Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Attore: Nostalgia della “pelle d’oca”

Vienna (Dpa) – La sua barba bianca avrebbe dovuto essere un po’ più lunga prima delle riprese. “Non voglio appendere la barba al caldo”, dice Peter Simonchik.

+++ Notizie attuali sulle celebrità +++

Da fine agosto, il poliedrico austriaco suonerà in “Ein Platz an der Sonne” al fianco di Daniel Bruhl in Namibia, il professore che con i suoi insegnamenti razzisti giustifica il genocidio tedesco degli Herero e dei Nama. Al Burgtheater di Vienna, apparirà presto in scena in un pezzo diretto da Simon Stone (“Partners”) basato sui motivi di Maxim Gorky.

nomination all’Oscar

Il mimo è impegnato nel giorno del suo 75° compleanno (6 agosto), che festeggia nella sua casa in Grecia. “Sono così grato di poter fare ciò che amo”, afferma Simonischek, che ha vinto due Grimme Awards, uno europeo e uno tedesco, tra gli altri.

Sullo scaffale del suo appartamento di Vienna in un vecchio edificio c’è un certificato che commemora una vittoria che è diventata quasi la sua più grande. Nel 2017, la divertente e toccante storia padre-figlia “Tony Erdman” ha raggiunto la finale dell’Oscar per il miglior film in lingua straniera. “Era come cinque alla lotteria, ma quando ne hai cinque ne vuoi sei”, ricorda. Il suo ruolo di 68enne curioso che vuole migliorare il suo rapporto con sua figlia, che è molto rispettata dal mondo degli affari, gli ha portato elogi e numerosi premi. “L’audacia e la follia di Tony Erdmann sono da invidiare. Vorrei averne di più in me stesso.” È inequivocabile che il desiderio di un sano mondo familiare sia balenato in lui. “Questo quadro italiano in cui tutte le generazioni vivono sotto lo stesso tetto e siedono allo stesso tavolo”.

READ  "Grill den Henssler": un ospite normale che sconvolge il pubblico - e si rivolge a Wendler

Sa come aggirare i denti

Ha un totale di otto pezzi in casa, che insieme a una parrucca di 100 pezzi accuratamente selezionata hanno contribuito alla sua trasformazione in “Tony Erdmann”. Come odontotecnico con una formazione quasi totale (ha fallito la parte pratica dell’esame di supplica perché la corona d’oro che ha realizzato non ha superato il test di aspirazione della lingua), le protesi hanno una lunga storia con lui. “Nella scuola di recitazione di Graz, tutti volevano che avessi una cosa del genere”, dice Simonischek. La formazione era una concessione ai genitori che non approvavano affatto i suoi sogni sul palcoscenico. “Dopo che mi sono diplomato al liceo, mio ​​padre mi ha picchiato perché diceva che sarei morto di fame in soffitta”.

Una stella a Berlino Schaubuhne

Suo padre era un dentista che aveva inavvertitamente infettato suo figlio con il virus. Portalo allo spettacolo “Amleto” a Graz. “Dopo questo Amleto, ho perso”, dice Simonechek. Questa è stata seguita da una scuola di recitazione e dal debutto a Graz. Passò poi per San Gallo, Berna, Darmstadt e Dusseldorf a Berlino. Dal 1979 Simonchik era con Berlin Schaubuhnny. Lì è diventato una star, lavorando con grandi come Peter Stein, Luke Bundy e Andrea Bryth. In Germania ha avuto una sorta di lavoro da ospite per 25 anni, il che è stato un bene. “Quando sei strano, lavora di più. Fuori si accende il turbo”, l’attore è ancora felice oggi perché non è più nella riparata Austria.

Anche se lui, da austriaco, ha dovuto abituarsi a Berlino, liberato dal fascino dal suo punto di vista, il modo di lavorare tedesco lo ha portato molto. Il risultato di mettere in discussione tutto, anche se diventa scomodo, è impressionante. Così come l’amore della mente. “Puoi segnare punti in Germania con una serata davvero noiosa sul palco, il che è divertente almeno. Non funziona in Austria e negli Stati Uniti”.

READ  Sylvie Mays - Menopausa a 31 anni a causa di farmaci antitumorali - persone

Per decenni, Simonischek ha messo le sue apparizioni cinematografiche, televisive e teatrali sotto lo stesso tetto. È stato travestito nella pessima saga della patria “Hierankl” (2003), come un pericoloso distruttore (“Die Welt der Wunderlichs”, 2016) e figlio di un criminale di guerra nazista (“Der Dolmetscher”, 2018).

Teatro Burg e “Jedermann”

Tornato in Austria all’inizio del millennio, il Burgtheater di Vienna divenne la sua nuova sede artistica, non da ultimo Salisburgo. Al festival dal 2002 al 2009 ha interpretato il ruolo di Jedermann in “Jedermann”. Più di 100 volte, più di chiunque altro, ha personificato l’uomo ricco la cui morte porta lentamente ma inesorabilmente. Con Lars Eidinger, solo l’attuale Jedermann ha reso credibile l’epurazione del condannato come una volta fece Simonischek, ha recentemente scoperto il quotidiano “Die Presse”.

In generale, lo spazio di sviluppo è importante per lui. Odiava i registi che sapevano tutto meglio in anticipo. “Riguarda sempre il potere e il modo in cui lo gestisci. Sarebbe bello se non dovessi spendere così tante energie in questi giochi di potere”.

Il piacere di suonare sia sul palco che davanti alla macchina da presa è passato al figlio Max, che recentemente è riuscito a vestire i panni del riformatore Zwingli nell’omonimo film. Per Peter Simonchik, il desiderio di una recitazione brillante è vero come lo era all’inizio della sua carriera. In quei momenti, reagisce anche fisicamente: “Mi viene la pelle d’oca”.