttore della distribuzione del programma ZDF Eckhard Matzel è sicuro che la radio e la televisione classica rimarranno rilevanti fino a nuovo avviso. “Naturalmente, l’utilizzo si sta spostando nella direzione di Internet. Ma a quale velocità? Non oso speculare”.


(Duha)

Alla home page

READ  Avete azioni in società di idrogeno? Allora dovresti leggere questo!