Aprile 11, 2021

Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Brexit News: l’Italia perde 5.000 85.000 dopo il crollo dell’UE nella guerra del tonno di Bluffin | Politica | notizia

Grazie alla Brexit, il Regno Unito è diventato un vero e proprio paese extra UE, che svolge un ruolo importante nelle catture di tonno rosso. Il successo di pesca per la Gran Bretagna ha causato un’enorme perdita di $ 85.328 ($ 100.000) in Italia.

Gli stati membri dell’UE perderanno un totale di 48 tonnellate di tonno rosso, che si sposterà attraverso il canale, con l’Italia che ne perde 11 tonnellate.

L’ICCAD, la Commissione internazionale per la protezione dei tonnidi dell’Atlantico, ha lanciato la scorsa settimana un monito sulla nuova distribuzione delle catture gestite in c, annunciando il colpo catastrofico ai pescatori italiani Fedagribesca-Confederazione.

Un portavoce di FedEx Gribesca ha dichiarato: “Peccato che le scelte geopolitiche stiano facendo un passo indietro rispetto alle conquiste di Tuna grazie alla sua buona salute”.

La nuova mappa indica anche implicazioni burocratiche, che costringeranno i paesi a riconsiderare gli ordini di distribuire le catture a livello nazionale tra i diversi sistemi di pesca del tonno.

Aggiungere tempo con il rischio di “avvicinarsi alla campagna 2021 a partire dalla fine di maggio” è basso.

L’Italia non è l’unico paese dell’UE a sperimentare gli effetti della Brexit sulla sua pesca.

leggi di più: L’UE “umiliata” è rimasta scioccata dalla rapidità con cui il Regno Unito ha firmato accordi commerciali

A più di un’ora dal confine marittimo del Regno Unito con l’Unione europea, i leader della pesca a Bolognese-Sur-Merrill si sono lamentati del fatto che la pesca nella zona di 12 miglia del Regno Unito non è ancora stata autorizzata. In una lettera ai funzionari di Bruxelles, il ministro della Marina francese Annie Girardin e il sindaco di Bolognese-sur-Mer Frederic Guillaume hanno chiesto un’azione urgente.

READ  FIFA World Cup 2022 Diritti media concessi in Italia

La lettera, firmata da Jean-Fran பா ois Robin, consigliere regionale e senatore del PASS-de-Galileo, e Xavier Bertrand, capo della regione Hots-de-France, affermava che solo 23 licenze erano state rilasciate dal governo britannico per un flotta di 850 navi.

Express.co.uk comprende i funzionari della UK Single Release Commission (SIA) responsabili del rilascio delle licenze per consentire la pesca dell’UE entro 12 miglia dalla costa britannica il 29 gennaio.

Non perdere:
I pescatori francesi sono in preda al panico poiché solo 23 persone possono entrare nelle acque inglesi [LIVE BLOG]
L’ultima Brexit: gli stranieri britannici “ in lacrime ” mentre la Spagna deportano 500 persone [INSIGHT]
Le minacce dell’UE etichettano il divieto di esportazione del vaccino Covit come “pericoloso” [ANALYSIS]

Ma la lettera è stata copiata anche ai funzionari di Whitehall: “Il 1 ° gennaio il governo ha promesso di avere le licenze di pesca entro 6-12 miglia nautiche davanti ai soldati sul campo di Bolognese-sur-Mer. Consegnato entro 48 ore.

“Ma ad oggi, nonostante questo impegno, sono state rilasciate solo 23 licenze che minacciano direttamente l’operazione di 850 marinai nell’Alta Francia e 5.000 posti di lavoro in porto”.

Il sindaco di Bologna-sur-Marin, Frederick Quillier, ha aggiunto in un comunicato: “Questa è calunnia.

“I paesi dovrebbero chiedere un programma di sostegno a livello europeo.

“La Francia deve essere un giocatore in questa esigenza”.

Stephen Pinto, vicepresidente della Commissione regionale per la pesca, ha affermato che il governo francese dovrebbe esercitare pressioni sull’UE per trovare una soluzione.

Ha aggiunto: “Non riesco a immaginare che le autorità francesi dicano agli imprenditori:” Non abbiamo soluzioni, dobbiamo interrompere la vostra operazione “.

READ  L'Italia per prevenire i naufragi vicino ai siti del patrimonio di Venezia

La signora Pinto ha detto che le era stato detto dai funzionari di Parigi che un “piano di uscita navale” dovrebbe essere stabilito se le licenze della singola autorità editoriale del Regno Unito non fossero arrivate presto.

“In altre parole, rompiamo le barche e veniamo pagati”, ha spiegato.

Relazione aggiuntiva di Maria Ortega