Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Carenza di vitamina D: i micronutrienti dovrebbero frenare il cancro al colon – 30.000 persone in Germania

  • perTobias Ötz

    Vicino

Uno studio esamina la relazione tra carenza di vitamina D e rischio di cancro al colon e prevede 30.000 morti in meno in Germania.

Heidelberg/San Diego – Nel gruppo dei micronutrienti, la vitamina D è probabilmente l’area di ricerca più discussa negli ultimi anni. Oltre alle occasionali teorie sui farmaci miracolosi, un’attenzione particolare è stata posta sulla carenza di vitamina D. A loro volta, gli esperti hanno anche scoperto che dosi eccessive di vitamina possono anche causare danni alla salute. Tuttavia, l’essenza di numerosi studi afferma che: La vitamina D migliora il lavoro del sistema immunitario.

Lo studio più recente in quest’area di ricerca ha esaminato la relazione tra vitamina D e rischio di cancro al colon. Scienziati dagli Stati Uniti hanno rilevato questo progetto. Sono rimasti nel loro paese uno studio Dati della sonda spaziale “Aura” della NASA, che misura le radiazioni UVB globali. Hanno confrontato le informazioni con il set di dati Global Cancer sui tassi di cancro al colon. Nel sondaggio sono stati inclusi i valori di un totale di 186 paesi e diversi gruppi di età. Fattori come i livelli di ozono, la pigmentazione della pelle o l’aspettativa di vita sono stati esaminati dal team di ricerca. Gli scienziati hanno giustificato la scelta di questi criteri con studi che hanno mostrato un effetto sullo sviluppo del cancro in questo senso.

Carenza di vitamina D come rischio di cancro al colon: uno studio che esamina la geografia

Il calendario Lo studio è stato chiaro: nei paesi intorno all’equatore, l’incidenza del cancro del colon-retto è risultata essere molto più bassa rispetto ai paesi che ricevono molto meno raggi UVB dal sole a causa della loro posizione geografica. I ricercatori hanno citato Germania, Canada e Svezia come esempi. Pertanto, i risultati dello studio hanno fornito approcci preliminari per collegare la saturazione delle persone con la vitamina D e la geografia del loro luogo di residenza.

Il team di ricerca ha analizzato la relazione tra rischio di cancro al colon e carenza di vitamina D. (immagine dell’icona)

© Michael Bihlmayer / Imago Images

I ricercatori lo collocano nel contesto dell’aumento dei tassi di cancro al colon. Per quanto riguarda le combinazioni di età, gli scienziati hanno scoperto che le persone di età superiore ai 45 anni erano particolarmente a rischio di sviluppare il cancro al colon, che è stato classificato come un fattore aggiuntivo. Tuttavia, il team di ricerca ha sottolineato che l’affermazione di identificare tutti i fattori era probabilmente impossibile da raggiungere. È solo una questione di associazione.

READ  Creatività dell'elicottero di Marte: anche il terzo volo ha avuto successo, prime foto a colori

Scienziati tedeschi sono arrivati ​​a questi risultati e hanno fatto previsioni. Per la popolazione di età superiore ai 50 anni, si raccomandano adeguate precauzioni per la vitamina D come misura, secondo uno studio Dal Centro tedesco di ricerca sul cancro di Heidelberg. In questo modo, possono essere salvati dalla morte fino a 30.000 malati di cancro al colon. un uno studio Dal Robert Koch Institute spiega che l’82% della popolazione tedesca non riceve un adeguato apporto di vitamina D nei mesi invernali. In primavera, dice, sarà del 73 per cento. Quindi i ricercatori di RKI raccomandano: “Se vuoi integrare con vitamina D, dovresti assumere integratori contenenti fino a 20 microgrammi di vitamina D. […] al giorno, perché questa dose non è associata ad alcun effetto negativo sulla salute”.

Vitamina D: Youtuberin Mailab separa i fatti dai miti

Come accennato in precedenza, anche un’elevata assunzione di vitamina D sintetica può essere dannosa per la salute. Pertanto, si consiglia di consultare un medico in anticipo per quanto riguarda un integratore artificiale sotto forma di integratore alimentare. Gli esperti raccomandano anche di cambiare la dieta e mangiare pesce come aringhe o salmone due o tre volte alla settimana. Questo può anche aumentare l’assunzione di questa importante vitamina. Inoltre, l’esercizio all’aperto è importante per l’assorbimento della vitamina D attraverso l’esposizione alla luce solare. (Atto)