Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Alla ricerca di una nuova sicurezza – Südtirol News

Renon – Come un uragano, una malattia pericolosa cade improvvisamente sulle famiglie. Tutti i membri sono colpiti, le lacune nel sistema familiare si aprono e i ruoli cambiano. È importante organizzare la vita quotidiana con i bambini mentre preoccuparsi per un genitore malato è onnipresente. Per la settima volta, il centro educativo Rittner Haus der Familie organizza una campagna di sensibilizzazione MotherNight con 25 organizzazioni altoatesine nella settimana che precede la festa della mamma. Una malattia grave è spesso associata a paura e vergogna. In una conferenza stampa oggi in piazza della parrocchia di Bolzano, le persone colpite hanno riferito le loro esperienze e i partner della rete informati sulle loro motivazioni per rimuovere il tabù sull’argomento. La settimana lavorativa consiste in un’installazione che arriverà a Brunnick, Stirling, Schlanders e Ritten per diverse ore la prossima settimana, ed è un libro con 15 storie e due pannelli di discussione. Le storie delle persone colpite vengono mostrate sui social media. La campagna di sensibilizzazione è stata finanziata e sostenuta dall’Agenzia per la Famiglia dell’Alto Adige. Il Consigliere di Stato, Trauddegg e Carmen Blessler dell’Agenzia per la Famiglia sostengono questo lavoro di sensibilizzazione a tutti i livelli.

Se uno dei genitori si ammala, tutti i membri della famiglia ne risentono. I processi consolidati non funzionano più, sorgono dubbi. Non si tratta solo di affrontare il dolore, la paura e l’incertezza. Occorre chiudere i buchi che si sono verificati nella vita quotidiana, concludere nuovi accordi, organizzare l’assistenza esterna e offrire il sostegno. La madre del cancro Elena Breda ha detto alla conferenza stampa di oggi, soprattutto, che è importante parlarne. Ha gestito candidamente la sua diagnosi di cancro al seno, ha informato e coinvolto sua figlia di 11 anni, ha permesso l’impotenza, la rabbia, la paura e il senso di colpa e ha accettato l’aiuto medico, il vicinato, il sostegno psicologico ed emotivo: “Come famiglia, ci siamo resi conto che lei ha detto: “Stiamo sfruttando risorse che creeranno virtù con motivazione”. Necessità. “Rinat Oserbrunner è cresciuta con un padre malato di mente. Ha detto che, essendo la maggiore di due sorelle, soffriva principalmente di silenzio e tabù in famiglia Quando era un’adolescente, cercava segretamente quale tipo di medico il suo nome veniva spesso menzionato a pranzo, e che tipo di medicine erano tenute nell’armadio della cucina, e cosa significava per la lunga assenza del padre e la sua permanenza in varie cliniche. Rinat Oserbrunner ha detto che preservare la vita normale del mondo esterno era molto importante per i suoi genitori. Ma avrebbero pagato un prezzo molto alto. Solo quando la donna aveva più di 30 anni ci fu un serio conflitto con suo padre, che alla fine li ha avvicinati l’uno all’altro.

READ  Merritt Baker: Minacce di morte per "aver rubato tutto"

Elisa Brueger è il vicedirettore di Family House e conosce MotherNight dal primo giorno. Nel 2015, la Rittner Bildungshaus, con la sua rete in continua crescita, ha portato al pubblico diversi argomenti tabù sull’essere padre nella settimana che precede la festa della mamma. Tra le altre cose, era correlato alla gravidanza adolescenziale, alla morte di un bambino, alla nascita di un bambino con bisogni speciali, alla nascita prematura e al parto involontario. “Ogni anno siamo riusciti a incoraggiare le persone colpite a raccontare pubblicamente le loro storie”, afferma Elisa Brugger.

MutterNacht ha voluto diffondere quest’anno il tema della malattia di un genitore in varie località dell’Alto Adige, ha spiegato la responsabile del progetto Astrid de Bella, che ha accompagnato la campagna sin dall’inizio. È importante parlare apertamente della malattia, accettare aiuti privati ​​e pubblici e, soprattutto, non lasciare i bambini soli con le proprie paure e paure. Pertanto, la casa di famiglia ha chiamato l’artista Astrid Garber per sviluppare una composizione che potesse essere eseguita ed espressiva anche durante una pandemia. L’artista ha sviluppato e implementato l’idea del labirinto con i ragazzi del Flylife Youth Center in Lives. Interrogati sulla questione della malattia, i giovani hanno menzionato Covid in particolare e hanno spiegato i compagni Petra Wörndle e Paul Löwe. Il virus ha colpito i giovani negli ultimi mesi al punto che hanno dato molto spazio all’epidemia quando hanno spruzzato teloni nel labirinto. L’installazione artistica avrà luogo lunedì prossimo 3 maggio nella piazza del municipio di Brünke, mercoledì 5 maggio nella piazza della città di Stierzing, giovedì 6 maggio a Blauenplatz a Silandro e sabato / domenica 8 maggio / 9. Può stand presso la casa di famiglia a Lichtenstern am Ritten dalle 10:00 alle 15:00. I passanti sono invitati a camminare nel labirinto e ad ascoltare le voci dei bambini che parlano della malattia di un genitore. Il libro MotherNight di quest’anno è composto da 15 storie di adulti e giovani che raccontano le loro esperienze in tedesco e italiano. Le storie ruotano attorno a famiglie in cui una madre o un padre si è ripreso, dove i bambini devono convivere senza genitori, poiché le malattie mentali durano tutta la vita. Il libro è disponibile presso la casa di famiglia, i partner della rete e le strutture artistiche di Brunnick, Stirling, Silandro e Renon. Alcuni estratti sono presenti anche sulla pagina Facebook di Haus der Familie (www.facebook.com/hausderfamilie.ritten).

READ  L'isola della seduzione: Machu Marcos insulta le ragazze single - TV

I pazienti spesso si preoccupano per i loro familiari più che per se stessi, e queste paure aumentano se non se ne parla. Le partnership sono molto tese. I parenti non sono preparati per i compiti e gli oneri che sorgono quando si prendono cura di pazienti adulti. Questo sarà preso in considerazione in due webinar sabato 8 maggio. Genitori, genitori, giovani e professionisti discuteranno delle loro esperienze, caos, dolore, opportunità e potenziale con Astrid de Bella. La discussione in tedesco viene trasmessa sulla pagina Facebook dell’Haus der Familie alle 18 e la discussione in italiano alle 19.

La campagna di sensibilizzazione per la notte della mamma è sostenuta dall’agenzia per le famiglie dell’Alto Adige. Il direttore dell’azienda, Carmen Blesseler, ha sottolineato in conferenza stampa che la sensibilizzazione su questi temi difficili è estremamente importante. Soprattutto, i tabù sono un peso per i bambini, che spesso lottano con loro per tutta la vita e perdono la loro leggerezza. Il consigliere di Stato e Trauddij hanno sottolineato che consentire e accettare gli aiuti è molto importante. In Alto Adige ci sono una serie di offerte speciali e di aiuto pubblico e iniziative per persone con diverse malattie, come aiuti contro il cancro o strutture per malati di mente. Waltraud Dej ha confermato che l’attività di famiglia verrà ampliata in Alto Adige nei prossimi anni.

Da: mk