Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Bravehearts ispira: l’Inghilterra vacilla nella “Battaglia d’Inghilterra”

Bravehearts Ispirazione
L’Inghilterra inciampa nella “Battaglia d’Inghilterra”

L’Inghilterra sta giocando con il fuoco. Sei stato il favorito nella battaglia d’Inghilterra. Ma i Bravehearts sono un’ispirazione. L’Inghilterra manca di chiarezza nelle procedure. Le stelle del Dortmund Sancho e Bellingham non giocano.

Non c’è nessun vincitore nella “Battaglia d’Inghilterra” – eppure un perdente nel nome dell’Inghilterra: il co-candidato al Campionato Europeo non ha deluso 0-0 in un duello di prestigio con la Scozia e quindi ha perso una qualificazione anticipata per il turno di 16. Nel freddo e piovoso clima britannico, il Team The Three era The Lions deve molto ai buoni scozzesi – e hanno persino ricevuto fischi da ascoltare allo stadio di Wembley a Londra.

“Complimenti alla Scozia, hanno difeso molto bene. Va bene, non è stata la nostra migliore prestazione, non abbiamo avuto abbastanza occasioni”, ha detto il capitano dell’Inghilterra Harry Kane. Ancora più felice il centrocampista scozzese Billy Gilmore: “Avevamo un solo desiderio, volevamo respingere gli inglesi e batterli”.

Dopo una vittoria di misura nella prima partita contro la Croazia (1-0), l’Inghilterra ha fatto un piccolo passo verso la fase a eliminazione diretta. Con quattro punti, la squadra di Gareth Southgate è a pari merito con la Repubblica Ceca in testa al Gruppo D, e martedì prossimo (ore 21) ci sarà un duello diretto. Nel loro primo torneo importante in 23 anni, la Scozia ha ancora almeno un punto di possibilità di raggiungere gli ottavi di finale e potrebbe prendere molta fiducia in se stessi da questo duello più antico della storia del calcio.

Un intero paese dietro Bravehearts

Quasi 150 anni fa, nel novembre 1872, Inghilterra e Scozia si incontrarono per la prima volta sul campo, e venerdì il match entrò nella sua 115esima edizione.Il ruolo di esterno era pesantemente riservato agli scozzesi, ma è proprio da questo che hanno sempre tratto il loro impulso nella “battaglia del per la Gran Bretagna. “L’intero paese sarà dietro di noi”, ha detto Stuart Armstrong della Scozia.

Tuttavia, l’incontro non è stato un evento quotidiano nemmeno per la giovane squadra inglese, Marcus Rashford si aspettava “una delle più grandi partite della nostra carriera”. Dopo pochi minuti, l’Inghilterra sviluppa la giusta pressione: John Stones (11) mette un colpo di testa sul palo, e solo due minuti dopo Raheem Sterling afferra il pallone nell’area di rigore avversaria, al centro Mason Mount sbaglia di pochi centimetri.

di nuovo senza Sancho

Il team manager Gareth Southgate ha ricostruito la sua squadra di grande talento dopo aver battuto la Croazia, con Jadon Sancho del Borussia Dortmund che è entrato in squadra questa volta, ma non nella formazione iniziale. Dopo una buona fase iniziale, hanno avuto evidenti problemi con gli scozzesi, che non sono stati convincenti solo in termini di combattimento. Con una pioggia costante e solo circa 13 gradi, gli inglesi si sono fermati, la Scozia si è liberata più facilmente e ha offerto una brillante opportunità: il superbo tiro di Stephen O’Donnell ha costretto Jordan Pickford a una solida parata (30).

La partita dell’Inghilterra ora sembrava lenta, poiché i fischi di alcuni dei 22.500 spettatori hanno accompagnato i favoriti nella pausa. I circa 3000 tifosi scozzesi, invece, hanno visto un duello ad armi pari nel secondo tempo. Anche se l’esterno ha dovuto sopravvivere a un’altra fase iniziale forte per l’inglese, ha costretto l’avversario a giocare di nuovo e presto ha avuto la successiva chiara opportunità. Spettacolare come il primo inning di O’Donnell, Lyndon Dykes si è ritirato dal round (62), ma ha fallito di poco. L’Inghilterra mancava ancora della velocità e delle cose sorprendenti nella partita in avanti.

READ  Quattro club della Bundesliga contemplano Terzic