Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Azienda "delusa": i dipendenti formano il primo sindacato di Amazon

Azienda “delusa”: i dipendenti formano il primo sindacato di Amazon

L’azienda è “delusa”
I dipendenti formano il primo sindacato di Amazon

Per molto tempo, il rivenditore online Amazon ha combattuto contro i suoi dipendenti auto-organizzati. Ora deve affrontare la sconfitta: la forza lavoro di Staten Island sta votando per rappresentare i dipendenti e gongola per il CEO Bezos.

È una prima storica: i dipendenti della vendita per corrispondenza di Amazon hanno votato per stabilire una rappresentanza sindacale nel gruppo negli Stati Uniti. Quando un voto è stato preso dai dipendenti di un magazzino Amazon a Staten Island a New York, c’era una maggioranza di 2.654 contro 2.131 voti, secondo il conteggio. Il gigante di Internet combatte da anni la formazione sindacale e ora ha subito una grave sconfitta.

Dopo che i risultati sono stati annunciati, i sostenitori della formazione del sindacato hanno cantato. “Vogliamo ringraziare Jeff Bezos per essere andato nello spazio”, ha detto sarcasticamente Christian Smalls, presidente dell’Amazon Workers Union, del fondatore di Amazon. “Perché mentre lui era lì, abbiamo reclutato persone”. Bezos ha partecipato al primo volo con equipaggio di un razzo per la compagnia spaziale Blue Origin, da lui fondata, lo scorso luglio.

Le congratulazioni ai lavoratori del campo JFK8 sono arrivate dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden. “Il presidente è stato lieto di vedere che i lavoratori si assicurano che la loro voce venga ascoltata quando prendono importanti decisioni sul posto di lavoro”, ha detto alla Casa Bianca la portavoce di Biden Jen Psaki. “Crede fermamente che ogni lavoratore in ogni stato dovrebbe avere una scelta libera ed equa di aderire a un sindacato e il diritto alla contrattazione collettiva con un datore di lavoro”.

Un’altra votazione è prevista per fine aprile

Amazon, invece, è rimasta “delusa” dal risultato del voto. Il secondo più grande datore di lavoro privato negli Stati Uniti ha annunciato che studierà le sue opzioni per l’occupazione. Ciò include potenziali obiezioni dovute alla “influenza indebita” dell’autorità statunitense per il diritto del lavoro, l’NLRB, che ha supervisionato il voto.

Finora, nessuna filiale del gigante di Internet negli Stati Uniti è stata in grado di formare un consorzio. Nell’aprile dello scorso anno, il primo tentativo di questo tipo in un centro logistico a Bessemer, in Alabama, è fallito. La stragrande maggioranza dei dipendenti ha votato contro la rappresentanza dei dipendenti.

Tuttavia, a novembre, l’NLRB ha accolto l’appello di un sindacato per presunta influenza impropria e abuso di Amazon. Il risultato della votazione è quindi annullato ed è prevista una nuova votazione, che si è svolta di recente. Tuttavia, in questo caso, la maggioranza mancherà di nuovo a Bessemer, come ora è evidente.

La prossima votazione è prevista in un altro magazzino: presso il centro di smistamento LDJ5 di fronte al magazzino JKF8 a Staten Island, la votazione è prevista per la fine di aprile. Amazon è sotto accusa negli Stati Uniti per le sue condizioni di lavoro. Sindacati e politici criticano il fatto che i dipendenti del gruppo, fondato nel 1994, siano soggetti a un’elevata pressione di lavoro ea una sorveglianza costante. In Germania, il sindacato Verdi si batte da anni per garantire che i dipendenti Amazon ottengano un contratto collettivo e siano pagati secondo le tariffe degli ordini al dettaglio e per corrispondenza.

READ  Sondaggio aziendale: i top manager di tutto il mondo temono per il proprio lavoro