Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Avvelenato in vacanza in Italia? Un ex funzionario del Cremlino in ospedale

Anatoly Subais era un alto funzionario del Cremlino fino a quando non lasciò la Russia per parlare contro la guerra in Ucraina.

Anatoly Subais era un alto funzionario del Cremlino fino a quando non lasciò la Russia per parlare contro la guerra in Ucraina.
Image Alliance / Origine russa | Anton Belitsky

Anatoly Subais ha servito come inviato speciale al Cremlino per il presidente russo Vladimir Putin – fino a quando non si è dimesso ed è andato in esilio per l’invasione dell’Ucraina.

Con sintomi improvvisi di ictus, è stato ricoverato in Sardegna.

Il caso ricorda il destino di altri critici del Cremlino che sono stati avvelenati in passato. Indaga la polizia italiana.

Coloro che ignorano il Cremlino e criticano Putin vivono pericolosamente – e alcuni russi hanno dovuto sperimentarlo in prima persona. Potrebbe esserci stato un altro recente attacco di avvelenamento: l’ex funzionario del Cremlino Anatoly Subais è stato portato in un ospedale nell’isola di vacanza italiana della Sardegna all’inizio di questa settimana con i sintomi di un ictus.

Continuare a leggere

Ha debolezza muscolare, formicolio alle gambe e alle braccia e difficoltà a vedere, parlare e mangiare, ha riferito l’agenzia di stampa italiana ANSA. Gli inquirenti e la Procura della Sardegna sono in attesa di ulteriori risultati per escludere avvelenamenti. Una possibile causa della cattiva salute di Tschubais potrebbe essere una malattia neurologica, la sindrome di Guillain-Barré, si legge.

Il famoso moderatore russo ed ex candidato alla presidenza aveva già domenica Ksenia Sobchak Il 67enne è stato portato al reparto di terapia intensiva in “condizioni instabili”, ha affermato la famiglia di Subais. “Era malato. Il suo braccio e le sue gambe hanno improvvisamente smesso di funzionare”. Si dice che le sue condizioni siano stabili nel frattempo. Secondo Sobchak, la stanza in cui Subais ha soggiornato l’ultima volta è stata ispezionata da “esperti in tute chimiche protettive”.

Il portavoce del Cremlino su Chubais: “Gli auguriamo una pronta guarigione”

Le descrizioni hanno alimentato la speculazione sui social media secondo cui un ex confidente del presidente russo Vladimir Putin potrebbe essere stato avvelenato. Sul sospetto avvelenamento si indaga anche il quotidiano italiano “La Repubblica”.

In passato, ci sono stati ripetuti casi di avvelenare oppositori del Cremlino, incluso il personaggio dell’opposizione russa Alexei Navalny, sopravvissuto a un tentativo di omicidio con l’agente nervino Novichok nel 2020. La portavoce di Navalny, Kira Jarmish, ha commentato direttamente l’ormai malato Subais: “Quindi questa è la reputazione del Cremlino: nessuno ha molti dubbi sul fatto che Subais sia stato avvelenato”, ha scritto su Twitter.

Continuare a leggere

Secondo l’agenzia Interfax, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto di Subais: “Ovviamente questa è una notizia triste e gli auguriamo una pronta guarigione”.

Subais si è dimesso da inviato speciale del Cremlino alla fine di marzo 2020, un mese dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina. Secondo i media, non è d’accordo con la guerra di Putin. A quel tempo, il Cremlino disse solo che Subais se n’era andato “su sua richiesta”. Era considerato uno stretto confidente dell’ex presidente russo Boris Eltsin e ha contribuito a promuovere riforme economiche a lungo termine e la privatizzazione delle imprese statali dopo la caduta dell’Unione Sovietica nel 1991.

vb

READ  Regola del consiglio in Italia: se questa parola è sul conto, non devi pagarla