Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

"Barra della forza dei lavoratori qualificati": VW difende la rinuncia al currywurst

“Barra della forza dei lavoratori qualificati”: VW difende la rinuncia al currywurst

“Barra di forza per lavoratori qualificati”
VW difende la rinuncia al currywurst

Soprattutto, i commenti di Gerhard Schroeder alimentano il dibattito sulla rinuncia al currywurst della Volkswagen. Sei mesi dopo, il gruppo ha riportato reazioni “coerentemente positive” alla scelta senza carne. La mensa classica è ancora disponibile a Wolfsburg.

I decisori sono convinti che la mancanza di un currywurst Volkswagen nella mensa dello stabilimento Volkswagen di Wolfsburg abbia dato i suoi frutti. “La risposta dei nostri ospiti è stata entusiasmante e costantemente positiva, sia dall’area di gestione che dalla produzione”, ha affermato Nils Potthast, Head of Gastronomy di Volkswagen. Anche senza la classica mensa, parte del cibo offerto era esaurito prima dell’orario di chiusura, ha riferito Potthast quasi sei mesi dopo la decisione.

La decisione di aprire un ristorante senza carne presso la più grande casa automobilistica europea ha suscitato molto scalpore in estate. Ad agosto, la Volkswagen ha inizialmente annunciato internamente che la mensa nel grattacielo del marchio si sarebbe concentrata sulla cucina vegetariana e vegana dopo le vacanze dell’azienda e che il pesce sarebbe stato solo una parte dello spettacolo di tanto in tanto. Ciò significa che la fine del curry è lì.

In particolare, la reazione dell’ex cancelliere Gerhard Schroeder alla “barra di forza per i lavoratori qualificati nella produzione” ha acceso un dibattito sul consumo di carne aziendale in quel momento. “Se fossi ancora un membro del consiglio di sorveglianza #VW, non ci sarebbe niente del genere”, ha scritto Schroeder su LinkedIn in quel momento. Per molti utenti di piattaforme social e molti media, l’introduzione del currywurst da parte di Schroeder è stata un successo. Ci sono state migliaia di reazioni e commenti.

“Era chiaro fin dall’inizio che non c’era niente di sbagliato nel curry, che è ancora servito in tutte le altre mense di fabbrica”, ha detto il ristoratore VW Potthast. Sono solo deliziose alternative. Lì ora saranno ben accolti. Secondo lui, anche il personale in cucina è alla base di questo concetto al 100%.

Sebbene la produzione di currywurst di VW spesso superi le vendite di auto del marchio di base, l’entità della controversia con l’hashtag di Schroeder “#RettetdieCurrywurst” deve essere stata una sorpresa anche internamente. Perché l’azienda ha sottolineato fin dall’inizio che nessuno alla Volkswagen doveva rinunciare alla salsiccia, e anche perché era ancora disponibile nella mensa a pochi metri dall’altra parte della strada.

READ  Chi è Space Tourist 001?: Richard Branson tradisce Jeff Bezos