Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

AD 2024: “Ci deve essere una fuga di notizie” – il ct dell’Italia parla con rabbia di sé

AD 2024: “Ci deve essere una fuga di notizie” – il ct dell’Italia parla con rabbia di sé

NNaturalmente ancora una volta con il dramma. Apparentemente non c’è altro modo. In questo Europeo l’Italia è come un cassetto che apri e quando guardi dentro trovi tutto quello che pensavi di sapere già sul suo contenuto. Il gol più veloce subito agli Europei (il primo contro l’Albania), una brutta sconfitta (nella seconda contro la Spagna) e ora questo: pareggio all’ultimo secondo, secondo posto nel girone, ottavi di finale.

Quando l’arbitro olandese Danny Makele ammise il gol di Mattia Zaccagni al 98′, la partita finì. Fischio del gol, fischio finale, la Croazia è a terra – con poche possibilità di passare come una delle prime quattro squadre al terzo posto del girone con soli due punti.

La star croata Luka Modric ha detto: “Il calcio può essere crudele, ci siamo passati, penso che sia ingiusto essere esclusi in questo modo. Il Dio del calcio non è sempre gentile. E poiché sta dalla parte degli italiani”. benedice la prestazione che nessuno incoraggia nel finale di giornata.

Il dramma era questo: minuto 54, calcio di rigore manuale per la Croazia dopo la revisione del Video Assistant Referee (VAR). Modric avanza, e Gianluigi Donnarumma tiene. Minuto 55: Modric segna il presunto gol della vittoria, approfittando di un rimbalzo del potente Donnarumma, 31 secondi dopo il suo errore. La Croazia festeggia, la Croazia pensa di essere in vantaggio nel torneo, e questo diventa ogni minuto più probabile, ma poi: Riccardo Calafiore si sposta a centrocampo e ha una visione di Zaccagni, che conclude magnificamente dalla sinistra dell’area obiettivo. Area di rigore e colpisce l’angolo in alto a destra.

Leggi anche

Il quotidiano inglese The Guardian ha commentato: “Proprio quando Luka Modric e la Croazia sembravano pronti per un ultimo ballo, gli è stato tolto il terreno sotto i piedi”.

Gol all’ultimo minuto degli ottavi – Zaccagni sostituisce l’Italia al 98′

Con un gol all’ultimo secondo l’Italia si assicura il biglietto per gli ottavi. Dopo il primo gol di Modric per i croati, sembrava a lungo una sconfitta prima che Zacajne segnasse il pareggio al 98° minuto. Gli highlights nel video.

Naturalmente questo è solo quello che ci si può aspettare dall’Italia. Quello che l’Italia si aspetta anche da se stessa come nazione calcistica. In ogni caso, il Corriere dello Sport individua una squadra che “ha mostrato grande carattere e grande coraggio, ma ha molto lavoro da fare per correggere i tanti errori visti oggi e contro la Spagna, sia in difesa”. Anche nella struttura del gioco”.

READ  Pallacanestro: l'allenatore Filipowski resta al Würzburg! | gli sport

Spalletti è stato l’argomento della conferenza stampa

L’allenatore dell’Italia Luciano Spalletti, un uomo a volte incline alla pietà, ha detto prima della partita che ci sono “partite che decidono se puoi scrivere una grande storia o una piccola storia”. Subito dopo questo confronto folle, ha detto, dapprima abbastanza sobrio nelle sue dichiarazioni, che nel calcio “bisogna crederci sempre fino all’ultimo secondo e indipendentemente dal fatto che giochi bene o male, può sempre esserci un momento così decide tutto.” “Sono successe cose del tutto illogiche e impossibili da capire.”

Ma poi, in conferenza stampa, è toccato a Spalletti. Niente più fusibili, tutto bruciato. Ha fatto arrabbiare e pareggiato con i critici. La prima domanda in conferenza stampa lo ha spinto a lanciarsi in un lungo monologo. Per minuti. Ha parlato anche di una possibile spia perché il giornalista italiano aveva conoscenze privilegiate che, secondo Spalletti, non avrebbe dovuto avere.

