Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Uniper sfrutta i prezzi dell'energia più elevati e si preoccupa del Nord Stream 2

Uniper sfrutta i prezzi dell’energia più elevati e si preoccupa del Nord Stream 2

Sede dell’Uniper

Pertanto, l’attuale conflitto tra il governo russo e l’Occidente è anche un peso per la Compagnia di Dusseldorf.


(Foto: dpa)

Dusseldorf La società energetica Uniper ha aumentato significativamente il proprio utile operativo nell’ultimo anno fiscale grazie all’aumento dei prezzi dell’energia. E’ quanto emerge dalla relazione annuale presentata dal gruppo mercoledì mattina.

Di conseguenza, l’utile rettificato prima di interessi e tasse (EBIT) è salito a 1,2 miliardi di euro, con un aumento del 19 percento rispetto all’anno precedente. L’utile netto rettificato è stato di 906 milioni di euro, rispetto ai 774 milioni di euro dell’anno precedente. Il risultato finale è però una perdita di 4,1 miliardi di euro, perché Uniper negli ultimi mesi ha dovuto dare maggiore sicurezza al proprio business a causa del forte aumento dei prezzi di luce e gas.

La recente escalation della crisi ucraina ha oscurato soprattutto queste cifre. Un buon rapporto con la Russia è molto importante per la società del gas Uniper. Pertanto, l’attuale conflitto tra il governo russo e l’Occidente è anche un peso per la Compagnia di Dusseldorf.

Uniper è una delle cinque società occidentali che hanno investito nel nuovo gasdotto Nord Stream 2 sul Mar Baltico con il gruppo energetico russo Gazprom. Gazprom ha sostenuto il 50 percento dei costi e le altre società hanno sostenuto circa il 10 percento ciascuna.

I migliori lavori di oggi

Trova i migliori lavori ora e
Sei avvisato via e-mail.

La compagnia petrolifera OMV, che è anche coinvolta nel finanziamento del Nord Stream 2, non vede ancora la necessità di cancellare l’importo investito. Secondo la società, ha ricevuto i primi pagamenti del prestito l’anno scorso.

Nord Stream 2 come singolo high stakes

In Uniper non è chiaro cosa ne sarà dei 950 milioni di euro investiti. Finché il Nord Stream 2 non sarà operativo, è anche discutibile quanto di quei soldi – e il ritorno previsto – il gruppo di Düsseldorf.

>> Leggi questo: Il cancelliere Schulz ha interrotto il processo di approvazione del Nord Stream 2

Nel rapporto sui rischi per il budget semestrale per l’anno fiscale 2019, Uniper ha già annunciato che in caso di fallimento di Nord Stream 2, la società potrebbe dover “prendere atto del prestito concesso a Nord Stream 2” e “non sarà in grado di raggiungere il suo reddito da interessi programmato”. La pipeline presenta significativi rischi individuali per il Gruppo Uniper. Il rimborso è diventato meno probabile martedì dopo che il governo federale ha sospeso la certificazione del gasdotto completato di fronte al conflitto in Ucraina.

Allo stesso tempo, sta diventando sempre più difficile mantenere i contatti con Mosca. Fino a poco tempo, Uniper e altre società tedesche hanno tenuto un incontro annuale programmato con il presidente russo Vladimir Putin il 3 marzo, incentrato principalmente sulle relazioni economiche tra i due paesi. E il Comitato Orientale che ha organizzato l’incontro ha annunciato, martedì, che l’incontro non si sarebbe svolto “per scadenze”.

I buoni rapporti con la Russia sono fondamentali per Uniper, perché l’azienda acquista da lì grandi quantità di gas per le sue centrali elettriche. È il più grande cliente del colosso russo del gas Gazprom. All’Energy Summit di Handelsblatt a gennaio, il CEO di Uniper Klaus-Dieter Maubach ha dichiarato: “Per noi la Russia è un partner importante e indispensabile”.

Discussione sulle riserve obbligatorie di gas

In linea di principio, Uniper ha contratti di fornitura a lungo termine con Gazprom, a cui l’azienda russa ha sempre aderito in modo affidabile, e Uniper ne è sicuramente soddisfatto. Sempre martedì, il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che la Russia vuole continuare a fornire materie prime ai mercati mondiali.

Disegnare

Tuttavia, sullo sfondo dell’attuale conflitto, la dipendenza della Germania dal gas naturale russo è oggetto di critiche più severe di prima. Nel freddo inverno, l’interruzione delle forniture di gas dalla Russia da altre fonti non può essere compensata.

In questo contesto, sono ora in discussione le riserve obbligatorie di gas. Bloomberg News ha recentemente riferito che il governo federale dovrebbe considerare la possibilità di richiedere alle società con impianti di stoccaggio del gas di mantenere una quantità minima di gas disponibile. La Commissione Europea sta inoltre sviluppando piani per riserve di gas strategiche.

Questi impegni riguarderanno anche Uniper, poiché la società gestisce otto enormi impianti di stoccaggio del gas. Per riempirlo, il gruppo si è finora affidato alla Russia.

di più: Uniper taglia il dividendo a sette centesimi: la casa madre Fortum consolida il potere

Informazioni sull'energia di Handelsblatt

READ  L'eccessivo affidamento alla protezione API lascia le organizzazioni vulnerabili agli attacchi informatici