Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Virus dell’herpes come adiuvante: i ricercatori dell’HZI di Braunschweig sviluppano un vaccino contro i coronavirus e l’influenza

Il team di ricerca utilizza CMV come base. Tuttavia, il vaccino non è ancora pronto sul mercato.

Immagine dell’icona. Foto: pixabay

17/01/2022, 11:10,
Ultimo aggiornamento: 17/01/2022 alle 11:15

Brunswick. I virus non sono solo agenti patogeni, ma possono anche aiutare a proteggere da varie malattie. In un modello murino, i ricercatori dell’Helmholtz Center for Research in Infection (HZI) a Brunswick Insieme a partner nazionali e internazionali, tra cui il Centro tedesco per la ricerca sulle infezioni (DZIF), il principale centro tedesco – l’Istituto Leibniz per la ricerca sui primati (DPZ), l’Università tecnica di Braunschweig e l’Università di Rijeka in Croazia, un nuovo vaccino contro vari virus respiratori sono stati sviluppati sulla base del citomegalovirus (CMV). Una singola dose del vaccino, che consiste in un citomegalovirus con l’aggiunta di un gene del coronavirus o dell’influenza A, protegge efficacemente i topi dalle infezioni respiratorie. I risultati del vaccino candidato, che non è ancora pronto per il mercato, sono stati pubblicati sulla rivista Cellular & Molecular Immunity, secondo un comunicato stampa di HZI.



I vaccini basati su vettori hanno fatto una svolta pubblica con lo sviluppo di diversi vaccini SARS-CoV-2. In questa tecnica, i virus helper trasmettono il codice genetico di un antigene alle cellule ospiti. Le cellule ospiti producono e presentano l’antigene sulla loro superficie, che innesca una risposta immunitaria. Mentre i vaccini vettoriali SARS-CoV-2 sono basati su adenovirus modificati, i ricercatori guidati dal Professor Luca Cicin-Sain, Capo del Dipartimento di “Immunologia Virale” HZI, hanno identificato un promettente candidato alternativo per una piattaforma vaccinale basata su vettori: CMV è un membro della famiglia dei virus dell’herpes, che di solito provoca solo sintomi lievi quando è infetto e può rimanere nel corpo per molto tempo. Non può infettare i topi. “Il CMV è unico in quanto provoca un’attivazione forte e prolungata dei linfociti T che aiutano a tenere sotto controllo il virus”, afferma Sisin-Sain.

READ  Innalzamento del livello del mare dovuto al solo ghiaccio della Groenlandia: vicino. 30 cm | vita e conoscenza

Leggi anche: Ricerca SARS-CoV-2: 1,5 milioni di euro all’Helmholtz Institute

Al fine di utilizzare MCMV come vettore per la protezione contro altre infezioni respiratorie, le sequenze genetiche delle proteine ​​dell’influenza A o SARS-CoV-2 sono state incorporate nel genoma di MCMV. Dopo che questi virus portatori sono stati iniettati, i topi hanno sviluppato una risposta immunitaria che li ha protetti dall’infezione con il virus in questione. Il sistema immunitario adattativo è costituito da due parti: i linfociti B che producono anticorpi costituiscono il braccio umorale, mentre i linfociti T costituiscono il braccio cellulare. Per una risposta immunitaria efficace e duratura, entrambe le braccia devono essere trattate. “Mentre la risposta immunitaria al CMV è dominata dalla risposta dei linfociti T, abbiamo dimostrato nel nostro studio che questo vettore può anche suscitare un effetto protettivo contro l’influenza e SARS-CoV-2 attraverso gli anticorpi”, afferma Cicin-Sain. , i ricercatori sono stati anche in grado di dimostrare che gli anticorpi erano attivi contro diversi tipi di virus, come alfa (B1.1.7) e beta (B1.351).

Questo approccio ha del potenziale


Immagine dell’icona. Foto: pixabay

Non solo una singola dose del vaccino ha fornito una protezione a lungo termine, ma la qualità degli anticorpi è migliorata nel tempo attraverso un processo chiamato maturazione dell’affinità. “L’immunità permanente richiede in genere più iniezioni di vaccino. Con la nostra piattaforma, la monitoriamo con una singola dose”, afferma Yeonsu Kim, uno studente di dottorato presso il Dipartimento di immunologia virale e primo autore dello studio. “Questo rende CMV un vettore ideale per ottenere una buona protezione con una logistica minima”.

“Nel complesso, dimostriamo che la nostra piattaforma vaccinale può generare una forte protezione mediata da anticorpi contro due diversi virus respiratori. Pertanto, riteniamo che l’effetto non sia specifico per il virus bersaglio, ma la piattaforma CMV può essere applicata anche ad altri virus”. dice Cicin. -Sain. “L’approccio ha il potenziale per andare avanti con le necessarie ulteriori fasi di sviluppo clinico e clinico”. Lo studio è stato finanziato, tra gli altri, dall’Associazione Helmholtz, dal Ministero della Scienza e della Cultura della Bassa Sassonia e dal programma Horizon 2020 dell’Unione Europea.

READ  Perché dovresti bere più di una tazza

al feed delle notizie