Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

10 anni di Siri su iPhone: un cantiere permanente

Con l’iPhone 4S, dieci anni fa Apple ha introdotto il sistema di assistente vocale Siri sugli smartphone. Siri capisce di cosa sta parlando l’utente e aiuterà con l’implementazione, come ha promesso l’ex chief marketing officer di Apple Phil Schiller nella presentazione: “Quello che tutti vogliamo è solo parlare con i nostri dispositivi”.

La corsa di milioni di utenti iPhone subito dopo il lancio delle vendite 4S ha portato a seri problemi tecnici con il servizio, che ovviamente ha richiesto anni per l’aggiornamento. Inoltre, l’ulteriore sviluppo è stato ostacolato e ritardato da incongruenze e problemi di gestione: secondo i rapporti, ci sono state divisioni interne e conflitto culturale subito dopo l’acquisizione nel 2010: il primo manager di Apple a capo di Siri – nello stile di macOS e sviluppo iOS – voleva solo introdurre innovazioni importanti una volta all’anno piuttosto che la continua espansione del servizio cloud, ha affermato.

Siri originariamente offriva un’interfaccia per l’espansione tramite servizi di terze parti, che Apple ha eliminato quando Siri è stato lanciato su iPhone. I piani a lungo termine per continuare a sviluppare Siri si sono “sfilati” dopo la morte di Steve Jobs e alla fine sono falliti. Il co-fondatore di Siri Dag Kittlaus sta scrivendo. Il suo successore in Apple non ha mostrato né “visione né responsabilità” e da tempo ha lasciato l’azienda. Kittlaus afferma che il supporto per app e servizi di terze parti potrebbe aver ampliato rapidamente le funzionalità di Siri. Ma è fiducioso che Apple possa ancora “tirare” il sistema di assistenza vocale.

Il co-fondatore di Siri Norman Winarsky ha spiegato diversi anni fa che Apple voleva trasformare Siri in un assistente per tutte le aree della vita in un colpo solo, magari prendendone il controllo immediatamente. Il sistema è in realtà progettato solo per i settori dei viaggi e del tempo libero.

Siri ha fatto grandi passi avanti con la pronuncia e il riconoscimento vocale negli ultimi 10 anni e il sistema di aiuto è disponibile in molte lingue diverse. Con iOS 15 ora può essere utilizzato anche offline per determinate funzioni, ma solo in forma molto limitata.

Tuttavia, sembra che Siri sia rimasto indietro per anni quando si tratta di comprendere query più complesse, affidabilità e capacità generali. La gamma di funzioni è diventata più piccola di recente: l’interfaccia SiriKit per il collegamento di app aggiuntive è stata notevolmente ridotta con iOS 15. Di conseguenza, gli utenti e gli sviluppatori devono prima sforzarsi di controllare le funzioni nelle app di terze parti tramite Siri Shortcuts, come per quanto possibile. Solo di recente, Siri non è stato improvvisamente in grado di eseguire funzioni di base come scrivere e-mail e la risoluzione dei problemi ha richiesto circa due settimane.

Altro da Mac e io

Altro da Mac e io

Altro da Mac e io

Altro da Mac e io


(lbe)

alla home page

READ  Approvazione del 92% per Steam, un nuovo record per i giocatori