Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Vacanze nonostante Corona: Italia, Spagna, Croazia e i loro partner – segui queste regole

  • NSPatrick Holgina

    Chiudere

Le vacanze estive sono iniziate in Baviera e le vacanze sono dietro l’angolo. Una panoramica delle regole da tenere a mente quando si viaggia.

Monaco di Baviera – Sono iniziate giovedì 29 luglio le vacanze estive in Baviera, ultimo stato tedesco. Molte persone vogliono viaggiare dopo le difficoltà che hanno vissuto negli ultimi mesi a causa della pandemia di coronavirus*. Ma i numeri della corona stanno attualmente aumentando non solo in Germania, ma anche in alcuni paesi di vacanza. Pertanto, ci sono alcune regole da considerare quando si pianifica un viaggio.

Vacanze estive nonostante Corona: decisione sull’esame obbligatorio per i viaggiatori di ritorno

In generale: da domenica (1 agosto) è previsto un test obbligatorio per i rimpatriati per viaggiare. Il governo federale ha deciso venerdì 30 luglio. Tutte le persone a partire dai dodici anni devono essere in grado di dimostrare all’ingresso che il rischio di trasmissione è stato ridotto: con prova della vaccinazione corona, prova di convalescenza o risultato negativo del test. Questo requisito esiste già per tutti i passeggeri dei voli. In futuro, ciò si applicherà a tutti i modi di trasporto, compresi quelli che arrivano in auto, autobus o treno.

Ma anche quando si entra nella rispettiva destinazione di vacanza, bisogna considerare alcune cose: certificati di vaccinazione UE, coprifuoco e moduli di ingresso. Diamo una panoramica di ciò che i turisti dalla Germania dovrebbero cercare in alcune delle destinazioni di viaggio più popolari.

Vacanze in Italia: le restrizioni Corona saranno inasprite da agosto

Al momento non ci sono requisiti di quarantena quando si entra in Italia. Tutto ciò di cui hai bisogno è un modulo di iscrizione e una prova di vaccinazione, cura o test negativo. Attualmente il numero di contagi da corona* è di nuovo in aumento. Il virus di tipo Delta è ancora in aumento.

Quindi il governo ha deciso di imporre restrizioni. Chi desidera mangiare all’interno di un ristorante, andare a eventi sportivi o culturali, o visitare un museo dal 6 agosto deve esibire i documenti di vaccinazione, guarigione, o un test del coronavirus negativo. Se non è possibile mantenere la distanza minima all’aperto, sono necessarie le mascherine.

READ  I tifosi del Bayern supplicano: ER dovrebbe sostituire Salih Hamidic - ma ha lavorato a lungo

Ma il Paese attualmente non sta solo lottando con il boom del delta. Tuttavia, gli incendi boschivi stanno attualmente bruciando nel sud del Paese, in Sicilia e in Sardegna*.

Vacanze in Spagna: Classificazione come zona ad alto coronavirus

La situazione resta tesa nelle mete turistiche più gettonate dai tedeschi. La Spagna è una zona ad alta infezione da martedì (27 luglio), il che significa che tutte le persone che non sono state vaccinate o guarite devono essere messe in quarantena per dieci giorni dopo il ritorno in Germania. Questo può essere terminato dopo almeno cinque giorni con un test negativo. Quando si entra in Spagna, è necessario compilare un modulo di iscrizione.

Poiché non esiste una regolamentazione nazionale uniforme, le stesse regioni decidono le restrizioni sulla corona*. Questi devono essere approvati dai tribunali regionali superiori. A Valencia, Catalogna, Cantabria e Navarra, ci sono di nuovo alcuni coprifuoco notturni. Nelle Isole Canarie, anch’esse frequentate dai vacanzieri, la magistratura si è rifiutata di farlo. A Maiorca, il governo regionale ha rinunciato a tale misura. Tuttavia, le spiagge e i parchi sono stati chiusi dalle 22:00 alle 6:00 dallo scorso fine settimana per evitare feste illegali all’aperto.

Quest’estate Maiorca è anche una destinazione turistica popolare per i tedeschi. Da martedì, tuttavia, la Spagna è una zona ad alta infezione. (immagine d’archivio)

© Clara Marges / dpa

Vacanza in Croazia: il Ministero degli Affari Esteri sconsiglia i viaggi nella Contea di Zara

Dal 1 luglio, la Croazia richiede ai viaggiatori di ottenere un certificato Corona in tutta l’UE, indipendentemente dalla loro provenienza. Tuttavia, sono accettati anche i certificati rilasciati da ogni singolo Paese che dimostrano che la persona che entra nel Paese è stata vaccinata, guarita o testata. Gli hotel accettano gli ospiti senza restrizioni. I caffè sono aperti all’esterno e i ristoranti sono aperti anche all’interno.

