Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

10 cose da fare in Norvegia quando piove -

10 cose da fare in Norvegia quando piove –

La Norvegia è famosa per i suoi fiordi e pianure. Ma il tempo può essere davvero brutto qui. e poi? Una selezione di musei e luoghi di pellegrinaggio degni di nota dal sud all’estremo nord.

Il paese attrae soprattutto con la sua natura pittoresca. Ma a volte il tempo in Norvegia è davvero brutto. Quando piove e i temporali sono forti, sono necessarie sostituzioni. La cosa buona è che ci sono posti in tutto il paese dove puoi imparare e sperimentare molto, per lo più senza bagnarti. Ecco alcuni suggerimenti per i giorni di pioggia in Norvegia.

10 consigli per i giorni di pioggia in Norvegia

1. Una fortezza costiera nel sud della Norvegia, perfetta quando piove

colui il quale Forte di Nordberg È strategicamente situato nel sud della Norvegia vicino all’aeroporto di Farsund ed è stato costruito dai tedeschi durante la seconda guerra mondiale. Il complesso militare è uno dei migliori forti costieri che la Germania ha. Interessante per i bambini l’ampio spazio esterno con fossato. Nelle vicinanze si trovano incisioni rupestri dell’età del bronzo. Vale la pena vedere e interessante per chiunque sia interessato alla storia.

2. Sulla pista del petrolio a Stavanger

La capitale dell’industria petrolifera ha – ovviamente – a Museo del Petrolio. E vale la pena vederlo, se non altro per la vista dall’esterno, che ricorda una piattaforma petrolifera e un deposito di petrolio. Puoi anche scoprire come la povera Norvegia sia diventata uno dei paesi più ricchi del mondo grazie alle scoperte petrolifere degli anni ’60. Lo stato norvegese ha investito i profitti petroliferi in un fondo sovrano, che ora vale più di 1 trilione di euro.

Il norvegese è piccolo ma forte Museo dell’inscatolamento in una vecchia scatola. Non tutti i 35.000 poster hanno uno spazio in galleria, ma almeno un set colorato. Inoltre, il visitatore impara come i pesci entrano nel recinto.

READ  Corona: Omikron-Welle - Massive Personalausfälle bei deutschen Unternehmen
Anche dall’esterno, il Norsk Oljemuseum di Stavanger mostra di cosa si tratta: il petrolio e la sua estrazioneFoto: Stig Haavard Dirdal/Museo norvegese del petrolio/dpa-tmn

3. Consigli per la capitale norvegese Oslo quando piove

Inutile dire che devi guardare The Scream di Edvard Munch a Oslo. Attenzione: non c’è solo un “grido”, ma diversi di essi, compresi i dipinti, ma anche le stampe. “Urla” da un lato dentro Museo Nazionale L’attrice, la cui riapertura è prevista per giugno 2022 in un nuovo edificio. Oltre a Munch, vi sono esposti altri artisti di fama mondiale come Picasso, Van Gogh, Monet e Matisse.

Dal 2021 il pittore norvegese più famoso ha un nuovo ed elegantissimo museo dal nome semplice mordere. C’è anche sempre una copia del famoso dipinto in mostra lì.

Chi ama l’arte contemporanea è in una straordinaria straordinaria architettura, costruita direttamente sul mare Museo Astrop Fernley In buone mani. Nell’area esterna del museo appositamente gestito, oltre al giardino delle sculture, si trova una piccola spiaggia che i visitatori del museo utilizzano per rinfrescarsi nelle temperature estive. Quindi ideale anche per le famiglie.

Ecco cosa attende chiunque prenda il traghetto passeggeri per la penisola di Bygdøy dal molo di Rådhaus Museo Kon-Tiki Con la zattera e la nave polare originali dell’esploratore Thor Heyerdahl la cornice. Entrambi meritano di essere visti e adatti alle famiglie.

Suggerimento: utilizzando l’estensione Carta di Oslo Hai l’ingresso gratuito a quasi tutti i musei e sono inclusi anche i trasporti pubblici e i traghetti passeggeri. Ne vale la pena se rimani in città per due o tre giorni e visiti molte attrazioni ogni giorno.

Museo di Oslo Fram
Le spedizioni polari sono al centro del Museo Fram di OsloFoto: T. Storm Halvorsen / Il Museo Fram / dpa-tmn

4. Museo d’arte con sette sedi a Bergen

La seconda città più grande della Norvegia ha molto da offrire quando piove. Ad esempio, un sofisticato museo d’arte. colui il quale Museo del Codice Sono distribuiti in sette diverse posizioni, con Kode 1 fino a Kode 4 vicini al centro.

Kode 3 ospita il terzo gruppo Munch più grande al mondo. Anche “Troldhaugen”, l’ex casa del compositore Edvard Grieg, fa parte del complesso museale. È idealmente situato a pochi chilometri da Bergen su una collina che domina il mare.

