Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Big club walk in memory: i giocatori del Northern Triathlon finiscono a Iron Man Italia

La calma regnava intorno agli atleti del nord a Oberhausen. Dall’inizio dell’epidemia, ci sono stati pochi momenti salienti che hanno fatto battere forte il cuore dell’atleta, o nessuno. Naturalmente ci sono stati molti tour da solista ed eventi fai-da-te che hanno mantenuto lo sport divertente. Tuttavia, ogni atleta è entusiasta dell’atmosfera del giorno della gara, della competizione sportiva e dello scambio post-evento. Il 18 settembre 2021 è finalmente il momento.

Con un folto gruppo di oltre venti settentrionali, partner e familiari, siamo andati in Adriatico a Cervia. Iron Man Italia deve finalmente poter accadere di nuovo.

Olaf Bomblatt, Alexander Erdt e Norbert Schmitz hanno parlato della distanza olimpica. A causa di una malattia, Erdt non ha potuto partire, i suoi compagni di squadra si sono goduti la partenza 1,5 km sull’Adriatico, 40 km a Castiglione di Ravenna e più di 10 km sul lungomare di Cervia.
Olaf Bomblatt ha mostrato una gara solida e ha concluso 18° assoluto nel gruppo di età M50-54 dopo 2:52:35 ore. Norbert Schmitz è stato il più veloce e ha fallito un ottimo quinto posto nella sua fascia d’età M55-59, dopo appena 2:38:55 ore sul podio al 5150 Servia. Ottimo ritorno alle corse.

D’altra parte, a metà di Iron Man è successo un piccolo dramma. Niklas Koszewski è stato l’unico giocatore di Northern Triathlon ad iniziare la corsa di 1,9 km a nuoto, 90 km in bicicletta e la classica mezza maratona. A causa delle onde e delle battaglie per il posizionamento nei primi metri, Kuschewski è diventato presto così a disagio e nauseato che la prima disciplina è già diventata una prova scoraggiante. Dopo 37:20 minuti la vacanza al mare è stata meritata. Sfortunatamente, anche questo breve riposo non contribuisce più al rilassamento. Nonostante una forte nausea e vomito alla fine del giro in bici, Kuschweski ha terminato la seconda disciplina e ha mostrato la sua grande passione per il triathlon. L’ultima mezza maratona era fuori discussione, dopotutto la salute viene sempre prima di tutto.

READ  Secondo quanto riferito, il PSG dovrebbe guadagnare circa 200 milioni di euro nelle vendite dei giocatori: Mbappe dovrebbe andarsene ora?

Sei giocatori del nord hanno accettato la sfida a piena distanza di Iron Man. Dopo più di 15 anni, Julia Reinhart è finalmente tornata sulla linea di partenza. Andreas Altieri, Carsten Hoffmann, Patrick Kodjian, Max Nobody e Dirk Adolfs hanno completato il campo di partenza per gli atleti nordici a Oberhausen. Max Nessuno ha avuto il miglior inizio di gara. Già dopo 1:07:12 nessuno è uscito dalle acque increspate dell’Adriatico. Dirk Adolfs, Andreas Altieri, Julia Reinhart, Patrick Kodjian e Karsten Hoffmann seguirono secondi o minuti dopo.

Presto sono seguite le lotte contro il vento e le alte temperature sulla moto. Quindi mangiare e bere era molto importante. L’attenzione era anche all’ordine del giorno, perché in particolare sulle autostrade chiuse bisognava sempre prestare attenzione al torrente di 12 metri. Una regola che purtroppo non tutti i principianti hanno rispettato quel giorno. Una tendenza inquietante che i giudici dovranno essere più determinati ad affrontare in futuro. Dirk Adolphs ha completato il tempo di ciclismo più veloce. Dopo le 5:06:39, gli Adolphs hanno parcheggiato la sua bici nella zona cambio. Nessuno lo ha seguito, Kodjayan, Altieri, Hoffmann e Reinhardt nell’ultimo ordine della giornata.

Il dio del tempo aveva buone intenzioni e ha fatto entrare le nuvole. Presto l’ombra rilassante fu sostituita da una pioggia torrenziale. In alcuni punti lungo il percorso, l’acqua si è alzata rapidamente sulla strada. Tuttavia, ciò non ha tolto nulla all’atmosfera in pista e molti dei nidi dell’umore hanno fatto sì che il jogging passasse rapidamente a volte. Ancora una volta, Dirk Adolphs ha affrontato meglio le condizioni quel giorno. Andare nei ristori e mangiare bene sembra essere la scelta giusta per una maratona veloce. Dopo le 3:30:32 l’atleta 43enne del Northern Triathlon si è girato verso il traguardo gremito e si è accontentato di un tempo totale di 10:01:45.

READ  Prima delle Olimpiadi: peggiora la situazione di Corona a Tokyo

Anche Patrick Kodjian, Max Nobody, Julia Reinhardt e Karsten Hoffmann si sono fatti strada verso il traguardo con una solida prestazione su tutti i 42,195 chilometri. Reinhardt e Hoffmann in particolare hanno mostrato una prestazione molto combattiva. Il volto felice di Julia Reinhardt è stato in definitiva un simbolo di una forte prestazione di squadra da parte degli atleti nordici, che sono stati tutti portati al traguardo dagli applausi costantemente motivanti dei loro compagni di squadra e dei familiari che hanno viaggiato con loro. Anche Max nessuno doveva essere evidenziato. Il 27enne già al primo giro ha accusato forti crampi alle gambe. Alla fine arrendersi era fuori discussione, così alla fine gli sono apparse anche le parole magiche: “Sei Iron Man!!”. Proprio come Patrick Kodjian, è persino stufo del segnale di fine luce diurna di 12 ore.
Alla fine Andreas Altieri ha dovuto rinunciare per infortunio. Funzionerà sicuramente di nuovo la prossima volta.

Risultati a colpo d’occhio:
Dirk Adolphs: 10:01:45h, posto totale: 143, posto AK M40-44:31
Patrick Kodjayan: 10:51:49h, posto totale: 421, posto gruppo M44-49: 80
Nessuno massimo: 10:36:54, posto totale: 706, AK-Platz M25-29:30
Julia Rinehart: 12:47:46 ore, posto totale: 1095, AK W30-34 posto: 16
Karsten Hoffmann: 13:34:33 ore, posto totale: 1279, posto AK M50-54: 205

Tutto sommato, un viaggio di successo nella città portuale italiana di Cervia rimarrà nella memoria di tutti coloro che hanno viaggiato. Soprattutto dopo la cancellazione pandemica degli eventi di corsa e di triathlon, questa esperienza risveglia naturalmente l’appetito per ulteriori prove di competizione nel 2022. L’inizio è stato fatto.