Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Unbotify: gli sviluppatori Denuvo vogliono disattivare il 99,8% di tutti i bot

Unbotify: gli sviluppatori Denuvo vogliono disattivare il 99,8% di tutti i bot

azienda Ardito Ha introdotto un middleware chiamato Unbotify alla Game Developers Conference (GDC) 2023 a San Francisco. Irdeto è dietro il controverso software anti-manomissione Denuvo, che mira a prevenire l’elusione delle soluzioni DRM su PC e console.






Secondo la società, Unbotify dovrebbe essere in grado di rintracciare circa il 99,8% dei bot nei giochi online e consentire agli sviluppatori di adottare contromisure. Il sistema monitora tutte le interazioni con il gioco.

Tra le altre cose, Unbotify presta attenzione al numero di clic, alla velocità con cui si verificano e al punto in cui si verificano sullo schermo.

Con i giochi mobili, viene registrato anche l’angolo di tocco e se lo smartphone si muove. Fondamentalmente, la tecnologia dovrebbe essere in grado di leggere ogni sensore disponibile e vedere se c’è qualcosa di insolito.




Le informazioni vengono inviate al cloud per confrontarle con ciò che è normale per un particolare gioco. Se il giocatore opera al di fuori degli standard, l’operatore verrà avvisato. Può intraprendere azioni a sua discrezione e bloccare l’account dell’utente, ad esempio.

Saluti da Honorbuddy

I robot vengono utilizzati dai ladri nei giochi MMO come World of Warcraft per raccogliere automaticamente oro o altri oggetti oltre ai punti esperienza. I bot sono solitamente programmati dalle aziende e i giocatori devono noleggiarli come abbonamento per pochi euro al mese.

READ  Microsoft sconcertata: offre l'aggiornamento a Windows 11 nonostante l'hardware non adatto

Video: World of Warcraft – Introduzione (server classico)
[1:22]

Ci sono sempre azioni legali da parte degli operatori di gioco contro le società dietro i bot. Ciò comporta spesso milioni di dollari. La lunga disputa legale tra Blizzard e la tedesca Bossland, che ha coinvolto, tra le altre cose, il bot Honorbuddy, è quasi leggendaria nel settore.

Per i giocatori di MMO, i bot sono una seccatura in quanto interrompono l’equilibrio del gioco e quindi spaventano i clienti e talvolta sostituiscono le vendite di oggetti nell’Item Shop con denaro reale.