Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Astronomia: i lampi di raggi gamma e le stelle che esplodono minacciano la Terra?

Viviamo in tempi calmi e pacifici e abbiamo il peggio alle spalle. I ricercatori italiani sono giunti a questa conclusione ottimistica. Chiunque si stropicci gli occhi con rabbia per l’attuale situazione delle notizie dovrebbe tenere a mente che questi ricercatori sono astronomi. Pensano spazialmente e temporalmente in dimensioni diverse rispetto alle persone comuni sulla terra.

“Il posto migliore e il momento migliore per vivere nella Via Lattea” è il titolo studioChi ha preferito Riccardo Spinelli (Università dell’Insubria) ora in Conferenza scientifica di Europlanet (EPSC) Piede. Si occupa della minaccia alla vita su pianeti simili alla Terra da supernovae e lampi di raggi gamma. Per valutare più accuratamente questo rischio, gli scienziati celesti hanno modellato l’evoluzione della nostra galassia nel corso di miliardi di anni.

I lampi di raggi gamma sono l’evento più energetico dell’universo. Sono attribuiti all’esplosione di stelle estremamente massicce e in rapida rotazione e alla fusione di due stelle di neutroni o buchi neri. In dieci secondi può essere rilasciata tanta energia quanta ne verrebbe emessa l’intera galassia della Via Lattea in cento anni. Supernovae che segnano la fine della vita di una stella con almeno otto volte la massa del Sole o che sorgono quando una nana bianca in un sistema binario attrae masse molto grandi dalla sua compagna meno potente. La sua alimentazione corrisponde a quella della Via Lattea nel giro di poche ore. Ecco perché vengono osservati così spesso. Un tale evento nel vicinato cosmico potrebbe avere un impatto negativo sulle condizioni di vita su un pianeta simile alla Terra.

READ  MSI Delta 15: il notebook con Ryzen 5000H e RX 6700M pesa solo 1,9 Kg

In effetti, la prima delle cinque principali estinzioni di massa degli ultimi 500 milioni di anni, in ciascuna delle quali almeno il 75% delle specie animali e vegetali della Terra si è estinta in un breve periodo di tempo, è stata fatta risalire al regno cosmico. A causa di molti studi. Secondo Spinelli, la radiazione di un lampo gamma a meno di 3.300 anni luce di distanza potrebbe aver colpito l’atmosfera di oltre 100 kilojoule per metro quadrato e distrutto il 90% dello strato di ozono. Di conseguenza, gli organismi sono stati esposti ai raggi ultravioletti del sole senza protezione. Gli ossidi di azoto risultanti abbasserebbero significativamente anche la temperatura globale.

I calcoli del modello di Spinelli e colleghi supportano questa teoria. Di conseguenza, l’intera galassia della Via Lattea era formata da frequenti esplosioni di stelle ad alta energia fino a sei miliardi di anni fa, che devono aver reso difficile l’evoluzione della vita. Quindi, supernove e brevi lampi di raggi gamma della durata di meno di due secondi hanno viaggiato all’interno della Via Lattea, una regione situata entro un raggio di circa 6.500 anni luce dal centro. Lontano dal centro galattico a una distanza di 26.000 anni luce, dove si trova anche il Sole, si espande la zona di comfort, dove la vita può svilupparsi in modo esponenziale. Ma oltre a ciò, aumenta il rischio di lunghi lampi di raggi gamma che durano più di due secondi. Spinelli spiega che qui la bassa frequenza degli elementi pesanti favorisce la formazione di stelle massicce e in rapida rotazione.

READ  Verso un'archiviazione dei dati più rapida ed efficiente, PI n. 83/2021

La più grande pressione evolutiva verrà da questi lampi di raggi gamma. “Anche se si verificano meno frequentemente delle supernove, possono portare a estinzioni di massa da una distanza maggiore” Spinelli ha detto. “Come l’evento più attivo, è il bazooka della più grande portata.” Secondo i calcoli del modello, si verificano nel nostro vicinato cosmico circa 1,3 volte in 500 milioni di anni. Pertanto, l’estinzione di massa dell’Ordoviciano da 450 a 440 milioni di anni fa potrebbe essere stata causata da un lungo lampo di raggi gamma.

Anche se l’universo ora è un po’ più tranquillo, non dovremmo sentirci al sicuro. Perché l’estinzione delle specie non avviene solo a causa di eventi cosmici. “La sesta estinzione di massa attualmente in corso è dovuta alle attività umane”, afferma Spinelli.


(mese)

alla home page