Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

10mila migranti in tre giorni: Lampedusa – Per il governo italiano è colpa dei tedeschi

10mila migranti in tre giorni: Lampedusa – Per il governo italiano è colpa dei tedeschi

10mila migranti in tre giorni
Lampedusa – Per il governo italiano la colpa è stata dei tedeschi

Udo Gang, Roma

Ascolta l’articolo

Questa versione audio è generata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia un commento

La piccola isola italiana di Lampedusa si trova a 100 miglia nautiche al largo della costa del Nord Africa. Nel frattempo, molti migranti stanno ritornando lì su piccole imbarcazioni di legno. Questo è il risultato delle azioni intraprese dal governo Maloney, che però dà la colpa ai tedeschi.

Per il ministro dei Trasporti italiano Matteo Salvini il punto è chiaro: chi è responsabile dello sbarco di 10.000 migranti a Lampedusa in tre giorni? I tedeschi, perché – secondo Salvini – pagano le navi di salvataggio delle organizzazioni umanitarie e trasportano i “clandestini” in Italia. È vero che ci sono tre navi di salvataggio di ONG nel Mediterraneo la cui missione è salvare i naufraghi, e queste sono finanziate con donazioni dalla Germania, tra cui la Chiesa protestante con una donazione di 100.000 euro. Tuttavia, l’errore è che le navi delle ONG hanno portato a Lampedusa solo uno dei 10.000 migranti durante il secondo fine settimana di settembre.

È il governo italiano a indicare alle navi delle Ong in quali porti portare i migranti: sono sempre molto più a nord e spesso devono percorrere più di 1.000 chilometri. Le lunghe distanze nel Mediterraneo rendono le operazioni di salvataggio molto difficili per i soccorritori. Il secondo motivo è chiaro: la nave di soccorso è rimasta inizialmente inattiva per dieci giorni. Il governo di destra di Roma non può vietare il salvataggio in mare perché violerebbe le convenzioni internazionali. Ma non è pratico: è possibile. Una delle prime misure adottate dal governo della Georgia Meloni è stata quella di far sì che le sue navi di soccorso, che potevano ospitare centinaia di naufraghi, rimanessero per lo più in porto. Secondo il governo, questa mano pesante impedirà “l’invasione dei clandestini”.

Ma a una fermata è accaduto il contrario: i rifugiati si sono imbarcati nuovamente su imbarcazioni di legno sempre più piccole e hanno utilizzato le proprie rotte per attraversare le 100 miglia nautiche da Sfax a Lampedusa. Anche durante la più grande ondata migratoria mai registrata fino ad oggi, nel 2014, quando 170.000 migranti sono sbarcati in tutta Italia, solo 4.000 rifugiati sono arrivati ​​a Lampedusa nel corso dell’anno. Perché tutti gli altri venivano precedentemente pescati in mare e poi trasportati direttamente nei maggiori porti italiani.

Tornano con le proprie barche

Le immagini del campo di accoglienza hotspot stracolmo di Lampedusa, nella valle Imbriacola, sono il risultato diretto della decisione politica del governo di destra di Roma di sospendere qualsiasi operazione di salvataggio in mare. Come la prima ondata dalla Tunisia nel 2011, stanno arrivando di nuovo con le proprie imbarcazioni. Quasi tutti sono partiti da Sfax, dove il prezzo di una barca è crollato drasticamente. Lì è disponibile una barca da dieci persone con motore fuoribordo per 3.000 euro. Le barche da pesca in metallo non sono pratiche.

Per il governo Meloni le immagini di Lampedusa sono state un disastro. Durante la campagna elettorale ha venduto le ONG come criminali “contrabbandieri”. Ormai sono stati praticamente eliminati, ma il numero dei migranti è già raddoppiato rispetto al governo Draghi.

Anche sul piano diplomatico la tendenza del governo ha fatto marcia indietro. La Meloni è volata in Tunisia a luglio e ha negoziato un accordo con il capo del governo locale, Guy’s Side: il Paese deve frenare l’immigrazione, in cambio la Tunisia riceverà un miliardo di euro di aiuti finanziari urgentemente necessari dal FMI, oltre ad altri 300 milioni. euro. Il deserto dell’UE per il futuro dell’energia solare Ma è successo il contrario: le partenze dalla Tunisia sono aumentate vertiginosamente. Molti giovani tunisini vogliono trasferirsi in Europa, non solo gli africani provenienti dai paesi sub-sahariani che si sono già stabiliti in Tunisia.

