Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

‘Airlift’ dell’Afghanistan: partecipazione dell’A400M da Wunstorf | NDR.de – Nachrichten – Bassa Sassonia

Stato: 16/08/2021 14:06

Tre aerei da trasporto dell’esercito tedesco hanno lasciato Wunstorf in mattinata per l’Afghanistan. Dovrebbero formare un “ponte aereo” – evacuando cittadini tedeschi e personale afghano locale.

A bordo della nave c’erano, tra le altre cose, i paracadutisti della Rapid Troop Division (DSK) di Seedorf nella regione di Rothenburg (Foume). Devi raggiungere oggi la capitale afghana Kabul e garantire l’evacuazione. L’unità speciale dell’esercito tedesco è stata appositamente addestrata per questo. Anche i medici Feldjäger e Bundeswehr stanno prendendo parte alla campagna di ritorno. Nel frattempo, domenica il movimento islamico radicale talebano ha preso il controllo di Kabul Prendi il potere in Afghanistan.

Il primo impiegato dell’ambasciata si è recato in Qatar

I talebani hanno occupato città dopo città negli ultimi giorni, a volte senza combattere. Domenica hanno finalmente catturato Kabul e occupato il palazzo presidenziale. Tutti i dipendenti dell’ambasciata tedesca sono stati portati all’aeroporto, che è assicurato da migliaia di soldati americani. Lunedì sera un aereo americano ha trasportato 40 dipendenti dell’ambasciata tedesca a Doha, nell’Emirato del Golfo del Qatar. Altri voli di evacuazione sono previsti su un aereo A400M della Bundeswehr.

La mia voce: Afghanistan: i talebani vogliono creare ‘disciplina e ordine’ (6 min)

A400M forma un “ponte aereo” da Kabul a un paese terzo

I mezzi di trasporto della Bundeswehr saranno nei prossimi giorni un elemento centrale del “ponte aereo”. Il personale dell’ambasciata e altri cittadini tedeschi, nonché i dipendenti locali che hanno lavorato o lavorano nella Bundeswehr o nei ministeri federali in Afghanistan saranno portati in Germania. Non è chiaro quanti dipendenti locali siano coinvolti. Il numero di tedeschi che erano a Kabul entro domenica è stato stimato in oltre 100. L’A400M della Bundeswehr può ospitare 114 passeggeri. Trasportano le vittime in Uzbekistan. Da lì, dovrebbero continuare in Germania con macchine civili.

Ministero della Difesa: “Uso pericoloso”

È la più grande evacuazione della Bundeswehr fino ad oggi. “Una cosa è certa: questa è una missione pericolosa per i nostri soldati”, ha scritto lunedì il ministero della Difesa su Twitter. Il Bundestag deve autorizzare retroattivamente il dispiegamento delle forze armate federali: questa azione è possibile in caso di pericolo imminente. Il Parlamento potrà quindi occuparsene la prossima settimana quando si tratterà di una sessione speciale sugli aiuti alle alluvioni.

Pistorius: “L’evacuazione arriva troppo tardi”

Il ministro dell’Interno della Bassa Sassonia Boris Pistorius (SPD) ha criticato la gestione da parte del governo dell’avanzata dei talebani: ha scritto su Twitter: I dipendenti locali sono “in grave pericolo di morte”. Il ministro federale della difesa Annegret Kramp-Karrenbauer (CDU) e il ministero federale degli Interni avrebbero dovuto saperlo. “È troppo tardi per evacuare”, ha scritto Pistorius. È “la fine pericolosa e immeritata di un compito lungo e importante”. A metà giugno, Pistorius ha già sollecitato un’ammissione più disponibile del personale locale dall’Afghanistan. Anche i politici dell’opposizione federale sono critici nei confronti delle misure di sfratto.

Associazione dei popoli minacciati: fai uscire gli operatori umanitari

La Società per i popoli minacciati di Göttingen ha invitato il governo federale a ritirare tutti i tentativi in ​​modo che gli operatori umanitari afgani in pericolo possano lasciare il paese. Un portavoce dell’azienda ha affermato che il governo federale ha iniziato troppo tardi a organizzare aiuti, ad esempio per autisti o traduttori locali. Inoltre, la Germania dovrebbe collaborare con l’Unione europea per proteggere le minoranze minacciate in Afghanistan.

READ  I turisti raramente si nutrono: scimmie balinesi affamate invadono le case

Cosa accadrà dopo ai progetti di aiuto della Bassa Sassonia?

La presa del potere da parte dei talebani ha posto problemi anche alle organizzazioni umanitarie. L’Associazione delle donne afghane del distretto di Osnabrück ha interrotto la maggior parte dei progetti di aiuto, ha affermato il presidente dell’associazione Nadia Nasher Karim. L’associazione, fondata quasi 30 anni fa, ha gestito, tra le altre cose, scuole e ospedali in Afghanistan. Questo è anche il caso della Catachil Aid Society del distretto di Gifhorn. Il presidente dell’organizzazione, Sybil Shenhag, ha affermato che inizialmente i suoi progetti nelle aree rurali dovrebbero continuare. Ma il futuro è incerto.

Informazioni aggiuntive

Folla e caos nel traffico all'aeroporto di Kabul, Afghanistan © picture alliance / AA Foto: Sayed Khodaiberdi Sadat

I civili hanno cercato disperatamente di salire a bordo di uno degli aerei passeggeri e testimoni oculari hanno riferito di morte. Maggiori informazioni su tagesschau.de.
esterno

Un soldato dell'esercito tedesco (a sinistra) e un interprete (a destra) parlano con un uomo vicino a Kunduz nel distretto di Char Dara.  © dpa bildfunk Foto: Maurizio Gambarini

171 persone sono già arrivate in Bassa Sassonia. Altri 300 seguiranno presto. 3000 sono in attesa di lasciare il paese. (13.08.2021) più

Un soldato dell'esercito tedesco e un traduttore in uniforme dell'esercito tedesco parlano con i residenti vicino a Kunduz nel distretto di Char Dara.  © picture alliance / dpa Foto: Maurizio Gambarini

Si prevede che 212 persone dall’Afghanistan. Dopo il ritiro delle forze Nato nel mirino dei talebani. (08.07.2021) più

Questo argomento è nel programma:

NDR 1 Bassa Sassonia | corrente | 15/08/2021 | ore 12.00

NDR. logo