Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Cambiamenti climatici e salute: “Il polline sta diventando più aggressivo”


un’intervista

Stato: 19/11/2022 02:56

Il cambiamento climatico ha conseguenze di vasta portata per la salute. I ricercatori ipotizzano che nel 2050 una persona su due in Germania soffrirà di allergie. Lo specialista di medicina ambientale Traidl-Hoffmann spiega cosa fare al riguardo.

Tagesschau.de: Ho tenuto una presentazione alla Conferenza mondiale sul clima COP27 sull’impatto del cambiamento climatico sulla salute e sulle allergie. Quali sono i risultati della tua ricerca?

Claudia Tridel Hoffmann: Notiamo che il cambiamento climatico aumenta la sensibilità. In futuro avremo persone allergiche che soffriranno di più di allergie. E generalmente avremo più persone allergiche. Questo accade perché il cambiamento climatico colpisce gli ecosistemi, come il polline. Il polline volerà di più, volerà più a lungo, sarà anche più aggressivo e abbiamo anche nuovo polline. Ecco perché il tema del cambiamento climatico, della salute, dei cambiamenti climatici e delle allergie è così importante.

a una persona

Claudia Tridel Hoffmann è un medico ambientale che ricerca principalmente gli effetti del cambiamento climatico sull’ambiente e sulla salute. È vicedirettore del Center for Climate Resilience dell’Università di Augsburg.

Tagesschau.de: Perché c’è più polline e, soprattutto, più aggressivo?

Pista Hoffmann: Il polline inizia a volare all’inizio dell’anno e inizia anche a volare di più durante l’anno. Vediamo solo quanto fa caldo fuori in questo momento. Quest’anno abbiamo anche avuto un’altra stagione dei pollini di graminacee, qualcosa di molto insolito. Il polline diventa più aggressivo nei nostri confronti perché rilascia in noi una quantità maggiore di questa proteina che provoca allergie.

Allo stesso tempo, l’anidride carbonica è un fattore di crescita per le piante, motivo per cui ogni giorno vediamo più polline. E arriva nuovo polline, come l’ambrosia, che cresce in una terra desolata dove non cresce nient’altro. È un piccolo polline che provoca anche gravi attacchi di asma.

Tagesschau.de: Esistono dati sull’entità dell’aumento delle malattie allergiche nella comunità?

READ  Da lunedì "3G" sarà ampiamente implementato: aumentano i rischi per le persone non vaccinate

Pista Hoffmann: L’Accademia Europea di Allergologia e Immunologia Clinica stima che nel 2050 una persona su due in Germania in Europa soffrirà di allergie. Già il 30 per cento dei nostri bambini soffre di allergie. La tendenza è ancora in aumento.

Tagesschau.de: C’è un modo per ridurre la sensibilità?

Pista Hoffmann: Esiste qualcosa chiamato immunoterapia specifica che può essere utilizzata per eliminare le allergie. Ma dobbiamo anche adottare misure preventive. Il punto è la neurodermite, una malattia che finisce per aprire la porta alle allergie. La dermatite atopica provoca la fuoriuscita della pelle, che può portare a reazioni allergiche. Ciò significa che dobbiamo trattare la neurodermite in modo davvero sensato e sostenibile per fermare l’allergia.

Anche la dieta ne fa parte. Sappiamo che se nutriamo il bambino con cibi diversi nel primo e nel secondo anno di vita, diminuisce anche la possibilità di sviluppare allergie. Pertanto, ci sono diverse cose che possiamo fare per prevenire lo sviluppo di allergie.

Tagesschau.de: Anche le questioni relative alla salute e ai cambiamenti climatici hanno avuto un ruolo importante alla Conferenza delle Nazioni Unite sul clima. Per la prima volta c’è una suite su questo argomento. La consapevolezza di questi problemi è cambiata negli ultimi anni?

Pista Hoffmann: C’è una vera scossa che sta attraversando la comunità medica in questo momento perché ci siamo appena resi conto che abbiamo la responsabilità di raccontare questa storia: mentre l’orso polare è in pericolo, il cambiamento climatico è in realtà una minaccia per la nostra salute, per… le vite dell’umanità. Questo è il motivo per cui queste iniziative vengono implementate ora. Il Bavarian Doctors’ Day conteneva un grande argomento legato al cambiamento climatico e alla salute. C’è un intero stand alla COP27 in cui è stato chiarito come il cambiamento climatico stia influenzando notevolmente la nostra salute e mettendola in pericolo molto di più.

