Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Boris Johnson e la crisi del regno

Aggiornato il 1 ottobre 2021 alle 19:53

  • Carenza di carburante, alti prezzi dell’energia, inflazione: in Gran Bretagna c’è un crescente malcontento tra i cittadini.
  • Anche il costo totale della vita è in aumento.
  • D’altra parte, c’è ancora molto sostegno per il primo ministro Boris Johnson nel partito conservatore.

Puoi trovare più notizie attuali qui

Prima della conferenza del partito Boris Johnson I conservatori britannici sono in crisi. I conducenti hanno a che fare con Enormi difficoltà alle stazioni di servizio stare in giro. Molte pompe di benzina sono inutilizzate e, dove c’è ancora carburante, spesso le persone devono fare la fila negli ingorghi che si estendono per chilometri. Il motivo è la massiccia carenza di camionisti. Ciò ha già causato lo svuotamento di alcuni scaffali nei supermercati, il che potrebbe far aumentare i prezzi di molti prodotti.

Il primo ministro Johnson si era nascosto per diversi giorni, poi ha minimizzato la crisi. “Stiamo iniziando a vedere i primi segnali di miglioramento”, ha detto in una breve clip, promettendo che la situazione dell’offerta sarebbe stata sotto controllo a Natale.

Gran Bretagna: “L’inverno del malcontento” è dietro l’angolo

Ma come se la carenza non fosse abbastanza, i consumatori devono andare avanti Gran Bretagna Per far fronte al forte aumento dei costi energetici, che colpisce particolarmente il Paese perché privo di riserve di gas. E se l’inflazione aumenta, i tassi di interesse potrebbero presto aumentare, il che potrebbe mettere nei guai molti proprietari di case.

Inoltre, a fine settembre è scaduto il “leave scheme”, la versione britannica dell’indennità per lavoro ridotto. Il programma ha mantenuto migliaia di persone in posti di lavoro che potrebbero non esistere più. Tutto arriva dopo l’impopolare decisione di Johnson di aumentare i contributi alla sicurezza sociale, nonostante le promesse della campagna elettorale contrarie, al fine di finanziare una riforma urgentemente necessaria dell’assistenza a lungo termine. Si parla già di una “crisi del costo della vita” incombente e di un “inverno del malcontento” (inverno del malcontento). Si teme che un gran numero di persone scivoli nella povertà.

READ  Taglio di capelli! Il padre di Gornes fa causa alla scuola per 1 milione di dollari - BZ Berlin

All’interno della festa, le cose continuano ad andare bene per Boris Johnson

Tuttavia, il politologo Anand Menon del King’s College di Londra crede che il partito dei Tories Johnson festeggerà “come un campione” alla convention di quattro giorni a Manchester che inizierà domenica. “I membri del partito conservatore lo adorano e anche i parlamentari Tory lo adorano perché ha vinto (le elezioni)”, ha detto Anand in un’intervista a dpa. Il fatto che Johnson fosse in ritardo per commentare la crisi del carburante ha incontrato critiche occasionali, ma Menon lo vede come una tendenza per Johnson a nascondersi quando il gioco si fa duro. Poi gli altri devono rispondere.

Johnson si era già sbarazzato di alcune di queste armature umane prima della convention del partito: in un rimpasto Espulso l’ex segretario di Stato Dominic Raab Nel Dipartimento di Giustizia e Istruzione il segretario Gavin Williamson è stato licenziato. Nessuno dei due ha fatto una bella figura. Williamson è stato criticato in questa pandemia per il caos negli esami di maturità e l’organizzazione dell’insegnamento in questa pandemia. Raab era riluttante a tornare dalle vacanze quando il movimento intransigente dei talebani islamisti ha preso il controllo della capitale afgana, Kabul, e le forze britanniche e occidentali hanno lasciato il paese in fretta.

Esperto politico: “possibili” nuove elezioni nel 2023

Menon ha detto che ci saranno sicuramente “molte discussioni difficili” sulle decisioni economiche alla conferenza. Ma ancora non crede che il primo ministro abbia subito alcun danno. Ma avverte: “Se le cose economicamente vanno davvero male, soprattutto se c’è alta inflazione e disoccupazione, il governo sarà nei guai”. Tuttavia, a lungo termine, una previsione economica negativa potrebbe spingere Johnson a elezioni anticipate, come ritiene lo scienziato: “Penso che la primavera del 2023 sia una possibilità”.

READ  Vienna: la madre del tredicenne assassinato chiede "Dov'è la politica?"

Florian Voss, che fa ricerca nell’area del comportamento politico presso la London School of Economics, vede anche dei rischi per Johnson in un’economia debole. Ma crede che l’intensificarsi dell’epidemia potrebbe influenzare l’umore nel Paese a spese dei conservatori. Come spesso accade, Johnson ha puntato tutto su una carta con la sua strategia di apertura radicale. Grazie a una campagna di vaccinazione di successo, ha detto Voss, molti britannici lo hanno perdonato per gli errori che ha commesso all’inizio, “ma se le cose dovessero andare di nuovo male, presto le cose potrebbero sembrare diverse”. (migliore/dpa)

Il governo del primo ministro britannico Boris Johnson ha annunciato, domenica, che rilascerà 5.000 visti validi fino al 24 dicembre ai camionisti stranieri alla luce della continua carenza di rifornimenti. Almeno i camionisti polacchi non vogliono aiutare.