Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Antonio Rudiger in Nazionale: Osa qualcosa

Alla fine è arrivata la chiamata che non si aspettavano affatto. L’FC Bayern era al telefono e voleva sapere come sono le cose con Antonio Rudiger e il futuro. Il Bayern Monaco era stato appena eliminato da una squadra chiamata Villarreal in Champions League e sembravano pensare che fosse una buona idea esplorare alcune opzioni che in precedenza non valeva la pena esplorare. Hanno sentito solo da Antonio Rüdiger che avrebbe chiamato numeri di stipendio ridicoli, quindi si sono tenuti in contatto dall’altra parte dell’angolo, ma non hanno spinto le cose.

Antonio Rudiger, 29 anni, è un uomo passionale che a volte tende all’estasi, ma non si è lasciato travolgere dall’entusiasmo quando il big del Bayern Monaco gli ha improvvisamente chiesto di lui dopo la partita del Villarreal. Il Bayern e il presidente della loro squadra sportiva Hasan Salihamidzic hanno ricevuto un messaggio sobrio dai rappresentanti di Rudiger che il giocatore ha già fissato un appuntamento con il Real Madrid e che il cambiamento è completo al “95 percento”. Poi Monaco ha chiuso di nuovo.

La nazionale tedesca ha giocato due partite nell’attuale competizione Nations League, e una serie più diversificata di test è ancora in corso, ma su una cosa gli osservatori sono già d’accordo dopo le partite in Italia (1:1) e contro l’Inghilterra (1: 1): il tecnico della nazionale Hansi Flick costruirà la sua squadra. Nel Mondiale su un perno inizia con il portiere Manuel Neuer, prosegue con il difensore Antonio Rudiger e finisce con i centrocampisti Joshua Kimmich e Thomas Muller per il momento. Sarebbe stato piuttosto un hub bavarese. Il capo della difesa Antonio Rudiger giocherà in futuro per il Real Madrid.

READ  Dopo l'Italia criticata per aver protestato contro la caduta del ginocchio: la squadra vuole trovare un accordo

In quel momento, Pep Guardiola gridò con rabbia: Stop Rudiger!

La cosa sorprendente di questo caso non è solo che Monaco si interessò alla Germania Libera Internazionale solo quando era troppo tardi. È anche sorprendente come naturalmente Antonio Rudiger sia ora trattato come uno dei massimi esperti mondiali della difesa. È stata una lunga strada, Rüdiger viene da lontano. Veniva da un periodo in cui ne avevano discusso prima al Bayern e il capo dello sport si chiamava ancora Matthias Sammer. Dopo di che, Pep Guardiola, l’allenatore in carica, gli ha inviato alcuni video inviatigli dal difensore dello Stoccarda, all’epoca ancora giovanissimo, e c’è gente che ricorda bene come Guardiola infuriato sia poi corso nei corridoi. “Ferma Rudiger!” Se chiama, finisci immediatamente questo progetto di deviazione!

Anche Antonio Rudiger ostacola con successo il miglior attaccante del mondo – qui: l’inglese Harry Kane (a sinistra).

(Foto: Wolfgang Zink / Sportfoto Zink / Imago)

Quindi si può dire che l’FC Bayern è arrivato troppo presto e troppo tardi con Antonio Rudiger.

Rüdiger ha sfruttato gli anni intermedi in una carriera quasi perfetta. Tipico, perché il suo stile di gioco a volte è sembrato selvaggio e spigoloso, ma la sua carriera non ha avuto eruzioni cutanee sorprendenti. Antonio Rudiger non è migliorato all’improvviso durante la notte e poi è tornato di nuovo. Testa a testa, ingresso attraverso l’intervento, sessione di allenamento dopo sessione di allenamento e stazione dopo stazione. Gli allenatori italiani della Roma e del Chelsea gli hanno insegnato l’arte della difesa italiana e la natura del suo gioco a volte è diminuita al punto che la sua passione non ha più interferito con la difesa disciplinata. Poi Thomas Tuchel, il suo allenatore preferito, lo ha trasformato in un contendente costante al Chelsea FC.

Rudiger è “troppo caldo” per l’imminente Coppa del Mondo, dice il suo compagno di lunga data, e parla costantemente di questo torneo. C’erano volte in cui l’infiammabilità di Rüdiger era un divertimento misterioso per i suoi allenatori e compagni di squadra, perché in quei momenti non sapevano esattamente se il suo impegno si sarebbe improvvisamente trasformato in un impegno eccessivo e avrebbe perso la palla in abbondanza. Ma i suoi successi – vincere la Champions League con il Chelsea, apprezzare Tuchel e il pubblico – hanno liberato il suo gioco dalla più grande pressione per giustificarsi. Rüdiger ora sa che può permettersi di sbagliare senza essere immediatamente interrogato, e poiché sa di non aver commesso quasi nessun errore.

Per Flick, Rudiger è nella squadra della DFB proprio come Alaba lo era per lui al Bayern Monaco

In nazionale l’unica domanda ora è chi difenderà insieme a Rudiger, se Niklas Sule, Nico Schlutterbeek o entrambi, il suo posto è sicuro anche dopo il cambio di allenatore. Jogi Löw era già un grande fan di Rüdiger, ha visto il potenziale del giocatore quando si doveva quasi giustificare l’essere un fan di Rüdiger. Rüdiger è grato a Löw fino ad oggi poiché ha continuato a offrire il suo supporto nelle normali telefonate quando Rüdiger era seduto sugli spalti con l’ex allenatore del Chelsea Frank Lampard. Rüdiger si è pentito della partenza di Löw, ma è stato ricompensato con un successore che vede e sente la partita in modo simile. Hansi Flick e Antonio Rudiger vanno d’accordo perché il calcio è un ottimo gioco di comunicazione per entrambi.

Per ora, uno degli allenatori della nazionale è orgoglioso di consigliare di dare un’occhiata più da vicino al gioco di Rudiger. Ha sottoposto Flick Rudiger allo stesso trattamento riservato a David Alaba al Bayern Monaco. Ha promosso il suo giocatore a manager e ha concesso una specie di procura sul campo. Incoraggiato e gli è stato chiesto di essere turbolento e dirigere i suoi compagni di squadra, ora Flick è entusiasta quando vede il suo capo difensivo puntare e allenare. Rüdiger l’ha sempre voluto, pensa che l’autodifesa silenziosa sia orribile. Ma per molti anni aveva ritenuto inopportuno segnare il suo capo. Ora osa. Ora sta letteralmente uscendo dal cofano.

Thomas Tuchel avrebbe voluto vederlo continuare a giocare al Chelsea, ma a causa dello stato di proprietà poco chiaro dopo la partenza di Roman Abramovich, il club non è stato in grado di offrirgli una nuova offerta. Il Real Madrid lo voleva davvero, solo il nome del club ha reso Rudiger eccitato come l’imminente Coppa del Mondo. Dopo una telefonata con l’allenatore Carlo Ancelotti, ha subito capito che voleva farlo e le cose potevano andare in salita in difesa del Real Madrid. Antonio Rudiger difenderà lì insieme a David Alaba.