Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Bielorussia: il regime di Lukashenko vuole incolpare l’amico di Protasevich per questi crimini

Arresto scandaloso
Fino a 15 anni di prigione: il regime di Lukashenko vuole incolpare l’amico di Protasevich per questi crimini

Bielorussia: Sophia Sabega, amica dell’attivista dell’opposizione Roman Protasevich, è detenuta dal KGB

© Instagram / SAPEGA_SOFIA_

Sophia Sabega era in viaggio per Vilnius con il suo ragazzo quando il suo volo è stato costretto ad atterrare a Minsk e l’opposizione Roman Protasevich è stata arrestata. Ora la giovane donna è detenuta nel KGB.

Quando un aereo Ryanair è stato costretto ad atterrare all’aeroporto di Minsk il 23 maggio, l’avversario bielorusso Roman Protasevich non solo è caduto sotto il controllo del dittatore Alexander Lukashenko, ma anche della sua compagna, Sophia Sabija. Le autorità bielorusse restano ostinatamente silenziose sul motivo dell’arresto del cittadino russo. Secondo i media, è stata accusata di tre presunti crimini. Il Il servizio russo della BBC Secondo i rapporti, citando una fonte interna, la giovane donna sarebbe accusata di aver violato l’ordine pubblico, organizzato disordini di massa e incitato all’odio sociale.

Sebbene gli avvocati di Sabija non siano stati in grado di vederla mentre era in custodia del KGB, una fonte della BBC ha riferito che erano state avviate indagini sulle sue violazioni dei paragrafi pertinenti del codice penale bielorusso.

In primo luogo, si dice che Sabega abbia partecipato alle proteste contro Lukashenko nell’agosto dello scorso anno. In tal modo, ha violato l’articolo 342: “Organizzare azioni collettive che violano palesemente l’ordine pubblico e sono associate a una chiara disobbedienza agli ordini legittimi dei funzionari governativi”. Questo crimine può portare alla reclusione fino a tre anni. Secondo diversi testimoni, il 23enne non era nemmeno in Bielorussia al momento delle proteste.

READ  Niente account, niente stanze: Putin si lamenta del trattamento della stazione ufficiale RT محطة

Il secondo crimine che Sabega avrebbe commesso è il più grave. L’articolo 293 prevede una pena detentiva fino a 15 anni per “aver organizzato disordini di massa accompagnati da violenza contro individui, massacri, incendi dolosi, distruzione di proprietà o resistenza armata contro i responsabili”.

Infine, ai sensi dell’articolo 130, la donna russa sarà indagata per “incitamento all’odio razziale, nazionale o religioso o altra ostilità o odio sociale”, secondo la fonte della BBC. Si dice che Sabega sia stato il direttore del canale Telegram “Il libro nero della Bielorussia”, dove le forze di sicurezza bielorusse hanno rilasciato informazioni personali. Qui rischia fino a dodici anni di prigione.

Influenza contro Protasevich romano?

Gli osservatori sospettavano che il Sapega imprigionato potesse essere usato come leva contro Protasevic. Il 26enne attivista e giornalista è stato a lungo considerato il primo nemico del regime di Lukashenko. Le autorità bielorusse sperano ora di ottenere informazioni da lui attraverso la rete del canale via cavo dell’opposizione Nexta, che Protasevic ha co-fondato e che è diventato il veicolo centrale per l’organizzazione delle proteste lo scorso anno.

Nel frattempo, la madre di Sabija ha parlato. “Sono pronta a chiedere aiuto a tutti in modo che la vita di nostra figlia non sia rovinata”, ha detto giovedì Anna Dodic della BBC. “Non possiamo credere che questo stia accadendo a noi, nostra figlia.” Non era stata in contatto con sua figlia dal suo arresto. L’ultimo sms di Sabega conteneva una sola parola: “mamma”. Da allora, il cellulare dello studente non è più disponibile. Sabega vive a Vilnius da cinque anni e studia diritto internazionale ed europeo presso la European Humanities University (EHU) nella capitale della Lituania.

Putin sostiene Lukashenko e non dice nulla di Sabija

Il presidente russo Lukashenko si è incontrato venerdì a Sochi. I due discussero per più di cinque ore. Ma il capo del Cremlino non ha detto una parola sull’arresto di Sabija. E questo nonostante in altri casi il Cremlino abbia lanciato regolari campagne di propaganda per dare l’impressione che lo Stato russo sia sempre stato dalla parte dei suoi cittadini. È successo, ad esempio, nel caso di Maria Butina, un agente che si era infiltrato nei circoli repubblicani negli Stati Uniti e l’aveva influenzata a favore della Russia.

Ora Butina è in corsa per la Duma di Stato russa. Ha detto l’ex doppio agente, che ha collaborato volentieri con le autorità statunitensi per evitare una pena detentiva più lunga, perché voleva mostrare il suo apprezzamento per il sostegno alla sua patria. Resta da vedere se Sapega può sperare nel tanto decantato aiuto dello Stato russo.