Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Cina: isolamento di Harter a Xian

Pechino. Il video più polarizzante che i netizen cinesi si inviano sui social media in questi giorni simboleggia il lato oscuro delle rigide misure di blocco: puoi vedere un uomo in piedi davanti al cancello d’ingresso del suo complesso di appartamenti con un sacchetto di plastica di panini al vapore. la sua mano destra. Diversi dipendenti Anti-Covid stanno affrontando il presunto trasgressore che è stato spinto dalla fame a comprare cibo nonostante il coprifuoco. Spingono e spingono, finché il prezioso cibo non cade finalmente a terra sull’asfalto sporco.

La Repubblica popolare cinese inizia il nuovo anno con la più grande serie di contagi nel Paese da quando la prima ondata è stata contenuta nella primavera del 2020. Nelle ultime settimane sono stati registrati circa 1.600 contagi nel capoluogo di provincia di Xian. Le autorità hanno risposto con il blocco più duro dai tempi di Wuhan: mentre in precedenza 13 milioni di residenti di Xi’an erano in grado di lasciare le loro case almeno ogni pochi giorni per fare la spesa, ora possono uscire solo per i test obbligatori di Covid. Invece, dipendono interamente dalle spedizioni di forniture regolamentate dal governo.

Per valutare quanto sia successo, è necessario dare uno sguardo dietro le quinte: i media statali cinesi dipingono un quadro in gran parte roseo di comitati di quartiere che si sacrificano e residenti grati. Tuttavia, se parli effettivamente con la gente del posto, otterrai un’immagine diversa e più complessa.

Vetrina difficile

Dice una donna cinese della parte meridionale della città, epicentro dell’epidemia di Corona. In quel momento, le persone si aiutavano a vicenda all’interno del quartiere. Tuttavia, la situazione è precaria per quegli affittuari che non dispongono di frigoriferi per conservare il cibo.

READ  Bielorussia: l'Unione europea ne ha abbastanza di Lukashenko

Sulla piattaforma online Weibo, i residenti hanno segnalato come la situazione dell’approvvigionamento fosse peggiorata in pochi giorni. Qualcuno scrive: “Oggi ho aspettato un’ora e mezza per ricevermi: una patata nuda e due cavoli”. Lo stand del quartiere, dove prima avresti potuto avere le basi, doveva chiuderlo adesso.

In una chat di gruppo appositamente organizzata, un negoziante risponde a diversi residenti disperati che desiderano ordinargli di essere stato avvertito dalla polizia di non infrangere le regole.

Enorme compito logistico

Naturalmente, queste sono solo le parti a mosaico di una realtà multistrato. Ma la verità è che il danno collaterale della chiusura appare solo marginalmente nella copertura mediatica dei media statali. Non si può fare a meno di immaginare la situazione attuale con le persone svantaggiate a Xian: lavoratori migranti, lavoratori a giornata e senzatetto; Ma anche coloro che dipendono dalla somministrazione di farmaci o che non possono più beneficiare di un aiuto professionale a causa di malattie mentali.

Nel frattempo, è anche vero che l’assistenza notturna di diversi milioni di persone è un enorme compito logistico che solo pochi paesi oltre alla Repubblica popolare cinese possono gestire. In effetti, la rigorosa politica zero-Covid delle autorità ha salvato la popolazione totale di 1,4 miliardi di morti a causa del virus nonostante i sacrifici radicali che richiede all’individuo: secondo i dati ufficiali, finora in Cina sono morte meno di 6000 persone a causa del Corona. .

Paura di Omicron

Sebbene il numero di casi non segnalati sia probabilmente molto più alto a causa delle condizioni caotiche all’inizio dell’epidemia a Wuhan, la verità è che al più tardi dall’estate del 2020, il rischio di infezione da Corona virus non gioca più un ruolo nella vita quotidiana dei cinesi.

READ  Eruzione vulcanica a La Palma / Spagna: nuova eruzione notturna - flusso di lava ancora in corso

“Mi aspetto che la situazione a Xi’an possa essere ufficialmente messa sotto controllo prima di febbraio”, ha affermato Yanzhong Huang, esperto di salute e professore alla Seton Hall University nel New Jersey. Tuttavia, la vera preoccupazione è un’altra: sembra essere più mite, ma allo stesso tempo più contagiosa dell’alternativa Omicron. I vaccini cinesi non forniscono una protezione sufficiente contro questi. Finora, gli unici casi di Omicron in Cina sono stati riscontrati esclusivamente tra i migranti che sono stati messi in quarantena nei centri di quarantena all’arrivo. Ma indipendentemente dal fatto che sia Delta o Omicron: è solo questione di tempo prima del prossimo lockdown in Cina.