Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Verdure verdi contro COVID-19 e virus del raffreddore?: www.kinderaerzte-im-netz.de

27/05/2022

È stato dimostrato che una sostanza chimica trovata nelle verdure verdi rallenta la crescita del COVID-19 e dei virus del raffreddore. I ricercatori americani sono giunti a questa conclusione in uno studio pubblicato sul “Nature Journal Communications Biology”.

In esperimenti di laboratorio, i ricercatori della Johns Hopkins Children’s hanno trovato una sostanza chimica presente in abbondanza nei broccoli e in altre verdure crocifere che potrebbe essere una nuova potente arma contro i virus che causano il COVID-19 e il comune raffreddore: il sulforafano.
In uno studio pubblicato il 18 marzo su Nature Journal Communications Biology, gli scienziati descrivono che il sulforafano, un fitochimico già noto per i suoi effetti antitumorali, inibisce la riproduzione di SARS-CoV-2 può prevenire.

Broccoli, cavoli, cavoli e cavoletti di Bruxelles contengono precursori naturali del sulforafano

Il precursore naturale del sulforafano è particolarmente abbondante nei broccoli, nei cavoli, nei cavoli e nei cavoletti di Bruxelles, verdure che non sono particolarmente apprezzate dai bambini. Ma questo è un altro argomento che deve ancora essere loro presentato più spesso. Studi precedenti, compresi quelli della Johns Hopkins Medicine, hanno dimostrato che il sulforafano ha proprietà antitumorali e protettive interferendo con alcuni processi cellulari.

“Con l’inizio della pandemia di COVID-19, i nostri team di ricerca interdisciplinari hanno condotto le nostre indagini […] di concentrarsi su un potenziale trattamento per il nuovo virus”, ha spiegato l’assistente microbiologo Prof. Dr. Laurie Jones-Brando, Ph.D., della Johns Hopkins University School of Medicine e autore senior degli articoli.

Il sulforafano è efficace nei topi

In un esperimento, il team di ricerca ha esposto le cellule al sulforafano per una o due ore prima di infettare le cellule con SARS-CoV-2 e il comune coronavirus del raffreddore, HCoV-OC43. Hanno scoperto che basse concentrazioni micromolari (μM) di sulforafano (2,4 – 31 μM – (μM) riducevano la moltiplicazione di sei ceppi di SARS-CoV-2, comprese le varianti delta e omicron, nonché l’HCoV-coronavirus OC43. del 50% I ricercatori hanno anche osservato risultati simili in cellule precedentemente infettate da virus, dove l’effetto protettivo del sulforafano è stato osservato anche in infezioni virali già accertate.

READ  La vaccinazione contro l'HPV ha ridotto i casi di cancro cervicale fino all'87 percento

Il gruppo ha anche studiato gli effetti del sulforafano in combinazione con remdesivir, un farmaco antivirale utilizzato per ridurre i tempi di recupero dei pazienti ospedalizzati con infezione da COVID-19. Secondo i loro risultati, remdesivir ha impedito il 50% della replicazione di HCoV-OC43 e SARS-CoV-2 rispettivamente a 22 μM e 4 μM. Inoltre, il gruppo di ricerca ha riferito che sulforaphane e remdesivir agiscono sinergicamente in più rapporti di combinazione per ridurre la carica virale del 50% nelle cellule infettate da HCoV-OC43 o SARS-CoV-2. In questo contesto, la sinergia significa che dosi più basse di sulforafano (ad es. 1,6-3,2 µM) e remdesivir (ad es. 0,5-3,2 µM) in combinazione sono più efficaci contro i virus rispetto all’uso di entrambi da soli.
Dice il professor S. Dr. Alvaro Ordonez, MD, primo autore dell’articolo, della Johns Hopkins University. “Il fatto che sulforaphane e remdesivir funzionino meglio insieme è molto incoraggiante”.

I ricercatori hanno quindi condotto studi su un modello murino di infezione da SARS-CoV-2. Hanno scoperto che i topi trattati con 30 milligrammi di sulforafano per chilogrammo di peso corporeo prima di contrarre il virus avevano ridotto la perdita di peso corporeo. Questo di solito si verifica con un’infezione virale. I topi “trattati” hanno perso significativamente meno peso (7,5% in meno di peso perso). Inoltre, il pretrattamento ha comportato una riduzione statisticamente significativa sia della carica virale, o quantità di virus, nei polmoni (riduzione del 17% di peso in meno) e delle vie aeree superiori (riduzione del 9%) sia del danno polmonare (riduzione del 29%) rispetto ai pazienti infetti topi. Il sulforafano non viene somministrato. Il composto riduce anche l’infiammazione nei polmoni e protegge le cellule da una risposta immunitaria iperattiva.

READ  Anomalie a livello nazionale: la Baviera ossessionata da Corona e da un Corona perdente - Politica interna

“Abbiamo scoperto che il sulforafano ha attività antivirale contro i coronavirus HCoV-OC43 e SARS-CoV-2 mentre aiuta a controllare la risposta immunitaria”, riassume Ordonez. “Questa attività multifunzionale lo rende un composto interessante da usare contro queste infezioni virali e quelle causate da altri coronavirus umani”.

Il team prevede di condurre studi sull’uomo per valutare se il sulforafano potrebbe essere efficace nella prevenzione o nel trattamento di questa infezione.

Fonti: Eureka Alert! Medicina John Hopkins Biologia della comunicazione