Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Arsan Mundtag politicizza il “vampiro” ad Hannover – Cultura

Segretamente si sperava di divertirsi molto vedendo un teatro musicale così storico in cui il personaggio principale in tutta serietà è un vampiro che può viziare come un seduttore assetato di sangue per tre ore – “Se uno si mostra pesato, lo farà succhiare ad asciugare” -, prima di essere assassinato. Sembra uno splendido teatro scadente, ed è quello che è stato sperimentato finora, a patto che sia “Der Vampyr” del compositore romantico noto per le opere di Hans Heiling. Heinrich Marchner Non era affatto incluso. Dal 1831 Marchner fu direttore della Royal Orchestra di Hannover. Lì si verificò un meraviglioso re-incontro con il lavoro. L’aspettativa di una commedia teatrale collettivamente involontaria era frustrante e la necessità di un grande intrattenimento non era affatto.

Perché chi si occupa delle nuove forme di teatro? Direttore Arsan MondtagNato a Ersan Aygun a Berlino nel 1987, ha collaborato con l’autore e critico teatrale Til Briglip (scrive anche per Giornale del sudViene disegnato un secondo livello di narrativa e teatro, che da un lato spezza il dramma infestato da brecht in modo riflessivo, e dall’altro può mantenere in qualche modo vivo il gioco storico e musicale del pezzo.

Si tratta di collegare quest’opera al presente e di rivelarne la dimensione politica

Il personaggio centrale è Lord Byron, integrato da Mondtag, uno scrittore molto romantico e contemporaneo di Marschner, impersonato dal linguaggio fantasioso dell’attore belga Benny Claessens, che ritrae il signore della letteratura come sessualmente arrogante che influenza anche la sua felice brama di vita. lato intellettuale. Solo alla fine le cose sono peggiorate, perché Claessens ha voluto presentare i suoi testi patetici e ricchi di contenuti in un’arte artigianale selezionata in modo rilassato e divertente. La proiezione di Claesen aveva poco in comune con la figura storica del poeta Byron, ma non si trattava affatto di modelli storici, ma di rapportare quest’opera al presente e di svelare la dimensione politica nascosta nella tradizione. produzione.

READ  I murales dipinti da Giulio Vesperini al Centro Culturale Don Bosco di Bressanone - Südtirol News

Né una persona artistica, né una persona pensante possono negare seriamente questo aspetto. Nella sua attuale intervista alla rivista d’arte Alexandre Kluge monopolio La missione dell’arte, specie in tempo di guerra, è molto accuratamente descritta nella sua funzione illuminante e pacificatrice. Se prendi questo sul serio, e come regista, ma anche come direttore d’orchestra, cerca di sedurre il pubblico a dare uno sguardo nuovo a situazioni e problemi apparentemente irrisolvibili, ad ampliare il loro punto di vista, allora improvvisamente anche il materiale operistico più polveroso e insignificante . La musica diventa mentalmente stimolante in un’atmosfera molto divertente.

Naturalmente, l’assassino di vampiri deve rimanere il cattivo, altrimenti non funzionerà nemmeno la versione aggiornata del regista

La musica di Marchner si inserisce quasi perfettamente nella tradizione del primo Romanticismo, oscillando tra l’intensità drammatica e il profilo oggettivo di Ludwig van Beethoven, l’intera gamma dell’eccitazione orchestrale e la voce lirica naturale di Carl Maria von Weber con i suoni del corno francese e dei legni, come si trova nel suo l’opera familiare “Der Freischütz”. . Il personaggio dell’innocente Malwina è anche musicalmente basato su Agathe Weber. Il direttore d’orchestra Stefan Zellis cerca di giurare sul suono della canzone Niedersächsisches Staatsorchester Hannover. Una cosa è inequivocabile: gli sforzi del compositore Marchner per svolgere un ruolo di primo piano nella creazione di una vera opera tedesca.

Sebbene di solito si rilassi numero dopo numero in queste opere, non sono mai melodie nel senso dell’opera italiana, ma sono sempre brani simili a canzoni che, nonostante la loro lunghezza, portano un carattere molto diverso da suonare rispetto a quelli conosciuti a Milano o Parigi. Ma la musica non viene prima in questa produzione, anche se i cori ei solisti brillano e la voce dell’orchestra suona ripetutamente in aree romantiche durante il sonno. Invece, questa volta si tratta di un concetto di presentazione completamente diverso rispetto all’opera tradizionale.

READ  Mark Forster annuncia una triste notizia: "Quanto sono deluso"

Mondtag non si è permesso di passare a una recensione attuale sulla guerra in Ucraina, ma si è concentrato sulla forma di interpretazione psicologica delle fiabe che è stata popolare dagli anni ’70 e che ha anche sempre voluto essere un’interpretazione del mondo. Il vampiro non è più solo una bestia assassina solitaria, splendida, temibile, o almeno un predatore, ma ora rappresenta la comunità di tutti i perseguitati come una vittima segreta. Questo è un audace capovolgimento della trama, ma sembra più di vasta portata dalla bocca del regista nell’intervista di quanto possa sostituirlo sul palco. Perché ovviamente l’uccisore di vampiri deve rimanere il cattivo, altrimenti nemmeno la nuova versione aggiornata e massicciamente distrutta del regista non funzionerà.

L’opera, per quanto oggettiva e politica, vive ancora di suoni

Come simbolo dei fuorilegge, Mondtag mise in scena la facciata di una sinagoga diroccata, poi divenuta sede del magnate del petrolio che rappresentava il “vampiro del petrolio”, “l’immagine dello spargimento di sangue, cioè l’immagine dello sfruttamento del risorse della terra da avidi potenti”. Può sembrare troppo semplicistico, ma funziona brillantemente come teatro musicale. Tanto più che il polo Laird Davenot è incarnato dal georgiano Shavlej Armasi con una voce più sonora in serata. Inoltre, Michael Kupfer-Radecky potrebbe esistere al massimo come il vampiro Lord Rothwin.

Particolarmente deludente: Mercedes Arcuri nei panni di Malwina, che alla fine è tutto. Deve sposare il cattivo Rothwin, quando ama Edgar Aubrey, ma anche la sua voce è debole. Il fatto che entrambi cadano nelle braccia l’uno dell’altro dopo l’esposizione di Rothwin come vampiro non è un lieto fine, almeno in termini musicali. Inoltre, la figura di Assuero è ancora alquanto pallida. E questo non è dovuto alla pallida negligenza che lo avvolge più del fragile ruolo di parlante. Nonostante l’amplificazione fonemica, raramente si capisce una parola. Questo è un peccato, perché avrebbe potuto essere una controparte un po’ più seria del personaggio di Lord Byron, i quali avrebbero potuto rafforzarsi a vicenda in termini di contenuto e impatto teatrale.

READ  Lenny Klum rivela le sue aspirazioni di carriera

Vuoi molto ad Hannover? può essere. L’opera, per quanto sostanziale e politica, vive ancora di suoni. Non necessariamente dai toni alti, ma certamente non dalla voce dell’alienazione brechtiana. L’opera non può essere di natura educativa e politica.