Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Werder Bremen: Thomas Schaaf deve andare – ed è molto arrabbiato!

Brema – Thomas Schaaf è un uomo calmo ed equilibrato, quasi nulla può scioccarlo nel calcio, dopotutto ha vissuto un po’ di tutto – e soprattutto nell’SV Werder Bremen. Ma tra tutte le cose, il suo attacco di cuore lo stava facendo impazzire. “Sono totalmente stupito, non riesco a capirlo affatto”, ha detto il 60enne in un’intervista a DeichStube.

In giro Schaafs Aus come Direttore tecnico presso Technical SV Werder Brema In particolare sulla costituzione del club. direttore sportivo Frank Bowman Lunedì è stato annunciato che il Werder semplicemente non poteva più permettersi di prolungare il contratto con l’icona del club dopo la sua retrocessione in seconda divisione. “Non posso lasciarlo così in alcun modo. La conversazione con Frank Bowman non riguardava affatto il lato finanziario. Non era affatto un problema”, conferma Thomas Schaff: “Sarei stato molto aperto a molte cose, conosco la nostra situazione finanziaria. Da tempo abbiamo rinunciato al nostro stipendio e risparmiato. Ma Frank ha appena detto che non sapeva quale offerta potesse farmi”. Questa era la fine della storia.

Thomas Schaaf lascia il Werder Brema: la leggenda del club è molto arrabbiata

Ho seguito comunicato stampa da SV Werder BremaIn cui ha elogiato esplicitamente un lavoro soddisfacente negli ultimi tre anni, ma l’aspetto finanziario è in primo piano. E quei dossi Thomas Schaff Molto infastidito. “Non mi sono offeso per non aver ottenuto un nuovo contratto. Ma voglio presentare i fatti correttamente e non dare l’impressione di avere richieste di stipendio esagerate e irraggiungibili”, dice Schaaf: “Sì, ho ricevuto un buon stipendio. Ma non è paragonabile. Con incarichi simili in altri club. Se fossi stato davvero interessato all’aspetto economico, non l’avrei fatto tre anni fa. Ho ricevuto offerte completamente diverse”.

READ  Hasan Salihamidzic deve affrontare la battaglia più dura con armi contundenti

Thomas Schaff Quindi decise di tornare al Werder – in un ruolo completamente nuovo. Il incarico di Direttore Tecnico Non esisteva prima. D’ora in poi Schaaf doveva prestare attenzione, ad esempio, a implementare un’idea di gioco in tutto il settore giovanile, migliorando la formazione di giocatori e allenatori e potenziando ulteriormente la permeabilità della squadra di Bundesliga. “Ho fatto molti promemoria e non sono stato in grado di fare tutto. I primi anni non sono stati facili, ma ora siamo sulla buona strada”, afferma Schaaf: “Abbiamo già concordato di voler continuare su questa strada “Vorrei poterlo fare. Ho anche ricevuto segnali positivi da tutti i miei compagni attivisti”. Ma è andata diversamente, Werder Brema In futuro, il direttore tecnico verrà salvato e Bjorn Scherenbeck e Thomas Walter assumeranno questi compiti come direttori e direttori sportivi del Young Talents Center. Schaff non lo capisce. Questa posizione deve essere occupata in ogni club. Quello che mi preoccupa non è Thomas Schaaf, ma soprattutto questo post. “Serve solo coerenza al club”, afferma Schaaf: “Cosa succede, ad esempio, quando il direttore sportivo se ne va all’improvviso, dov’è l’efficienza calcistica sulla scacchiera?

Inoltre, limp Werder Brema nella lotta per i migliori talenti del paese a causa del centro di formazione giovanile ormai vacillante di Pauliner Marsch. Il nuovo edificio pianificato era atteso da tempo e, a causa dei problemi finanziari causati dalla pandemia di Corona, all’inizio è stato molto rimandato. D’altra parte, il Werder è stato spesso in grado di segnare con un buon staff tecnico, e Schaaf è stato anche il centro di attrazione per il suo passato e la sua esperienza sportiva. Ora è andato. Il suo contratto scade il 30 giugno. Dice “Nessuno dovrebbe preoccuparsi per me, troverò sicuramente un nuovo lavoro” Thomas Schaff. Resta aperto se potrà mai servire di nuovo come allenatore. Schaff può escludere solo una cosa: una Posizione nel consiglio di sorveglianzaChi sarà rieletto a settembre: “Questo è fuori discussione”.

READ  Italy Tour 104: Yates vince il Giro Stage 19 - Bernal difende Rosa - Sport

Thomas Schaaf sul Werder Brema: “Non lascerò che questo rapporto speciale con la mia squadra si sgretoli”.

per Werder BremaIl 60enne sembra averne avuto abbastanza ora. È iscritto dal 1972 e spesso ha vinto tutto il possibile come giocatore e allenatore. Nel 2013, è stato comunque rilasciato. Poi Schaaf ha lavorato all’Eintracht Francoforte, poi all’Hannover 96. Nel 2018 è tornato a Brema. Ironia della sorte, nell’ultimo giorno della scorsa stagione, Schaaf ha celebrato il suo ritorno in Bundesliga – come ultima speranza dopo l’esonero di Florian Kohfeldt. “È stata una settimana molto intensa”, ricorda. Thomas Schaff: “Abbiamo fatto di tutto per mantenere il campionato. Purtroppo non ha funzionato. È stato molto deludente”.

risentimento che Werder Brema Era ancora abbastanza bravo per questa missione suicida, ma ora non è più necessario, in realtà non si sente. “È stata una decisione molto personale all’epoca perché avevo un rapporto molto speciale con il Werder. Ho ricevuto molto da questo club, ma gli ho anche dato molto. Penso che quasi nessuno abbia fatto questo per il club per tanti anni». Thomas Schaff, fa una breve pausa e consente una frase che dà un’idea di come stanno andando le cose con il suo rapporto con il Werder: “Non lascerò che questo rapporto speciale con la mia squadra si disfa”. (ginocchia)