Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Accuse di stupro: Carroll fa nuovamente causa a Trump

Stato: 24/11/2022 22:24

Lo scrittore americano Carroll fa nuovamente causa all’ex presidente degli Stati Uniti Trump e chiede i danni. Lo accusa di averla violentata in un grande magazzino a metà degli anni ’90. Trump ha ripetutamente negato queste accuse.

L’editorialista americano E. Jean Carroll ha citato in giudizio l’ex presidente Donald Trump per accuse di stupro. Gli avvocati di Carroll hanno chiesto il risarcimento dei danni, tra l’altro, nella denuncia relativa a lesioni personali e danni alla reputazione, che è stata depositata presso il tribunale di Manhattan. Il 78enne ha accusato Trump di averla violentata in un grande magazzino di New York nel 1995.

Una nuova legge entrata in vigore giovedì nello stato di New York le ha ora permesso di portare avanti la nuova causa. Secondo la legge, le presunte vittime di stupro possono citare in giudizio i presunti autori per danni indipendentemente dai termini di prescrizione. Finora sono riuscito a citare in giudizio l’ex presidente solo per diffamazione perché il presunto reato era proibito dalla legge.

Trump: è “totalmente falso”

Trump e Carroll sono in tribunale dal 2019 per accuse di diffamazione. Trump aveva precedentemente negato le accuse, dicendo che l’ex editorialista della rivista Elle era un “bugiardo totale”. Ha aggiunto: “Non è il mio tipo”. L’ha anche accusata di voler solo vendere il suo nuovo libro.

Carroll ha quindi citato in giudizio Trump per averla ritratta come una bugiarda e quindi averla diffamata. A ottobre, Trump ha dovuto testimoniare sotto giuramento al processo. L’udienza è stata però poi sospesa dalla corte d’appello perché i giudici dovevano chiarire se Trump fosse tutelato da conseguenze legali per le dichiarazioni rese durante la sua presidenza dal 2017 al 2021.

READ  Guerra in Ucraina: "I russi stanno fallendo sul campo in molte aree in questo momento", afferma Wallace.

Da allora, Trump ha ripetutamente ritardato il processo. L’avvocato di Trump, Alina Heba, ha detto ad AFP che rispetta e ammira coloro che parlano. Tuttavia, questo caso “purtroppo rappresenta un’appropriazione indebita della legge, che crea un pericoloso precedente e rischia di delegittimare la credibilità delle vere vittime”.

Carroll è rimasto in silenzio per più di 20 anni prima della sua uscita nel 2019, incoraggiato dal suo lancio nel 2017 Movimento #MeToo Contro la violenza sulle donne – Ha scritto la sua storia in un libro.