READ  Più accurato del metodo al radiocarbonio: l'intelligenza artificiale ad oggi delle scoperte archeologiche

La sensibilità è un punto. E ovviamente il caldo è il grosso problema. Dobbiamo sviluppare strategie di coping. I nostri corpi sono adattabili solo in misura limitata. Per questo dobbiamo adattarci e mitigare i cambiamenti climatici, altrimenti la sopravvivenza della razza umana è a rischio.

Tagesschau.de: Cosa significa che gli esseri umani sono solo parzialmente adattabili?

Pista Hoffmann: Se avessimo già settimane di caldo, non potremmo sopravvivere. Il caldo durante il giorno può portare all’insufficienza del cuore e dei vasi sanguigni, oppure puoi ammalarti più spesso perché non riesci più a dormire la notte a causa del caldo. Naturalmente, sono questi cosiddetti gruppi vulnerabili che soffrono di conseguenza. Questi sono bambini piccoli, anziani, malati e poi ci sono i morti. Una temperatura corporea di 42 gradi non è più compatibile con la vita. Ciò significa che dobbiamo effettivamente adattarci e dobbiamo davvero mitigare gli effetti del cambiamento climatico perché altrimenti intere regioni del mondo diventerebbero inabitabili.

Tagesschau.de: Di cosa avrebbero bisogno i professionisti medici come te per poterlo fare? Abbiamo bisogno di piani di emergenza?

Pista Hoffmann: Abbiamo bisogno di sistemi di allerta precoce, sistemi di allerta combinati per calore, sostanze inquinanti e polline. Dobbiamo educare le persone su queste comuni minacce ambientali che ci vengono incontro. Naturalmente, abbiamo anche bisogno di piani di protezione dal calore e regolatori di temperatura per gli ospedali. Se fa perennemente caldo, ovviamente abbiamo il problema che le nostre ambulanze sono sovraffollate di persone che si affrettano a ammalarsi. Ecco perché abbiamo bisogno di piani d’azione di emergenza che organizzino proprio questo.

E servono piani di emergenza non solo negli ospedali, ma anche nei comuni. I francesi ce lo hanno mostrato meravigliosamente. Hanno messo in atto un piano di protezione dal caldo per la nazione dall’estate afosa del 2003. Questo è esattamente ciò di cui abbiamo bisogno in Germania per salvare vite umane.

READ  Difterite: più casi di sindrome da tosse acuta nei bambini piccoli a causa di Omicron

Tagesschau.de: Ora questo appello non è del tutto nuovo. C’è addirittura uno studio della rivista specializzata “The Lancet” sull’argomento che indica proprio questo. Siamo troppo lenti o chiudiamo gli occhi?

Pista Hoffmann: Mi chiedo costantemente come possiamo dormire. seguace”Il conto alla rovescia di LancetDice che ci sono tre cose che dobbiamo assolutamente fare quando pensiamo al cambiamento climatico e alla salute: la prima è creare strutture di approvvigionamento in termini di nutrizione e ovviamente un sistema alimentare sostenibile.

Il secondo punto è ridurre gli inquinanti nell’aria esterna. E possiamo farlo anche noi, se generiamo la nostra energia da fonti pulite, allora possiamo ridurre gli inquinanti.

E la terza cosa è che dobbiamo rendere sostenibili i nostri sistemi sanitari, perché il settore sanitario stesso è responsabile del cinque percento di tutte le emissioni di anidride carbonica in tutto il mondo. Il punto è: la maggior parte dell’anidride carbonica viene prodotta davanti all’ospedale, cioè il trasporto in ospedale, le medicine consegnate, ma ovviamente anche le persone che vanno al lavoro in macchina e non usano i mezzi pubblici.

Ciò significa che abbiamo una grande opportunità se affrontiamo questi tre punti sollevati dal conto alla rovescia di Lancet qui. Quindi possiamo creare questa meravigliosa situazione a doppia vittoria per la nostra salute, la sopravvivenza dell’umanità e, naturalmente, la salute del pianeta. E se ne siamo davvero consapevoli, agiremo anche noi, e quindi speriamo anche nella transizione energetica di cui abbiamo tanto bisogno in Germania, in Europa e nel mondo.