Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Che cosa significa un avviso di viaggio per il vaiolo delle scimmie di livello 2 e come influisce su di te

L’epidemia globale di vaiolo delle scimmie, un’infezione virale che un tempo conteneva l’Africa occidentale e centrale, ha spinto i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) a pubblicare avvisi di viaggio di livello II.

Il cambiamento di allerta dei Centers for Disease Control and Prevention ha fatto paragoni con lo scoppio della pandemia di COVID-19, che ha portato a restrizioni di viaggio in tutto il mondo per prevenire la diffusione del coronavirus. Mentre gli esperti sanitari hanno affermato che l’epidemia di vaiolo delle scimmie non dovrebbe essere paragonata alla pandemia di COVID perché è meno contagiosa, il pubblico dovrebbe rimanere vigile per impedire che il virus si infetti e si diffonda.

Ecco cosa significa l’avviso di viaggio di livello 2 del CDC e come influisce su di te come viaggiatore:

Il CDC ha emesso un consiglio di viaggio di livello 2 durante l’epidemia di vaiolo delle scimmie. Sopra, un malato di vaiolo delle scimmie nella Repubblica Democratica del Congo nel 1997 mostra tracce del virus sulle sue mani.
Collezione Smith / Gado / Getty Images

Cosa significa un avviso di viaggio di livello 2?

Alla luce del recente focolaio, il CDC ha emesso un avviso di viaggio di livello 2. Il CDC ha tre livelli distinti quando si tratta di viaggiare: il livello 1, che consiste nel “praticare le normali precauzioni” e il livello 2, che è l'”allerta ” livello, e il 3° livello, che è l'”avviso”.

Il livello 3 significa che le persone dovrebbero viaggiare solo quando strettamente necessario. Sebbene la Fase 2 non limiti davvero i viaggi, significa che le persone dovrebbero prendere alcune “precauzioni estese” per evitare il virus e cercare ulteriori indicazioni.

READ  Cepheid ha ottenuto il marchio CE per Xpert Xpress CoV-2 / Flu / RSV plus Test

Quali sono i sintomi della malattia del vaiolo delle scimmie?

I sintomi del vaiolo delle scimmie possono includere:

  • linfonodi ingrossati
  • Febbre
  • Emicrania e mal di testa
  • pelle d’oca
  • esaurimento
  • frettoloso
  • Mal di schiena
  • Spasmi muscolari

L’attuale focolaio ha visto 200 casi confermati e più di 100 casi sospetti in 20 paesi diversi.

Professore di sanità pubblica presso l’Università di Sheffield nel Regno Unito, Andrew Lee Settimana delle notizie Questo vaiolo è “molto meno contagioso del COVID-19, quindi il suo tasso di diffusione nella popolazione è significativamente più lento”.

Cosa sai fare?

Non esiste un vaccino contro il vaiolo delle scimmie. Tuttavia, ci sono alcune misure che gli individui possono adottare per prevenire l’infezione e la diffusione dell’infezione.

Il CDC raccomanda che le persone “evitino il contatto con animali selvatici, morti o vivi, come piccoli mammiferi, inclusi roditori (ratti e scoiattoli) e primati non umani (scimmie e grandi scimmie).

L’organizzazione ha anche avvertito che le persone dovrebbero “evitare di mangiare o preparare carne di animali selvatici (carne di selvaggina) o di utilizzare prodotti derivati ​​da animali selvatici originari dell’Africa (creme, lozioni, polveri)”.

Quali sono le cause del vaiolo delle scimmie?

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il vaiolo delle scimmie è un virus a doppio filamento che si diffonde dagli animali all’uomo. Sebbene non si sappia quale animale stia diffondendo l’attuale infezione, si ritiene che i colpevoli siano i roditori.

Il virus del vaiolo delle scimmie entra nel corpo attraverso la pelle rotta, il tratto respiratorio o le mucose, secondo il CDC. Le persone possono anche contrarre il virus attraverso il contatto diretto con i fluidi corporei.

Roger Paredes, membro dello Steering Committee for the HIV Drug Resistance Strategy dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e dell’American International Anviral Association, ha dichiarato: Settimana delle notizie. “Le principali vie di trasmissione tra le persone sono attraverso l’aria, attraverso il contatto con lesioni della pelle o delle mucose e fluidi corporei, ma anche con il letto. Il tasso di attacco secondario è solitamente del 3%, ma può salire fino al 50% con contatti stretti”.