Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Accuse di molestie sessuali: l’ex assistente accusa Cuomo di “aver violato la legge”

Il governatore di New York Andrew Cuomo è sempre più preoccupato per le accuse di molestie da parte di diverse donne. “Quello che mi ha fatto è un crimine”, ha detto Brittany Commisso, ex assistente di Cuomo, in un’intervista televisiva trasmessa lunedì. Il sovrano la toccò due volte. Poche ore prima della messa in onda dell’intervista, la confidente di Cuomo Melissa DeRosa si è dimessa a causa delle accuse contro il suo capo.

‘non era richiesto’

Comiso ha descritto come Como l’ha toccata in due occasioni in situazioni lavorative. “Forse pensava che fosse normale”, ha detto. “Ma non era normale per me e per le altre donne che hanno fatto questo per lui. Non era richiesto e certamente non era consensuale”.

Oltre a Commisso, altre dieci donne portano accuse di molestie sessuali contro Cuomo. Nove donne sono impiegate o impiegate dalle autorità dello Stato di New York. Commisso ha sporto denuncia contro Cuomo.

Secondo gli stessi resoconti dei media, la società è tornata domenica (ora locale). Lo stretto confidente di Kumo è tornato. Il consigliere di Cuomo Melissa DeRosa ha annunciato in una dichiarazione scritta che si dimetterà dalla sua posizione. Secondo il rapporto di indagine del procuratore generale, DeRosa è stato uno dei principali sostenitori di Cuomo fino alla fine. Di conseguenza, faceva parte di un gruppo di dipendenti leali che hanno intrapreso azioni efficaci contro una donna dopo aver sollevato accuse contro il governatore.

Sulla scia del caso, lunedì Roberta Kaplan si è dimessa dalla sua posizione di presidente di Time’s Up, che è stata fondata come parte del movimento #MeToo contro le molestie sessuali. L’ufficio del procuratore aveva rappresentato l’avvocato di Cuomo DeRosa e si dice che abbia assistito il governatore nella sua difesa contro le accuse di molestie.

READ  Anthony Fauci: il capo virologo vede gli Stati Uniti "sulla strada sbagliata" nella crisi di Corona