Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

BILD è sul suo posto in Afghanistan: “Non si vedono donne per strada” – Politica all’estero

Bild nell’inferno dei talebani in Afghanistan!

Questa mattina, il giornalista della BILD Paul Runzheimer e il fotografo Giorgos Motavis sono riusciti ad attraversare il confine con l’Afghanistan vicino a Tarmez su strada dall’Uzbekistan. Ora guidano per circa otto ore attraverso il paese fino alla capitale, Kabul.

“La vita in qualche modo fa il suo corso, le persone continuano a lavorare. Tuttavia, non si vedono donne qui nelle aree del villaggio per le strade – almeno non ho ancora visto nessuna donna – solo uomini. E puoi vedere la bandiera dell’emirato in ogni villaggio che attraversiamo”, ha detto. Ronzheimer BILD Live, presentatore di BILD TV.

Confine dall’Uzbekistan, “Quando ho incontrato per la prima volta i talebani, un uomo di lingua inglese mi ha chiesto:”come state ragazzi?’ – amico ,benvenuto!’ Per così dire. “

I talebani sono felici. È un giorno storico, hanno catturato l’aeroporto di Kabul. Ho la sensazione che tu non ci creda da solo”, ha detto il vicepresidente di BILD.

+++ BILD è ora disponibile anche in TV! CLICCA QUI PER BILD LIVE +++

Solo quando attraversi piccoli villaggi verso Kabul vedi la devastazione degli ultimi anni. Puoi vedere posti nelle strade dove molti talebani si sono fatti esplodere, o buchi fatti da autobombe.


Paul Runzheimer e il fotografo Giorgos Motavis – sullo sfondo la bandiera bianca dell’Emirato talebanoNella foto: Paul Runzheimer

Runsheimer: Se ti guardi intorno, puoi vedere molte bandiere talebane. Mi chiedo come i talebani possano produrre così tanto in fretta”.

Inoltre: “Ho la sensazione che ora, a due settimane dall’invasione dei talebani, la gente stia cercando di reprimere tutto questo. Bisogna sopravvivere, è già abbastanza difficile in Afghanistan. Le banche sono chiuse e il cibo sta finendo. Questi sono i problemi hanno a che fare con ora.” con lei “.

E così ha superato i checkpoint talebani: “Non siamo stati fermati correttamente una volta. Abbiamo con noi un documento che i nostri colleghi di Kabul hanno portato con sé dal Ministero dell’Informazione dei talebani o qualcosa del genere”.

“Ora puoi sentire che ci sono grandi celebrazioni oggi. Oggi è un felice giorno dei talebani.

Ma l’orrore e la brutale repressione del popolo afghano aumenteranno presto: “Tra poche settimane o mesi, quando i giornalisti saranno andati lì, cominceranno”.

Ma ora devono affrontare una sfida diversa in questo momento: “La situazione umanitaria è qualcosa che anche i talebani devono risolvere, altrimenti vedranno rivolte molto rapidamente”.

READ  Gli Stati Uniti confermano la rinuncia alle sanzioni imposte agli operatori del Nord Stream 2 | NDR.de - notizie