“Chiaramente c’è qualcuno nella squadra che trasmette informazioni e questa persona sta danneggiando la squadra. Qualcuno deve averlo detto, deve esserci una fuga di notizie da parte loro, sono informazioni che hanno lì”.

Leggi anche

Aceto di mele

Il rappresentante dei media aveva parlato di presunte discussioni con i giocatori sulla formazione prima della partita di lunedì a Lipsia. Poi Spalletti ha sorpreso con la sua formazione. “Quanti anni hai?” Il formatore ha risposto all’interrogante con un aumento significativo del volume. “51 quindi. Ho 65 anni. 14 anni in più. Cerco sempre il dialogo con i giocatori. Devo ascoltare i miei giocatori. Cosa c’è di male se la formazione titolare è il risultato di discussioni? ?”

READ  FCS soffre a Cagliari ma è imbattibile - Serie B

È tornato brevemente ai tempi dello studente e ha spiegato perché contro i croati giocava con una difesa a tre quando avevano la palla, che poi diventava una difesa a cinque quando la palla era in mano agli avversari. “Ho scritto anche la mia tesi sull’argomento “So esattamente che effetto può fare una catena di tre o cinque uomini”, ha affermato Spalletti.

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell’articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

Interrogato in precedenza su cosa accadrebbe se l’Italia venisse eliminata, lunedì sera nella tarda serata ha risposto: “Che razza di domanda è questa? Mi chiedono anche se ho paura. Se l’avessi, andrei allo stadio come te”. e guarderò le partite e riceverò anche la tessera gratuitamente.”

Forse era tutto ciò di cui aveva bisogno per uscire, la rabbia repressa che cercava uno sfogo. L’esplosione emotiva di Spalletti potrebbe aver mostrato quale sia nel complesso la salute mentale del campione in carica. “Siamo i campioni dei sogni italiani”, disse una volta Spalletti. C’è molto desiderio lì, ma c’è anche molto peso.

READ  Scegli subito la formazione titolare della nazionale tedesca per la partita contro la Svizzera!

L’Italia incontrerà il suo rivale, il gruppo tedesco, la Svizzera

Anche questo arriva dal predecessore di Spalletti. Sotto Roberto Mancini, gli alti e bassi sono stati enormi: vincere a Wembley nel 2021 e pochi mesi dopo saltare la Coppa del Mondo in Qatar – dopo che la stessa cosa è accaduta all’Italia ai Mondiali del 2018, solo Mancini non era ancora al comando .

Spalletti, allenatore della squadra SSC Napoli 2023 e poi in vacanza personale nella sua piccola fattoria vicino a Montaleone in Toscana, avrebbe dovuto compensare queste fluttuazioni. Mancini si è dimesso improvvisamente lo scorso agosto e da allora è diventato allenatore in Arabia Saudita. Si dice che una bella busta paga di 30 milioni di dollari abbia accompagnato la sua decisione.

Il bisogno era grande, Spalletti si è permesso di allargarsi e ha preso in mano una squadra che rischiava di disintegrarsi tra crisi, scandali e discussioni sui giocatori. Ha rimesso insieme i pezzi e finalmente ha avuto una squadra che poteva dare molto a questo Europeo.

Ma poi è arrivata la partita con la Spagna, e ha fatto molto per la squadra italiana, che non lo ha nascosto. Il direttore della squadra Gianluigi Buffon ha invitato le persone a “ritrovare sicurezza e fiducia in noi stessi”. Buffon ha ammesso che la prestazione disperata contro gli iberici “è stata una battuta d’arresto che non ci aspettavamo”.

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell’articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

E ora la Croazia, a malapena in parità, a malapena nel torneo. “Siamo tornati a casa con una partita molto delicata a livello mentale – ha detto Spalletti – A volte la pressione è molto intensa e poi commettiamo errori avventati che possiamo ancora raggiungere i nostri obiettivi con le spalle al muro”.

Ha lasciato aperta la domanda su cosa fossero. Sabato (18:00 al WELT Sports Bar) Gli ottavi di finale si giocheranno a Berlino contro la Svizzera. Solo un promemoria: l’Italia sta difendendo il titolo.