Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

USA: i ricercatori iniziano il primo studio umano sul vaccino contro il cancro al seno

Stati Uniti d’America
I ricercatori iniziano il primo studio umano sul vaccino contro il cancro al seno

PTA Brenda Flenoy mostra un campione del suo nuovo vaccino contro il cancro al seno nella farmacia nel seminterrato del Taussig Cancer Center

© Lisa Dejong/Cleveland Clinic

Ricercatori statunitensi hanno sviluppato un nuovo tipo di vaccino per combattere il cancro al seno triplo negativo. Il vaccino è ora in fase di sperimentazione sugli esseri umani nella prima fase dello studio.

I ricercatori della Cleveland Clinic hanno iniziato a studiare un nuovo vaccino per prevenire il cancro al seno triplo negativo, la forma più aggressiva e mortale della malattia. La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha recentemente approvato una domanda di approvazione del vaccino, dando ora la possibilità alla Cleveland Clinic e al suo partner Anixa Biosciences di iniziare lo studio. Lo ha annunciato la Cleveland Clinic sul suo sito web. Diverse riviste mediche hanno riferito.

Lo studio si basa su due decenni di test di laboratorio e sugli animali e sarà il primo studio umano del suo genere al mondo. Inizialmente comprende da 18 a 24 convalescenti che hanno avuto un carcinoma mammario triplo negativo in fase iniziale e che hanno un alto rischio di sviluppare nuovamente il cancro al seno. I ricercatori sperano che dopo il primo passo, il vaccino possa essere testato anche su persone sane ad alto rischio di contrarre la malattia. Questo vale, ad esempio, per le persone a cui è stata diagnosticata una mutazione del gene BRCA1. Le persone con questa mutazione genetica hanno maggiori probabilità di sviluppare il cancro al seno o alle ovaie. Un esempio notevole è Angelina Jolie, a cui in passato sono stati amputati entrambi i seni preventivamente.

READ  Pandemia Corona: ++ la sua incidenza continua ad aumentare ++

Trattamenti meno efficaci per il carcinoma mammario triplo negativo

dice il dottor. Thomas Budd del Taussig Cancer Institute presso la Cleveland Clinic che ha guidato lo studio. “A lungo termine, speriamo che questo vaccino venga somministrato a scopo profilattico a donne sane per salvarle dallo sviluppo di un cancro al seno triplo negativo, che è il tipo di cancro al seno per cui abbiamo il trattamento meno efficace”, ha affermato il ricercatore.

Le terapie saranno molto richieste per il cancro al seno triplo negativo perché manca delle proprietà biologiche che normalmente risponderebbero a terapie ormonali o mirate. Sebbene rappresenti solo circa il 12-15% di tutti i tumori al seno, il carcinoma mammario triplo negativo presenta un tasso di mortalità sproporzionatamente elevato e ha un tasso di recidiva più elevato. Questo tipo di cancro al seno è più comune nelle donne afroamericane e costituisce circa il 70-80% dei tumori al seno riscontrati nelle donne con la mutazione del gene BRCA1.

Il vaccino prende di mira il lattosio

ha detto il dottor. Vincent Twohy, capo inventore del vaccino e capo immunologo presso il Lerner Research Institute presso la Cleveland Clinic. Medico. Tuohy è registrato come l’inventore del nuovo vaccino, che la Cleveland Clinic ha autorizzato in esclusiva da Anixa Biosciences. Riceve parte del reddito in caso di ingresso nel mercato e partecipa anche personalmente alla società.

Patricia Kelly tossisce nella piega del braccio.

Il vaccino prende di mira la proteina dell’allattamento α-lattoalbumina, che viene normalmente prodotta solo dopo l’allattamento al seno e non è più presente nei tessuti normali e invecchiati, sebbene si trovi in ​​modo eccessivo nel 70-80% dei tumori al seno triplo-negativi. Si dice che la sostanza stimoli il sistema immunitario a combattere questa proteina “esaurita” e ad attaccare le cellule che la producono. Il vaccino contiene anche un farmaco che rende il sistema immunitario consapevole dell’α-lattoalbumina, che aumenta la risposta immunitaria dell’organismo.

La base di altri vaccini

ha detto il dottor. Vincent Tohy. “Il nostro programma di ricerca transnazionale si concentra sullo sviluppo di vaccini che prevengono le malattie che affrontiamo con l’avanzare dell’età, come il cancro al seno, alle ovaie e all’endometrio. Se questi vaccini funzionano, avranno il potenziale, il modo e il modo in cui combattiamo e cambiamo cancro in età adulta e aumentare l’aspettativa di vita media in modo simile a quanto ha fatto il programma di vaccinazione per i bambini”, aggiunge il ricercatore.

Medico. Tuttavia, Budd ha ammesso che potrebbero volerci anni per arrivare a questo punto. Ma rimane ottimista: “Dobbiamo iniziare da qualche parte e siamo molto felici di fare il primo passo”. Lo studio dovrebbe essere completato nel settembre 2022.

Risorse:“Scienze IFL”e Clinica di Cleveland

yak