Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Bayern Monaco: Nagelsmann chiude il cantiere difensivo?

Come di consueto, il Bayern Monaco inizia la nuova stagione da capolista per vincere il titolo. Ma con vecchi problemi. La difesa era, è e continuerà a essere un grosso problema per i campioni del record nel peggiore dei casi.

La difesa vince i campionati. Questa è la legge non scritta. E spesso è vera anche questa affermazione, che proviene originariamente dal football americano.

Nell’ultima stagione di Bundesliga le cose sono andate diversamente: il Bayern Monaco si è assicurato il nono titolo consecutivo con 44 gol subiti. Con undici teste contro (record negativo in quanto i dati sono stati raccolti) i campioni del record hanno avuto solo la quinta miglior difesa – Union Berlin ha anche subito un gol in meno.

La difesa del Bayern è debole come 25 anni fa

In effetti, è stata la prestazione difensiva più debole del Bayern Monaco dal 1995/96, quando era secondo dietro al BVB con 46 gol subiti.

Storicamente, è raro che una squadra con tali problemi difensivi vinca i campionati tedeschi: gli ultimi campioni della Bundesliga a subire così tanti gol sono stati l’1. FC Kaiserslautern nel 1990/91, che è riuscito ad alzare il pallone nonostante i 45 gol subiti.

Il Bayern Monaco è stato campione solo nel 1973/74 con una così grande difesa. A quel tempo c’erano 53 gol contro.

Tre colonne fuori dal Bayern Monaco

La chiave del successo (del torneo) questa volta è stato l’attacco con 99 reti. Primo fra tutti Robert Lewandowski, che ha appena segnato 41 gol come “miglior calciatore tedesco”. Tuttavia, a Monaco di Baviera, non dovresti fare affidamento esclusivamente sulla “divisione offensiva” per compiti più elevati.

READ  Formula 1: Gara prima del rinvio - Programmazione del caos con risultati su RTL

Julian Nagelsmann ha il compito di chiudere il cantiere a Manuel Neuer. Deve fare a meno dell’aiuto di difese a lungo termine come David Alaba, Jerome Boateng o Javi Martinez. Il 34enne sta assorbendo solo il fatto che ha portato la pietra angolare dal Lipsia a Monaco con Dayot Opicano, che l’anno scorso faceva parte della migliore difesa del campionato (32).

Nagelsmann ha alternative alla difesa centrale. Ma alla luce dei vari punti interrogativi, la domanda è lecita: basta o la leadership sportiva deve continuare?

  • A cominciare dal vecchio e nuovo figliastro Nagelsmann Niklas Soleil, che dovrebbe maturare a Monaco come capo della difesa del Bayern e della nazionale, ma il suo sviluppo si è bloccato dopo la rottura del legamento crociato nell’ottobre 2019.
  • 80 milioni di uomini Lucas Hernandez Attualmente (di nuovo) infortunato e finora incapace di assicurarsi un posto regolare da quando è cambiato nel 2019, il francese continua anche a oscillare tra difesa di sinistra e centrale. Di cosa parla oltre alla sua forza di scherma: con lui in campo, il Bayern ha perso solo una delle 42 partite di Bundesliga! E in una sconfitta (1:2 a Francoforte), Hernandez è arrivato poco prima della fine…
  • Benjamin Pavard Dice che “preferisce giocare in mezzo alla difesa”. Tuttavia, ha ricoperto questa posizione con il Bayern solo in nove partite ufficiali (su un totale di 83 partite). Pavard si è evoluto verso la banca a destra. Qui, la squadra non offre una seria alternativa ai francesi.
  • ancora in piedi Tangwi Nyanzu, che ha avuto buone carte in Nagelsmann e gli ha permesso di giocare il test match contro l’Ajax (2:2) dall’inizio. “E’ un grande talento e un ottimo carattere”, ha detto l’allenatore, il cui difensore del cuore è in lista da molto tempo. Dopo una prima stagione difficile con diversi infortuni, finora sono state giocate solo sei partite ufficiali come wild card.
READ  Titolo di CL con il Chelsea con i saluti da Parigi, Dortmund e Monaco

Dayot Upamecano è ormai l’unica costante al centro della difesa dei campioni del record. Tuttavia, il Bayern Monaco si sente bene. Il presidente Herbert Hainer ha recentemente fatto riferimento alla “squadra eccellente” al TZ di Monaco, che era una “grande squadra” nonostante vari infortuni.

“Problemi con croci e palle profonde dietro la catena”

I precedenti test match sono continuati senza la prima squadra. A 2:3 contro l’1. FC Köln e 2:2 contro l’Ajax – Il Bayern ha corso al meglio con B-Elf – Nagelsmann si è lamentato: “Abbiamo problemi con i cross e le palle profonde dietro la catena, il Colonia ha segnato tre volte o meno lo stesso obiettivo”.

L’allenatore Nagelsmann ha ancora meno di tre settimane per mettere insieme una difesa, che dovrebbe partire in vantaggio contro il Borussia Mönchengladbach all’inizio. Se Nagelsmann farà tre o quattro difese è inizialmente irrilevante. La chiave sta nel coordinare una catena di difesa che raramente ha funzionato insieme in questo modo.

Lars Wiedemann