Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Cambiamento climatico: cosa stanno facendo gli agricoltori per combattere la siccità

Stato: 07.05.2022 16:14

Negli ultimi anni la siccità e la siccità hanno portato anche al fallimento dei raccolti in Germania. In che modo l’agricoltura dovrebbe affrontare la siccità nei campi?

Cavoli, broccoli, lattuga, finocchi e prezzemolo crescono nei campi di Martin Steig a Vorderpfalz. L’orticoltore possiede 15 rubinetti su 50 ettari di terreno, e ci sono tubicini ovunque nei campi collegati alla rete idrica. “Le verdure non funzionano senza l’irrigazione artificiale”, afferma Steig.

Mancanza di crescita senza irrigazione artificiale

Attualmente irriga i suoi campi una volta alla settimana a 15-20 litri per metro quadrato, e molto di più nei mesi estivi asciutti. “Altrimenti avrei piante rachitiche, proprio in tutta la gamma, il commercio non comprerebbe tali verdure da me, perché non sarebbero commerciabili”. L’acqua che Martin Steig usa per innaffiare le sue verdure non è sotterranea, ma proviene da un braccio del vecchio Reno vicino a Spira.

L’agricoltore di Mutterstadt è membro dell'”Associazione per l’irrigazione dell’acqua e del suolo Vorderpfalz”. Dispone di un proprio impianto di irrigazione con stazioni di pompaggio e un’ampia rete di tubazioni. Ogni anno milioni di metri cubi d’acqua vengono convogliati dal vecchio braccio del Reno negli orti del Vorderpfalz. Circa 525 contadini ottengono l’acqua per i loro campi in questo modo. “Il nostro sistema di irrigazione è unico in Europa su questa scala. Consentiamo agli agricoltori della nostra zona di irrigare in modo ottimale i loro campi e di operare in modo da proteggere le falde acquifere, dal momento che otteniamo l’acqua dall’antico braccio del Reno vicino a Spira”, afferma Christine Gerzech, portavoce dell’Associazione per l’irrigazione.

READ  Ulteriori informazioni: Insulinabgabe per App auch für Kleinkinder mit Typ-1-Diabetes

Affari come parte del problema?

Hans-Jürgen Hahn dell’Università di Coblenza-Landau ricerca le interazioni tra acque superficiali e sotterranee. Il mondo riconosce la siccità come un problema per l’agricoltura, ma ai suoi occhi anche l’agricoltura stessa è parte del problema. Per un ecologista delle falde acquifere, l’agricoltura come prodotto alimentare dipende chiaramente dall’acqua negli anni di siccità, ma sostiene un uso più economico delle scarse risorse idriche e un’agricoltura più sostenibile.

Il fatto che gli agricoltori di Vorderpfalz utilizzino l’acqua del vecchio braccio del Reno e non attingano alla falda freatica è positivo perché protegge il livello della falda freatica e non lo abbassa ulteriormente. “Ma l’irrigazione artificiale non può essere una panacea. E non è possibile un ritiro illimitato dal Reno senza conseguenze per l’ambiente”.

Hahn critica anche le conseguenze dell’agricoltura intensiva, resa possibile dall’irrigazione del Vorderpfalz. “Le acque sotterranee sono inquinate a causa delle numerose colture e della fertilizzazione pesante. Il contenuto di nitrati nelle acque sotterranee è significativamente più alto a Vorderpfalz che in altre zone”. Questo è esattamente ciò che critica l’organizzazione per la conservazione della natura BUND Vorderpfalz.

Inverdimento tutto l’anno

Più piccole delle patate e rese inferiori rispetto ad altre colture – Come molti agricoltori, anche l’agricoltore biologico Armin Metzler ha risentito degli effetti della siccità sui suoi campi negli ultimi anni. Tuttavia, affidarsi principalmente all’irrigazione artificiale è un approccio sbagliato nei confronti dell’agricoltore dell’Assia renana. “In primo luogo, non tutti gli agricoltori hanno acqua a sufficienza e, in secondo luogo, questo non risolve il problema fondamentale della siccità e del cambiamento climatico”.

Meitzler ne è ben consapevole, soprattutto quando coltiva ortaggi senza irrigazione, ma il coltivatore di Spiesheim adotta un approccio diverso. Coltiva i raccolti e coltiva la vite senza irrigazione artificiale. “Dobbiamo immagazzinare meglio le precipitazioni nel terreno quando cade, anche durante forti piogge, ad esempio. Per questo è necessaria la formazione di humus”. Ecco perché un agricoltore biologico coltiva i suoi campi tutto l’anno e in inverno coltiva ad esempio segale e legumi, che forniscono nutrienti al terreno e non vengono raccolti successivamente ma lavorano nel terreno. Allo stesso modo, Klee è minato. Anche in estate semina varie tipologie di piante subito dopo la raccolta, che vengono successivamente inglobate nel terreno.

READ  Corona fredda o influenza? Ecco come differiscono i sintomi tipici

Le varietà più vecchie sono più resistenti

L’agricoltore biologico si affida anche a grani antichi come il monococco e il farro, ma si basa anche sul farro. “Queste varietà possono gestire meglio lo stress da siccità e sono più resistenti a tutti i tipi di clima esotico”. E: l’agricoltore Metzler ha recentemente piantato 500 alberi e arbusti nei suoi campi: noci, nocciole, mele, albicocche, susine, lamponi, ribes, più di 120 specie e specie – un progetto dell’impresa regionale “Forest for Life”. In questo modo, il coltivatore può fornire i frutti della zona e gli alberi con radici più lunghe devono fornire al terreno nutrienti tutto l’anno e anche fornire ombra sulla terra arabile nel mezzo.

“100 anni fa, era più comune, alberi nei campi”, dice l’agricoltore biologico. “Prima che diventino un ostacolo alla coltivazione dei campi con grandi macchine”. Ci sono circa 36 metri tra i filari di alberi nei campi del contadino Metzler a Rheinheisen, quindi può lavorare lì con il suo trattore e la sua mietitrice. “Se dovesse diventare troppo secco, dovrò innaffiare gli alberi nelle prossime settimane, ma solo perché sono appena piantati. Questa sarebbe un’eccezione assoluta”.

Il coltivatore di ortaggi Steig di Vorderpfalz afferma di usare l’acqua con moderazione. “Innaffio quanto mi serve per la crescita delle piante, non di più.” Gli agricoltori non sanno quali ceppi vegetali richiedono meno acqua. Se esistono e sono commerciabili, Steig potrebbe vedersi coltivarli, dice. “Ma nella discussione completa sull’uso dell’acqua, vorrei sottolineare che dopo tutto, qui è in gioco la sicurezza alimentare”. Il coltivatore di ortaggi Steig afferma che se la produzione alimentare non funziona, le conseguenze saranno disastrose.

READ  Il valore dell'occorrenza è diminuito a causa dell'indisponibilità dei numeri attuali