READ  Appy Pie AppMakr consente alle aziende di creare app Android e iOS a una frazione del costo | newsletter

Questo è nel centro della città Museo della lebbra. lebbra? In Norvegia? Esatto: la lebbra era molto comune a Bergen nel 19° secolo. A causa delle cattive condizioni di vita, accompagnate da una carenza di proteine ​​e da un clima freddo e umido, la malattia è apparsa lì fino alla metà del XX secolo.

Questa storia e la ricerca sulla malattia degli scienziati norvegesi possono essere trovate e lette nell’ex ospedale di St. Jurgens.

Museo Munch
Munch è più di un guaito. Il museo che porta il suo nome offre uno spaccato dell’opera del pittore.Foto: Einar Aslaksen / Munch Musset / dpa-tmn

5. Il ciclo dell’acqua e il ruolo dei ghiacciai

La forma elegante, dotata di tutte le arti della tecnologia espositiva multimediale, è relativamente sconosciuta Centro Volgafono Vicino a Bergen nel piccolo comune di Roosendaal sul fiordo di Hardanger. Folgefonn è il nome di un ghiacciaio situato nell’omonimo parco nazionale.

Il museo fornisce informazioni divertenti e informative sul ciclo globale dell’acqua e sul ruolo dei ghiacciai utilizzando il fiordo come esempio. Vale la pena guardare e divertire. Il modo più semplice per arrivare a Rosendal è in traghetto da Bergen.

6. Riguarda la foresta di Elverum

La cittadina si trova a circa due ore di auto a nord del centro di Oslo ed è la patria dei norvegesi Museo della giungla. Il vasto museo affronta tutti i temi legati alle foreste: animali, piante, funghi, caccia, frutti di bosco e industria della lavorazione del legno.

Il museo dedica anche la propria mostra al fiume Glomma, che scorre attraverso l’Elverum, esponendo 40 specie autoctone di pesci in acquari d’acqua dolce. Il perfetto museo per famiglie dove passare facilmente una giornata senza mai annoiarsi.

7. Musica rock e pop a Trondheim

Rockheim È il nome del National Pop and Rock Museum, inaugurato nel 2010. La mostra è specificamente dedicata alla storia della musica norvegese. E non è solo un aha. Il viaggio interattivo attraverso uno straordinario tunnel temporale e il coinvolgimento sono all’ordine del giorno in questo museo.

READ  Freni di emergenza: Aldi, Lidl, Rewe, Edeka - Cosa cambierà nei supermercati a maggio?
Museo Rockheim
Rock out consentito! Il Museo Rockheim di Trondheim ti porta in un viaggio attraverso la storia della musica rock e pop.Foto: Geir Morgan / Rockheim / dpa-tmn

8. Il luogo di una fatidica battaglia

A circa un’ora e mezza di auto a nord di Trondheim si trova Stiklestad, una città importante nella storia norvegese. Qui nel 1030 ebbe luogo la fatidica battaglia, durante la quale l’esercito del re Olaf II Haraldson sconfisse i capi pagani, ponendo le basi per la cristianizzazione del paese e dello stato della Norvegia.

colui il quale Centro culturale nazionale Stiklestad Accanto al campo di battaglia storico spiega lo sfondo della storia della Norvegia e offre un’area all’aperto con edifici storici da visitare.

9. Ricordo della caccia alle streghe a Vardo

91 persone, per lo più donne, furono condannate a morte per stregoneria nel Finnmark, nell’estremo nord della Norvegia, nel XVII secolo. L’architetto svizzero Peter Zumthor, insieme all’artista francese Louise Bourgeois, morta nel 2010, le hanno creato un monumento unico nella cittadina di Vardo.

colui il quale Memoriale di Stepneset Si compone di un angusto androne lungo circa 100 metri, la cui superficie esterna ricorda le mensole per l’essiccazione del merluzzo. Nella sala viene descritta la vita e il presunto crimine di ogni vittima e una candela viene bruciata per ogni vittima. Il secondo elemento del memoriale è un cubo di vetro nero con una sedia bruciata al centro. L’effetto fiamma è esaltato dagli specchi installati nel soffitto. Molto da vedere e impressionante.

Norvegia pioggia
Il memoriale Steilneset all’architetto Peter Zumthor a Vardø commemora le vittime della caccia alle streghe del FinnmarkFoto: Roger Ellingsen / Statens vegvesen / nasjonaleturistveger.no / dpa-tmn

10. Cattedrale dell’Artico a Tromsø

Bene, in realtà vai a Tromsø per vedere l’aurora boreale. La città si trova a nord del Circolo Polare Artico, quindi le probabilità non sono male. Dai un’occhiata di sicuro, preferibilmente dentro e fuori, ma dovresti anche dare un’occhiata cattedrale artica. Puoi attraversare il ponte di Tromsø dal centro della città e sarai lì.