Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

3G e home office sfidano le aziende della regione di Hersfeld-Rotenburg

3G e home office sfidano le aziende della regione di Hersfeld-Rotenburg

A causa della pandemia di Corona, molti sono costretti a spostare il proprio lavoro dall’ufficio a casa. (immagine dell’icona)

© Fabian Strauch / D

Da giovedì sono in vigore regole più severe. Abbiamo chiesto ad Amazon, Vitesco, Sparkasse, Landratsamt e alla comunità Wildeck.

Hersfeld-Rotenburg – A causa dell’impegno 3G, tutte le persone non vaccinate devono sottoporsi a test ogni giorno e l’impegno del Ministero degli Interni significa che tutti i dipendenti che possono lavorare a casa devono rimanere a casa. Ciò aumenta lo sforzo sia per i grandi che per i piccoli datori di lavoro della zona, ma sembra funzionare. Almeno questo è ciò che ritraggono gli attori che sono stati intervistati casualmente nel nostro giornale.

I portavoce di Amazon, Vitesco (ex Conti) e Sparkasse riferiscono che i test mattutini giornalieri o il loro controllo non comportano ritardi evidenti nel flusso di lavoro. Hans Wilhelm Saal, direttore generale dell’Associazione degli artigiani della regione, commenta succintamente: “Non sarà più facile per l’azienda. Tutto deve essere documentato e implementato. E lo sarà. Prima di andare in cantiere al mattino, vengono effettuati i test. Possiamo farlo ora e speriamo di uscire dal caos in primavera”.

Non solo un’offerta, è un impegno

La revisione della legge federale sulla protezione dalle infezioni, in vigore da giovedì, fa dichiarazioni chiare sul 3G e sull’home office: l’accesso al posto di lavoro è consentito solo con la prova del 3G. Le persone non vaccinate sono responsabili dei propri test – se i datori di lavoro forniscono questi stessi sul posto, lo fanno volontariamente. E il datore di lavoro deve offrire a ciascun dipendente un ufficio a casa che sia operativamente fattibile e i dipendenti possono rifiutare l’offerta solo per validi motivi.

READ  L'azienda richiama i pistacchi a causa della salmonella

Il sindaco di Wildk Alexander Wirth è più critico. Per lui, non si tratta del suo staff, ma delle basi. “La mia ipotesi è che l’impegno della terza generazione porti al fatto che le persone non vaccinate si ammalino più spesso. Le nuove misure non sono state pensate fino in fondo. “Perché non solo i dipendenti a tempo indeterminato non vaccinati devono mostrare i test, ma anche badante che va da solo In un centro comunitario nel villaggio la domenica. Wirth chiede: “Chi dovrebbe controllare questo?” Ma dice che è felice di accettare le incongruenze e le sfide aggiuntive se questo porta a più vaccinazioni. E ovviamente devi fare di tutto per disinnescare il caso Corona. Per quanto riguarda l’impegno dell’home office, è stato riscontrato che i dipendenti in realtà non volevano più lavorare a casa. Ciò è dovuto, ad esempio, al fatto che è difficile separare il privato e la funzione all’interno delle quattro mura dell’individuo.

Tutte le aziende intervistate hanno affidato la responsabilità dell’home office e dell’implementazione 3G ai rispettivi capi dipartimento. Se necessario, tengono anche discussioni sull’opportunità delle vaccinazioni. E puoi anche decidere chi può davvero lavorare meglio a casa.

Con tutti gli sforzi, i datori di lavoro della zona si stanno rendendo conto della necessità degli uffici domestici e del 3G al lavoro, almeno quelli che il nostro giornale ha intervistato casualmente.

“Ciò aumenta anche la sicurezza operativa. Per i nostri dipendenti e per i nostri clienti”, afferma Wolfgang Kurth, portavoce della stampa di Sparkassen. Ecco perché Sparkasse si sta impegnando in tutte le filiali per garantire che i clienti offrano anche certificati 3G, anche se non sono tenuti a farlo. Ma alla fine, questo aumenta anche la sicurezza dei clienti, afferma Kurth.

READ  In caso di frode si rischia la rescissione: nelle aziende circolano passaporti falsi per la vaccinazione corona

Il portavoce di Amazon Michael Schneider ha dichiarato che la società ha finora investito oltre 15 miliardi di dollari in tutto il mondo per la sicurezza dei propri dipendenti e, in alcuni casi, è andata oltre quanto richiesto dalla legge. Amazon è anche uno dei pochi principali datori di lavoro a offrire test mattutini ai lavoratori non vaccinati.

Alexander Wirth, sindaco di Wildeck, sottolinea: “Dobbiamo fare tutto insieme per garantire che la situazione Corona non peggiori ulteriormente”.

Wirth così come Amazon, Visco (ex Conte), Sparkas e l’ufficio della contea vedono il Ministero degli Interni come meno problematico – in realtà psicologicamente, ma non nell’esecuzione. Tuttavia, l’Ufficio distrettuale di tutte le persone ha risposto alla nostra richiesta in modo più vago di quanto richiesto dalla legge. “In linea di principio, ogni dipendente è autorizzato dal suo posto di lavoro o attività a recarsi presso l’ufficio a casa”, afferma l’ufficio stampa. Tuttavia, la legge federale sulla protezione dalle infezioni richiede che i dipendenti possano lavorare da casa. L’unico limite è che deve essere operativamente fattibile. I responsabili del servizio parlano con i dipendenti della pratica del lavoro da casa. Non è possibile, ad esempio, negli uffici dei servizi al cittadino, con il personale della scuola e nell’ufficio ammissioni.

Sebbene Sparkasse abbia i requisiti tecnici per un ufficio a casa, non è operativamente fattibile per la maggior parte dei dipendenti. Una volta che si tratta di contatto con i clienti e segreto bancario, non ti è permesso lavorare in cucina, ad esempio, dove sta cucinando il tuo partner, spiega il portavoce della stampa Kurth. In teoria, nessuno dovrebbe essere in grado di vedere i dati dei clienti. Non si tratta di sicurezza informatica. Secondo Kurth, è garantito. Ma Sparkasse lo gestisce anche in modo diverso: utilizza stanze vuote situate in così tante filiali che non molte persone lavorano in uno spazio ristretto.

READ  ▷ Due aziende, due associazioni, un obiettivo: rendere felici i bambini gravemente malati

Secondo la portavoce della stampa Emerenz Magerl-Ziegler, Vitesco a Bebra ha chiesto a tutti i dipendenti le cui aree di attività gli consentono di recarsi presso l’home office. Questo ovviamente non è possibile in produzione. Lì, secondo una portavoce di Vitesco, i dipendenti compilano liste di controllo quotidiane per l’autovalutazione dei sintomi correlati. In caso di dubbio, gioca sempre sul sicuro. (Christopher Zerman)