Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Austria: presa d’assalto della Cancelleria a Vienna – Il cancelliere Sebastian Kurz è sospettato. Respinge fermamente queste accuse. – Politica all’estero

Accuse gravi contro il cancelliere austriaco Sebastian Kurz.

La Procura austriaca lo accusa di infedeltà, concussione e corruzione. Kurz e la sua squadra avrebbero usato tattiche criminali per raggiungere il potere nel partito e nello stato.

Gli investigatori sono arrivati ​​mercoledì per mettere al sicuro i materiali presso la Cancelleria, la sede dell’ÖVP, il ministero delle Finanze e una società di media. Cercano e-mail dall’inizio del 2016, oltre a supporti dati, server, telefoni cellulari e laptop. La cerchia più vicina a Kurz – come il portavoce della stampa, il suo consigliere per i media e il capo stratega – è stata colpita. Da giorni circolano voci di un imminente raid.

Kurtz ha respinto il sospetto di corruzione. “Sono convinto che queste accuse si riveleranno presto false”, ha detto l’emittente del politico conservatore (ÖVP) ORF. Ha accusato gli inquirenti di aver estrapolato dal contesto i messaggi della chat o di averli distorti. “E poi si crea un’accusa penale intorno ad esso”. Guardando le ispezioni domiciliari, il presidente federale Alexander van der Bellen ha parlato di un’operazione molto insolita e pericolosa.

La giustificazione degli investigatori per la ricerca di 104 pagine è difficile. La formulazione è stata pubblicata dal portale investigativo online Zackzack, che è dietro l’ex leader verde e l’ex membro dell’Assemblea nazionale Peter Beals.

Il documento solleva sospetti che Kurz fosse coinvolto in un accordo con una società di media austriaca. Secondo l’accusa, dall’aprile 2016 in poi, in qualità di allora Segretario di Stato, è stato coinvolto nell’influenzare i contenuti editoriali con annunci pubblicitari finanziati dai contribuenti. Si dice che i sondaggi abbiano svolto un ruolo importante in questo, con il team di Kurtz influenzato da tempistiche, domande e valutazione.

READ  Il presidente degli Stati Uniti Biden piange la perdita di un cane di famiglia eroe

Il partito ÖVP e la società di media hanno negato con veemenza le accuse.

Il gruppo dei media ha dichiarato: “In nessun momento c’è stato un accordo tra ÖSTERREICH Media Group e il Ministero delle Finanze per pagare i sondaggi attraverso la pubblicità”.

Il vice segretario generale dell’ÖVP Gabriela Schwartz ha parlato in una lettera di false accuse. “Succede sempre con lo stesso obiettivo e ordine: infliggere danni enormi al Partito popolare ea Sebastian Kurz”, ha detto. Gli inquirenti sembrano voler “mostrare l’effetto”.

Il leader del gruppo parlamentare dell’ÖVP, August Vogginger, ha dichiarato resistenza. “Ci opporremo con tutte le nostre forze a livello politico e legale”, ha aggiunto.


August Vogginger, leader del gruppo parlamentare dell’ÖVP (46)Foto: Robert Jaeger / d

Secondo la Procura, il denaro di oltre 1 milione di euro avrebbe dovuto provenire dal bilancio del ministero delle Finanze quando Kurz ha cercato di rilevare l’ÖVP. Nel 2017, ha vinto una lotta per il potere contro il leader irrimediabilmente inferiore dell’ÖVP Reinhold Mitterleiner e nel dicembre 2017 è diventato consigliere dell’alleanza di destra ÖVP e FPÖ.

Anche dopo, la collaborazione tra la Cancelleria e la società di media doveva continuare. “Non sono andato così lontano come abbiamo fatto noi. Un grande investimento. (…) Chi paga crea. Mi piace”, secondo i documenti dell’indagine, si diceva in un breve messaggio di chat di un caro amico di il Ministero delle Finanze dopo che la relazione richiesta è stata redatta nuovamente. Lo stesso giorno, si dice che Kurz abbia ringraziato il mittente: “Grazie per l’Austria oggi!”

La crisi di governo sta arrivando?

La crisi di governo sembra ormai quasi inevitabile. Il Partito dei Verdi, in quanto partner dell’ÖVP nella coalizione dal gennaio 2020, ha sempre sottolineato che con loro si può fare solo una “politica pulita”. L’alleanza tra l’ÖVP e il Partito dei Verdi è stata recentemente ripetutamente gravata dalle accuse dell’ÖVP contro la magistratura.

Il vicecancelliere e leader del Partito dei Verdi Werner Kogler ha dichiarato mercoledì che “gli attacchi alla magistratura nel suo insieme devono essere respinti”. Il caporedattore della rivista “Falter”, Florian Klink, ha scritto su Twitter: “Dopo una prima rapida lettura di questo mandato di perquisizione e delle chat che includeva, si può dire con sicurezza: questo non è più possibile con l’alleanza tra l’ÖVP e i Verdi. Game over”.