Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Viaggio gratuito per le auto a guida autonoma

Molte tecnologie lavorano insieme

Ma quali tecnologie sono realmente necessarie affinché un’auto supporti le persone mentre guidano? A questo scopo vengono utilizzate videocamere, sensori radar e lidar e sistemi GPS in varie combinazioni. In Lidar (rilevamento e rilevamento della luce), ad esempio, i laser invisibili all’uomo vengono utilizzati per rilevare gli ostacoli anche a grandi distanze.

La sfida per gli ingegneri: elaborare flussi di dati persistenti da questi sensori in tempo reale e guidare in sicurezza il veicolo nel traffico sulla base di queste informazioni. Il veicolo deve elaborare tutti questi dati in tempo reale in modo da poter rispondere in qualsiasi momento all’evoluzione della situazione del traffico.

Crea nuovi contatti

Le comunicazioni radio aggiungono un altro livello di informazioni, la comunicazione C-V2X (Cellular Vehicle to Everything). Questa tecnologia è stata sviluppata per consentire una connessione diretta altamente affidabile e a bassa latenza tra gli utenti della strada e l’infrastruttura stradale nello spettro di frequenza ITS (Intelligent Transport Systems) a 5,9 GHz senza la necessità di fare affidamento su reti cellulari.

Il C-V2X diventa così una tecnologia essenziale per migliorare ulteriormente l’automazione del veicolo. Ciò aumenta la sicurezza e consente di controllare il traffico in una città intelligente o su una strada intelligente in modo più efficiente.

Modi intelligenti grazie a Qualcomm

Un esempio del C-V2X è fornito dall’Autorità per le costruzioni stradali italiana ANAS SpA. Nel comprensorio di sport invernali di Cortina è in costruzione una smart road di 80 chilometri. La base sono unità stradali installate sul lato della strada, che sono costruite in modo simile ai lampioni. Questi operano utilizzando le tecnologie Qualcomm e sono in grado di comunicare con i veicoli, ad esempio per fornire informazioni sulle strade sdrucciolevoli in inverno, ma anche per migliorare il flusso del traffico.

READ  Uno spettacolo di tre ore il sabato solo nella staffetta media

Qualcomm e Spoke, fornitori della piattaforma di mobilità, stanno lavorando insieme per migliorare la sicurezza dei ciclisti e degli altri utenti della strada sulla base della connettività C-V2X. Una nuova soluzione hardware e software di Spoke, che può facilmente connettersi a una bicicletta, ad esempio, reti di utenti della strada tra loro e con infrastrutture stradali senza la necessità di una rete cellulare. Questa radio potrebbe essere un’importante aggiunta ad altri sensori ADAS (Advanced Driver Assistance Systems) e aumentare la sicurezza di tutti gli utenti della strada. Maggiori informazioni su: https://www.spokesafety.com

Più dati, più sicurezza

L’equazione per una maggiore sicurezza stradale è: più dati, più sicurezza. Ecco perché è diventato così importante dotare un veicolo del maggior numero possibile di sensori e di un’elevata potenza di calcolo. Anche se le nuove tecnologie aiutano a riconoscere e classificare gli oggetti in modo più accurato, il software non può riprodurre il comportamento complesso di un guidatore umano. Quindi i veicoli autonomi non devono solo riconoscere persone e altre cose, ma anche interagire con loro, capirle ed essere in grado di reagire al loro comportamento. I sistemi autonomi devono comportarsi correttamente in situazioni non precedentemente programmate. Funziona solo se ci sono abbastanza dati sull’ambiente e molta potenza di calcolo nell’auto.

Le reti cloud e 5G aumentano la sicurezza

Ulteriori elementi costitutivi per una guida automatizzata sicura sono i dati dal cloud e le reti cellulari 5G veloci. Se la quantità massima di dati può essere scaricata in pochi secondi, il veicolo può, ad esempio, utilizzare mappe stradali attuali e informazioni su lavori stradali, incidenti o condizioni meteorologiche pericolose in qualsiasi momento per avvisare il conducente o impostare la velocità in modo indipendente.

READ  Tageshaw Farewell: Linda Zarvakis annuncia il suo nuovo lavoro e rivela il suo piano con la Merkel

Gli analisti ipotizzano che entro il 2027 circa il 75% di tutti i veicoli venduti sarà dotato di comunicazioni mobili integrate. Questa modifica rende l’auto parte di una rete più ampia. I produttori di automobili vedono sempre più questa rete come un’opportunità per differenziare le proprie auto e rafforzare i propri marchi.