READ  Dopo aver vinto il derby: Sfida la FCS in Coppa - Serie C

Nella provincia di Zara, il tasso di infezione a sette giorni è attualmente superiore a 50, quindi è stato recentemente classificato come area a rischio. Il Ministero degli Affari Esteri ha scritto: “Sconsigliamo viaggi turistici non essenziali nella provincia di Zara”. A causa dei crescenti incidenti in Adriatico, il numero dei partecipanti agli incontri pubblici è stato limitato. Quindi è possibile per i singoli ristoranti ridurre il numero dei loro ospiti.

Vacanza in Austria: richiesta una “prova di basso rischio epidemico”

In Austria, il numero di infezioni da corona è recentemente aumentato di nuovo lentamente. Tuttavia, alcuni giorni fa, i requisiti per le mascherine sono diminuiti per gran parte del commercio. Per entrare in Austria bisogna presentare “prove di basso rischio epidemico”. Questi includono la prova della vaccinazione*, il recupero, i risultati negativi dei test e la presenza di anticorpi.

Vacanze in Turchia: aperti ristoranti, bar e strutture per gli ospiti

Se vuoi viaggiare in Turchia dalla Germania, al momento hai bisogno di un test rapido del coronavirus che non superi le 48 ore o un test PCR che non superi le 72 ore. Le persone che sono state vaccinate o guarite possono entrare con adeguata prova. Sono aperti ristoranti, caffè e altre strutture per gli ospiti. Non ci sono più restrizioni all’uscita. Le mascherine sono ancora obbligatorie nei luoghi pubblici. Nonostante i numeri di Corona recentemente aumentati, la Turchia non ha ancora inasprito nuovamente le misure.

Il caldo, la siccità e i forti venti stanno attualmente causando incendi boschivi estesi in Turchia*. Sono state colpite anche le aree residenziali e gli hotel in luoghi di vacanza popolari sulle coste mediterranee ed egee del paese. Il ministero degli Esteri tedesco invita alla cautela, soprattutto nelle province di Antalya, Mugla e Aydin.

Vacanze in Grecia: i numeri di Corona stanno aumentando a tassi diversi a livello locale

In Grecia, il numero di nuovi contagi da coronavirus continua ad aumentare, anche se in località diverse. Il tasso di infezione a 7 giorni* è superiore a 50, motivo per cui la Grecia è stata recentemente classificata come zona a rischio. “Attualmente non è consigliabile recarsi in Grecia per viaggi turistici non essenziali”, ha affermato il ministero degli Esteri. Un gran numero è stato segnalato a Creta e nelle isole Cicladi di Ios e Paros, tra le altre. I funzionari aggiuntivi devono ora garantire il rispetto delle regole Corona lì. Tra l’altro, vige il divieto di ballare nei bar e nelle discoteche.

READ  A causa di casi Covid in Squadra Azzurra

Prima di entrare in Grecia, i visitatori devono inserire i propri dati sul sito Web e ottenere un codice QR di tracciamento. Inoltre, all’ingresso deve essere presentato un test negativo o una prova di vaccinazione completa contro il COVID-19. Tuttavia, va notato che la “storica ondata di caldo” in Grecia * sta attualmente provocando temperature superiori ai 40 gradi.

Vacanze in Portogallo: tasso di contagio ancora alto – quarantena dopo il viaggio di ritorno

In Portogallo, i numeri della corona sono attualmente alti. La Grande Lisbona e Porto a nord e la regione turistica dell’Algarve a sud rimangono gravemente colpite. All’inizio di luglio è stato nuovamente imposto il coprifuoco notturno nelle zone dove i rischi erano particolarmente elevati o elevati. Secondo il Ministero degli Esteri federale, sono previste restrizioni significative in termini di orari di apertura e capacità di ristoranti e negozi, soprattutto nei fine settimana e nei giorni festivi.

Sebbene il governo federale metta in guardia contro i viaggi turistici non essenziali nel paese classificato come zona ad alto tasso, le vacanze in Portogallo sono ancora possibili in linea di principio. All’ingresso, chiunque non sia stato vaccinato o sia guarito dal COVID-19 deve presentare un test negativo* a partire dai dodici anni. Nel viaggio di ritorno, i vacanzieri che non sono stati vaccinati o guariti devono rimanere in quarantena in Germania per dieci giorni, che possono concludersi con un test negativo dopo almeno cinque giorni. Le registrazioni di viaggio digitali devono essere completate in entrambe le direzioni. (ph / dpa) * Merkur.de è uno spettacolo di IPPEN.MEDIA

Oggetto: © Clara Marges