Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

▷ La Germania è considerata carente di vitamina D / prendere il sole con cautela: regolare, …

28.07.2021 – 12:23

Sonnen Allianz

Sì (ot)

SonnenAllianz, un progetto della Fondazione tedesca per l’informazione e la prevenzione sanitaria (DSGIP), si è posto l’obiettivo di fornire informazioni indipendenti sui problemi di salute legati alla luce solare e ai raggi UV in relazione alla vitamina D e quindi alla carenza di vitamina D di cui soffrono milioni di persone a partire dal. I tedeschi stanno soffrendo [1] opporre.

I raggi del sole hanno plasmato la vita sulla Terra fin dall’inizio – ed è ancora così oggi. D’altra parte, il nostro stile di vita si è sempre più allontanato dal sole. Nel corso degli anni, ci sono state molte affermazioni e idee sbagliate sulla luce solare e sui suoi effetti sull’essere umano. Con conseguenze: la reputazione del sole sta peggiorando sempre più e in alcuni casi viene evitata del tutto. A causa di ciò e del moderno sviluppo delle città, dell’aumento del lavoro d’ufficio e del trasferimento di attività ricreative in ambienti chiusi, il sole non può più svolgere adeguatamente il compito assegnato alla natura: il risultato è la diffusione della carenza di vitamina D. Per rimuovere i problemi causati da bassi livelli di vitamina D e malintesi sul sole, la Fondazione tedesca per l’informazione e la prevenzione sanitaria, guidata da uno specialista in medicina nucleare, medicina preventiva e medicina della nutrizione e fondatore dell'”Accademia di medicina umana” , Dott. Jörg Spitz, fondatori di SonnenAllianz. L’obiettivo del progetto è promuovere l’uso consapevole e positivo del sole. SonnenAllianz vuole, tra l’altro, rendere noti e trasparenti a un vasto pubblico gli aspetti che promuovono la salute del sole e allo stesso tempo provare o smentire i miti nel dibattito pubblico attraverso i fatti scientifici. “Durante lo studio del tema del sole e della vitamina D, abbiamo deciso inequivocabilmente che un’esposizione al sole regolare e moderata può alleviare notevolmente il sistema sanitario tedesco. Perché la produzione di vitamina D da parte dell’organismo, stimolata dalla luce solare naturale o artificiale, può contribuire in modo significativo allo Spitz : “Molti quadri clinici non vengono nemmeno visualizzati.”

READ  I virus del raffreddore proteggono dal virus corona?

Salute grazie ai raggi UV

Raramente qualsiasi altra sostanza ha proprietà salutari così positive come la vitamina D, che, in effetti, non è una vitamina, ma un ormone, il cui precursore si forma nella nostra pelle sotto l’influenza dei raggi ultravioletti B. Un livello equilibrato di vitamina D può aiutare a prevenire che molte malattie comuni, come malattie cardiovascolari, cancro, diabete, obesità o depressione, in larga misura, ovviamente, si verifichino in primo luogo. Ma come assicurarsi che le riserve di vitamina D dell’organismo siano sempre sufficientemente piene? Sig. Dott. Holick del Boston University Medical Center, Massachusetts, ha svolto ricerche sulla vitamina D dagli anni ’70 ed è ora probabilmente l’esperto di vitamina D più influente al mondo. Due decenni fa, è stato in grado di dimostrare nei suoi studi che gli adulti in costume da bagno sono in grado di sintetizzare fino a 25.000 UI di vitamina D nella loro pelle sotto l’influenza dei raggi UV artificiali.[2] Risultati simili sono stati confermati l’ultima volta nel 2020 dall’istituto di ricerca statunitense GrassroothHealth Collective.[3] La sintesi della vitamina D attraverso una moderata esposizione al sole è stata a lungo la forma più naturale di un adeguato apporto di vitamina D. Il meccanismo protettivo del corpo assicura che la vitamina D in eccesso venga scomposta in una forma inattiva e quindi protegge in modo affidabile dal sovradosaggio.

La situazione è simile ai raggi ultravioletti artificiali di un moderno solarium. Offrono tutti i benefici della sintesi naturale della vitamina D, ma in un ambiente controllato in cui l’intensità e la durata dell’esposizione ai raggi UV possono essere adattate individualmente al tipo di pelle. Ecco la conclusione di uno studio degli autori canadesi Kimball, Lee e Vieth: i dati dello studio mostrano che l’uso di lettini abbronzanti può contribuire a un adeguato stato di vitamina D. I risultati dello studio dimostrano che la componente UV-B dei dispositivi è fondamentale per l’efficacia della produzione di vitamina D: più la componente UV-B del dispositivo utilizzato corrisponde alla luce solare estiva naturale, più veloce può essere. È attraverso il sintetico che si può raggiungere un livello adeguato di vitamina D nel sangue (>40 ng/ml). Inoltre, come con la protezione solare naturale, l’uso regolare è essenziale per raggiungere e mantenere un livello adeguato di vitamina D.[4] Un altro vantaggio del sole artificiale, da non sottovalutare, è la sua disponibilità costante di qualità costante – senza dipendenza dalla stagione e dall’ora del giorno.

READ  Bonnie Strange è in ospedale con una grave febbre dengue

In conclusione: prendere il sole, che sia sotto la luce solare naturale o artificiale, non dovrebbe avere alcun aspetto negativo, come suggeriscono alcune affermazioni. Al contrario, un’esposizione al sole moderata e controllata, grazie alla composizione della vitamina D, può fornire un potente equilibrio nella prevenzione e nella cura delle malattie.

Informazioni più complete possono essere trovate su https://sonnenallianz.spitzen-praevention.com/sonne-und-gesundheit/

[1] Rabenberg, Martina; Scheidt, Naf, Krista; Bush, Marcus A.; Rickman, Nina; Hintzpeter, Bert; Minsink, Geert BM (2015): Stato della vitamina D tra gli adulti in Germania – risultati dell’intervista sulla salute tedesca e del questionario sullo screening degli adulti (DEGS1). In: BMC sanità pubblica 15, S. 641. DOI: 10.1186/s12889-015-2016-7.

[2] Holick, MF (2002). Luce solare e vitamina D. Giornale di medicina interna generale, 17 (9), 733-735. https://doi.org/10.1046/j.1525-1497.2002.20731.x

[3] Istituto di ricerca sulla salute di base (2020). Esposizione ai raggi ultravioletti da fonti diverse dal sole. Estratto il 22 marzo 2021 da https://www.grassrootshealth.net/blog/uv-exposure-sources-sun/

[4] Kimball, S. M., Lee, J. & Vieth, R. (2017). I lettini solari contenenti radiazioni UVB possono produrre livelli sierici fisiologici di 25-idrossivitamina D in volontari sani. Dermatologia ed endocrinologia, 9(1), e1375635. https://doi.org/10.1080/19381980.2017.1375635

Contatto per i media:

The SonnenAllianz – A nome della Fondazione tedesca per l’informazione e la prevenzione sanitaria
Sig. Dott. Jörg Spitz
Tel: +49 (0) 6129 488817
E-mail: [email protected]

InfoRelations ek,
Rudolf Gchenko, via Zehdenicker. 12 A, 10119 Berlino
Auto: +49 172 2509103
E-mail: [email protected]

Contenuto originale di: SonnenAllianz, trasmesso da aktuell news