Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Viaggio a Lipsia-Essen: un ex ministro afghano ha un nuovo lavoro alla Saxon

Viaggio a Lipsia-Essen: un ex ministro afghano ha un nuovo lavoro alla Saxon

La sua storia si è diffusa in tutto il mondo: l’ex ministro afghano Syed Ahmad Shah Sadat ha lavorato come fornitore di generi alimentari a Lipsia e ora ha un nuovo lavoro.

L’ex ministro afghano Syed Ahmad Shah Sadat, 50 anni, ha ora un nuovo lavoro in una startup sassone. © Hendrik Schmidt / dpa-Zentralbild / dpa

Ha lavorato per la giovane azienda “SimpleBreath” a Markranstädt (regione di Lipsia) dalla scorsa settimana, ha confermato lunedì il CEO Maximilian Karl Schmidt. All’inizio “Volkszeitung di Lipsia” E “donna“menzionato.

Schmidt ha affermato che Sadat lavora a tempo pieno e lavora quattro giorni alla settimana come operatore di impianti e macchinari.

Tra l’altro l’azienda produce mascherine protettive FFP2, ma allo stesso tempo vuole creare una nuova azienda nel campo della consulenza informatica.

Incidente mortale in bicicletta a Jahnali: la polizia cerca testimoni
Incidente Lipsia
Incidente mortale in bicicletta a Jahnali: la polizia cerca testimoni

“Un giorno alla settimana, Mr. Sadat è già impegnato nella costruzione della nuova azienda. Da gennaio in poi, lavorerà a tempo pieno come consulente IT per la nuova azienda”, ha affermato Schmidt.

Sadat sostiene che dopo molti anni come esperto nel settore delle telecomunicazioni, Sadat è entrato a far parte del governo afghano sotto il presidente Ashraf Ghani, 72 anni, che da allora è fuggito.

Sadat ha detto di essersi dimesso nel 2018 dopo due anni di pressioni dal circolo ristretto intorno a Ghani. Con le sue stesse parole, è venuto in Germania nel 2020 per lavorare nel settore delle telecomunicazioni.

“Ho appreso della sua storia dai media e gli ho appena scritto”, ha detto Schmidt. Non si aspettava il successo da questo, ma pensava che SADAT fosse già stata assunta da un’altra società IT. “Stiamo dando via molto potenziale in Germania. Ecco perché ho pensato che avrebbe dovuto dargli una possibilità”.

READ  L'enorme batteria di Tesla avrebbe dovuto alimentare la rete: ora è in fiamme