Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Barricate e sparatorie: tensioni nel nord del Kosovo

Stato: 01.08.2022 01:46

I serbi intransigenti hanno tagliato l’accesso a due valichi di frontiera in Serbia. Forse il motivo era l’insoddisfazione per il nuovo regolamento previsto per l’ingresso. Le forze della KFOR stanno monitorando la situazione.

Sulla scia delle tensioni al confine tra Serbia e Kosovo, Pristina ha promesso di rinviare per il momento una misura controversa sui controlli alle frontiere pianificati. Il primo ministro Albin Kurti ha dichiarato lunedì sera su Twitter che il suo governo si è impegnato a collaborare con gli alleati internazionali per sospendere l’attuazione delle misure per 30 giorni. Il prerequisito è la rimozione di tutte le barriere e il ripristino della completa libertà di movimento.

Il governo ha affermato in una dichiarazione che il governo condanna il “blocco delle strade nel nord del Kosovo” e le sparatorie da parte di uomini armati. Pristina ha accusato Belgrado di “azioni aggressive” durante il pomeriggio e la sera. I militanti serbi hanno installato barricate domenica nel nord del Kosovo, abitato principalmente da serbi. La polizia di Pristina ha detto domenica che ignoti hanno anche sparato agli agenti di polizia del Kosovo, ma nessuno è rimasto ferito.

Controversia sui documenti personali

La tensione è sorta perché le autorità del Kosovo non volevano più riconoscere i documenti di identità serbi ai valichi di frontiera a partire da lunedì (00:00). I serbi con questi documenti devono avere un documento temporaneo rilasciato al confine. Secondo l’interpretazione del Kosovo, si tratta di una misura basata sulla reciprocità. Molto tempo fa, i cittadini kosovari hanno dovuto rilasciare un documento temporaneo quando attraversavano il confine con la Serbia perché i documenti del Kosovo non erano stati riconosciuti dalle autorità serbe. Inoltre, nuove regole dovrebbero applicarsi ai numeri di targa dei proprietari di auto.

READ  Il seguente tentativo è già stato fatto: L'elicottero Marte non è riuscito durante il tentativo di volo

La dichiarazione del governo afferma che Kurti e la leadership politica hanno mantenuto i contatti con i rappresentanti degli Stati Uniti e dell’Europa e hanno promesso di posticipare l’inizio delle misure pianificate nel traffico transfrontaliero al 1 settembre.

La Kosovo Force sta monitorando la situazione

La missione Nato, KFOR, ha annunciato sabato sera che la situazione della sicurezza nel nord del Kosovo è tesa. Sta monitorando da vicino la situazione e, secondo il suo mandato, è “pronto a intervenire se la stabilità è minacciata”. La missione che la NATO guida ogni giorno si concentra sull’assicurare un ambiente sicuro e la libertà di movimento per tutte le persone in Kosovo.

Domenica i serbi intransigenti hanno bloccato le strade verso due valichi di frontiera in Serbia con barricate. Il Kosovo, che ora è abitato quasi esclusivamente da albanesi, apparteneva alla Serbia. Nel 2008 ha dichiarato la propria indipendenza. La Serbia non riconosce l’istituzione dello stato del Kosovo e rivendica il proprio territorio. L’esercito tedesco è anche di stanza in Kosovo dal 1999 come parte della missione internazionale.