Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Cambiamenti climatici e inquinamento: 500 milioni di persone si preoccupano per il Nilo

Cambiamenti climatici e inquinamento
500 milioni di persone dovrebbero preoccuparsi del Nilo

Il fiume Nilo non è solo uno dei fiumi più lunghi del mondo, ma è anche la linfa vitale di tutti nell’Africa nord-orientale. Ma il cambiamento climatico potrebbe cambiarlo. Il fertile delta è minacciato dall’innalzamento del livello del mare. Ma ci sono altri problemi.

I faraoni l’hanno adorata come una divinità e la linfa vitale dell’Africa, ma il cambiamento climatico, l’inquinamento delle acque e l’ampio uso umano stanno colpendo sempre più il Nilo. Mezzo miliardo di persone dipende dal secondo fiume più lungo del mondo con una lunghezza di 6.500 km, dalle sue sorgenti all’Egitto.

“Il Nilo è la cosa più importante per noi”, afferma Mohamed Dachoma, 17 anni, che coltiva con la sua famiglia sulle rive del Nilo ad Alti, in Sudan. Ma negli ultimi 50 anni, la portata è diminuita da 3000 metri cubi a 2830 metri cubi al secondo. Secondo le proiezioni delle Nazioni Unite (ONU), la quantità di acqua potrebbe diminuire fino al 70 per cento a causa di diverse siccità nell’Africa orientale.

Anche il Lago Vittoria, la più grande fonte d’acqua del Nilo dopo le piogge, può prosciugarsi a causa, tra le altre cose, della siccità e dell’evaporazione. Di fronte a scenari così deprimenti, la gente del posto sta cercando di ridurre il deflusso del lago. Ma secondo gli esperti, le dighe non fanno che accelerare il disastro.

Inoltre, negli ultimi 60 anni, il Mediterraneo ha eroso ogni anno tra i 35 ei 75 metri del delta del Nilo. Secondo le Nazioni Unite, se il livello del mare si alzasse di un metro, un terzo di questa zona molto fertile potrebbe scomparire. Questo potrebbe costringere nove milioni di persone a fuggire.

Alla foce del Nilo sono scomparsi gli affioramenti di Damietta e Rashid che un tempo confluivano nel Mediterraneo nell’Egitto settentrionale. Tra il 1968 e il 2009 il mare ha divorato tre chilometri nel delta del Nilo: a causa della debole corrente, il fiume non ha potuto trattenere il mare, che nel secolo scorso si è alzato di circa 15 centimetri a causa dei cambiamenti climatici.

Sedimenti della diga di Assuan

Dalla costruzione della diga di Assuan negli anni ’60, i sedimenti ricchi e scuri, che hanno formato una barriera per proteggere il paese per migliaia di anni, non sono andati oltre l’Egitto meridionale. Secondo il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP), se le temperature continuano a salire, il Mediterraneo avanzerà nel delta di altri 100 metri all’anno.

Ciò riguarda anche i coltivatori di riso e mais sul fiume Nilo. Il sale del Mediterraneo è già penetrato nella maggior parte del paese, uccidendo e indebolendo le piante. Per compensare la salinità del suolo, gli agricoltori devono pompare più acqua dolce dal Nilo. Inoltre, il sedimento manca come fertilizzante. Il completamento della Grande Diga Rinascimentale in Etiopia potrebbe esacerbare la situazione nei prossimi anni.

Secondo il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente, il Mediterraneo potrebbe alla fine inghiottire 100.000 ettari dei migliori terreni agricoli. Sarebbe disastroso per l’Egitto, dal momento che tra il 30 e il 40 per cento della produzione agricola del paese proviene dal delta del Nilo.

La situazione è simile al vicino Sudan, dove la metà della popolazione di 45 milioni di abitanti vive sulle rive del Nilo, che copre i due terzi del consumo di acqua. Le popolazioni dei due paesi raddoppieranno entro il 2050, mentre le temperature aumenteranno di due o tre gradi contemporaneamente.

Minacciata anche la funzione del Nilo come fonte di energia: in Sudan più della metà dell’elettricità proviene dall’idroelettrico, in Uganda l’80%. Ma ora le persone stanno subendo frequenti interruzioni di corrente: “Se le precipitazioni diminuiscono, abbasserà il potenziale idroelettrico”, afferma Revocatus Twinomuhangi, esperto di cambiamenti climatici a Kampala, in Uganda. Già negli ultimi cinque o dieci anni, “abbiamo assistito a un aumento della frequenza e della gravità di siccità, forti piogge, inondazioni e caldo”.

Fonte: ntv.de, Menna Zaki, Grace Mitsiko, Bassem Aboulabas e Sarah Benhaida, AFP

READ  Supercelle, forti piogge, grandine: le tempeste continuano a infuriare - poi torna il caldo - Meteorologia