Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Logo der OECD (dpa / picture alliance / Etienne Laurent)

Accordo globale sulla tassazione minima delle società

Le aziende attive a livello globale devono adattarsi a una tassazione più severa Dopo i paesi del G7, 130 paesi sotto l’egida dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico hanno concordato un’imposta minima globale sulle società. Il ministro federale delle finanze Schulz ha parlato di un importante passo avanti per una maggiore equità fiscale.

Dopo quasi un decennio di trattative, una dichiarazione congiunta degli Stati ora afferma che in futuro le imprese dovranno pagare un’aliquota fiscale di almeno il 15%. Inoltre, i grandi paesi emergenti dovrebbero trovarsi in una posizione migliore. L’OCSE vuole chiarire tutti i dettagli in sospeso entro ottobre. Nove paesi, tra cui l’Irlanda, non hanno firmato l’accordo. Facebook e Google hanno sede in Europa in Irlanda.

Durante una visita a Washington, il segretario al Tesoro federale Schulz ha riferito di enormi progressi. Il politico SPD ha affermato che l’accordo alla fine significherà maggiori entrate fiscali per la Germania. Anche il segretario al Tesoro Usa Yellen ha accolto con favore l’accordo e ha parlato di una “giornata storica per la diplomazia economica”.

Le aziende globali trasferiscono i loro profitti in paesi che da anni attirano aliquote fiscali basse. Pagano tasse relativamente poche, di solito molto meno, diciamo, delle tasse delle società di medie dimensioni. L’imposta minima prevista si rivolge principalmente a questi paradisi fiscali. Inoltre, dovrebbero andare meglio i cosiddetti paesi di mercato, cioè gli stati in cui le aziende fanno molti affari ma pagano difficilmente le tasse.

Questo messaggio è stato trasmesso il 1 luglio 2021 su Deutschlandfunk.