Quanto alla politica interna, Meloni e Salvini tornano a giocare la carta antieuropea, soprattutto antitedesca: l’Europa non aiuta, la colpa di tutto è dei “tedeschi”. Potrebbe funzionare sulla tv italiana, ora sotto il pieno controllo dei fedelissimi della Meloni. Ma contraddice i fatti. Secondo il Ministero federale degli interni, la Germania ha accolto finora più di 1.700 persone in cerca di protezione, di cui circa 1.000 provenienti dall’Italia. L’accordo di Dublino prevedeva anche che l’Italia riprendesse in carico gli arrestati in Germania che avevano già presentato una prima domanda in Italia. L’Italia dovrebbe accogliere circa 4.000 richiedenti asilo, ma si rifiuta di farlo. La Germania è attualmente in allerta. Il governo centrale non è sicuro se dare una mano all’Italia o insistere sulla lettera dell’Accordo di Dublino, che impone all’Italia di respingere i richiedenti asilo alla prima domanda denominati “Dublino”. .

Accuse contro la Germania

Al pubblico italiano non è stato mostrato un altro grafico: quest’anno, delle 120.000 persone arrivate in Italia, solo 60.000 hanno chiesto asilo, contro un totale di 240.000 già richiesto in Germania. Ma anche in Italia, al di là della campagna di “invasione nera” orchestrata dalla Germania, sta gradualmente diventando chiaro ai politici di governo che nessun paese dell’UE può risolvere il problema da solo. Anche se l’accordo con la Tunisia non vale la carta su cui è scritto, mostra la portata del problema: se il Sud del mondo diventa più povero e più devastato, più rifugiati arriveranno a cercarlo. Recupero, per un po’ di cibo. I rifugiati quasi affamati a Lampedusa scavalcano la recinzione del campo di accoglienza e vengono infine sopraffatti dagli ospitali residenti di Lampedusa.

L’Italia ha già fatto il primo, concreto passo per fronteggiare l’ondata di profughi: all’arrivo a Lampedusa non vengono più trattati ai fini dell’identificazione, né fotografie né impronte digitali. Hanno ricevuto braccialetti colorati e sono stati portati a terra. Ciò significa che non sono registrati dalle autorità europee per l’asilo – sono “vergini” dal punto di vista dell’asilo – e possono presentare una “domanda iniziale” ovunque nell’UE. Nessuno è stato autorizzato a rimandarli in Italia perché non erano ufficialmente di Lampedusa.

Segue Melony

Il governo italiano è nel panico. Durante le elezioni, i partiti di destra hanno promesso di fermare del tutto “l’invasione”. Adesso invece i nuovi numeri di matricola. Il boss della Lega Matteo Salvini ha chiesto il “posizionamento della flotta italiana”. Venerdì sera il premier Giorgia Meloni ha fatto seguito in uno spot televisivo: chiunque arrivi illegalmente in Italia verrà tenuto in un campo chiuso per 18 mesi invece dei 12 mesi precedenti prima di essere rimandato indietro. Lui ha annunciato che lunedì il governo deciderà in merito attraverso un’ordinanza.

Nessuno a Roma sa come funzioneranno i rimpatri se non si riesce a convincere nemmeno un capo di governo “amico” come il presidente della Tunisia a riprendersi i propri connazionali. O quando arrivano migliaia di immigrati dall’Egitto o dal Pakistan, con cui l’Italia ha buoni rapporti. L’ultima idea di Roma per affrontare l’immigrazione è una missione militare europea nel Mediterraneo per garantire la sicurezza del governo. Strano. Questa operazione militare congiunta europea sotto il nome di “Sofia” ha già avuto luogo dal 2015 al 2019. Si è conclusa su richiesta dell’Italia.

READ  Attaccante SC Freiburg: record Italia battuto - Vincenzo Grifo ora meglio di Luca Toni - Calcio