Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Una cometa gigante si sta avvicinando: un segmento compreso tra 100 e 200 km è la cometa più grande e più lontana mai osservata

Gigante di ghiaccio: gli astronomi hanno scoperto un’enorme cometa nel sistema solare. Con un diametro compreso tra 100 e 200 km, è dieci volte più grande di tutte le comete precedentemente conosciute e mille volte più grande. Il gigante ambra Bernardinelli emerge dalla nuvola di Oort e si dirige verso il sole. Attualmente si trova sul piano di Urano e nel 2031 raggiungerà il punto più vicino al Sole appena fuori dall’orbita di Saturno.

Che si tratti di un Hale-Bob, Haley o Neues: comete Presenta un meraviglioso spettacolo celeste che ha stupito i nostri antenati per migliaia di anni. Tuttavia, questi frammenti ghiacciati provenienti dai confini più remoti del nostro sistema solare nascondono ancora molti segreti. Gli astronomi presumono che le comete provengano da Kuipergürtel e il nuvola di Oort Venire. Non è chiaro cosa una volta lo abbia portato fuori rotta e quali oggetti siano ancora nascosti in questi spazi remoti.

La cometa “cattura accessoria” per scansionare l’energia oscura dark

La scoperta di un vero gigante tra le comete è ora ancora più emozionante, quasi per caso. Gli astronomi Pedro Bernardinelli e Gary Bernstein dell’Università della Pennsylvania volevano trovare i Trans-Nettuno, corpi celesti che orbitano attorno al Sole oltre Nettuno. Per fare ciò, hanno valutato sei anni di dati osservativi dalla Dark Energy Camera, situata su un telescopio presso l’Osservatorio interamericano di Cerro Tololo (CTIO) in Cile.

Un’immagine della cometa dell’ottobre 2017, ripresa dalla telecamera per l’energia oscura dell’Osservatorio Internazionale del Cerro Tololo. © Dark Energy Survey / DOE / FNAL / DECam / CTIO / NOIRLab / NSF / AURA / P. Bernardinelli & G. Bernstein (UPenn) / DESI Legacy Imaging Surveys

Questa fotocamera da 570 megapixel viene effettivamente utilizzata per osservare galassie lontane come parte del Dark Energy Survey, che presumibilmente fornisce maggiori informazioni sull’espansione dell’universo e sull’energia oscura mappando questi ammassi stellari. Inoltre, la telecamera registra anche oggetti che attraversano il suo campo visivo da vicino, ad esempio nel sistema solare esterno. Quando i due astronomi hanno analizzato queste “istantanee accidentali”, hanno notato un oggetto che è stato ripetutamente visto nelle immagini.

READ  "Creatività" rappresenta la sua ombra: un volo in elicottero di successo su Marte

Dieci volte più grande di qualsiasi cometa conosciuta

Analisi più approfondite hanno rivelato: il corpo è una cometa, la più grande cometa mai osservata. La cometa, chiamata Bernardinelli-Bernstein dai suoi scopritori, ha un diametro compreso tra 100 e 200 km, ed è quindi circa dieci volte più grande di tutte le comete conosciute. La sua massa può essere mille volte maggiore di quella di una tipica stella di coda.

“Siamo fortunati a scoprire quella che potrebbe essere la cometa più grande che abbiamo mai visto”, afferma Bernstein. “Lo abbiamo anche preso abbastanza presto da poter vedere come si sviluppa mentre si avvicina e si riscalda”. In effetti, ci sono già i primi segnali di cambiamento: nelle prime registrazioni dell’oggetto dal 2014 al 2018, la cometa non aveva ancora una coda. Tuttavia, le immagini recenti mostrano che ora ha sviluppato un tipico coma: un guscio fatto di gas e polvere.

Origine nella nuvola di Oort

Confrontando le immagini, gli astronomi sono stati anche in grado di determinare l’orbita della cometa. Di conseguenza, ha iniziato il suo viaggio con più di 40.000 unità astronomiche dal Sole, che corrispondono a 0,6 anni luce. Proviene quindi dalla regione più esterna della nube di Oort ed è allo stesso tempo il corpo più grande mai scoperto da questo serbatoio. La cometa segue un’orbita molto allungata inclinata verso il piano del sistema solare.

“Forse non ha visitato il sistema solare per più di tre milioni di anni”, dice Bernstein. Ma la cometa è ora in viaggio verso il suo punto più vicino al sole. Nelle prime immagini della Dark Energy Camera, si era già avvicinato al livello dell’orbita di Nettuno. Nel frattempo, ha già raggiunto il livello di Urano, a circa 20 unità astronomiche di distanza.

READ  Ratchet and Clank: Rift Apart

Punto più vicino al sole nel 2031

Secondo le stime degli astronomi, la cometa raggiungerà il suo punto orbitale più vicino al Sole nel 2031. Tuttavia, questo non è né nelle immediate vicinanze della Terra né del Sole, ma appena fuori dall’orbita di Saturno. Non è ancora chiaro quanto sarà luminosa la cometa al perielio. Tuttavia, gli astronomi presumono che non sarà sufficiente per uno spettacolo celeste eccezionale. Nonostante le dimensioni gigantesche del pezzo gigante, è probabile che sia necessario almeno un telescopio amatoriale per vederlo.

Ma per l’astronomia, la cometa gigante appena scoperta è una grande opportunità per saperne di più sulla nube di Oort e sui suoi “abitanti”. Perché questa regione lontana è un serbatoio di tracce ghiacciate dei primi giorni del nostro sistema solare. Questi pezzi probabilmente sono arrivati ​​lì quando sono comparsi giganti gassosi e sono migrati nella loro posizione attuale.

“La cometa è quindi un’importante testimonianza di questo gruppo sconosciuto di grandi oggetti celesti nella nuvola di Oort”, spiega Todd Lauer del National Optical and Infrared Astronomy Research Laboratory (NOIRLab).

Cosa: NOIRLab