Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Una boccata d’aria fresca nel paradiso del piacere dell’Alto Adige



Bolzano
Viti giallo oro, pascoli verde scuro, cime innevate. È autunno in Alto Adige, ma primavera nelle sue cantine e nelle sue cucine: intorno a Meron e Posen c’è un cambio generazionale.

“Ascolta i giovani”. Questo è quello che chiedono tutti qui: Norbert Niederköfler. È l’unico chef tre stelle in Alto Adige. Il suo ristorante St. Hubertus all’Hotel Rosa Albina di San Cassiano, situato nel comprensorio sciistico dolomitico dell’Alta Badia, è considerato palestra di chef di talento e luogo di pellegrinaggio per buongustai.

L’appassionato sciatore con una folta barba grigia ha poco più di 60 anni e non ha alcuna intenzione di ritirarsi. Il futuro, invece, è molto buono: sul pianeta, la regione altoatesina della sua terra natale e del suo piacere. Lo chef stellato si preoccupa meno di quest’ultimo. Perché gli anziani hanno ottenuto molto e si fida ancora di più dei giovani.


Nelle cantine, nelle cucine e nei masi, a sud del Brennero è in atto un cambio generazionale – e un ripensamento. E molte aziende operano in modo sostenibile e naturale.

I giovani devono rimediare

Norbert Niederkofler ne è felice ed è autocritico nei confronti dell’inquinamento ambientale e della crisi climatica. “La mia generazione ha rovinato tutto e ora tocca ai giovani aggiustarlo”, dice.

Tra questi giovani talenti come Kevin Trafoyer, che ha rilevato dal padre Jorg la cucina del ristorante stellato Tauberine di Castelbelle. Anche Christoph Huber fa parte della giovane guardia. Il suo ristorante Zur Blun Troup, aperto nel 2019 a Lagundo, sobborgo meranese, cucina in modo creativo e intenso a livello locale. Come molti altri, Huber ha imparato da Niederköfler e ha assorbito la sua costante concentrazione sui materiali della regione.

READ  Italia: fortuna per l'Europa? Truss salvò così la Roma dal collasso

Si potrebbe dire: Niederköfler è un pioniere tra i migliori chef delle Alpi. Dopo essersi formato con chef stellati come Eckart Witzigmann, Jörg Müller e Alfons Schuhbeck, che inizialmente ebbe successo con l’alta cucina classica a San Cassiano, capovolse tutto e rischiò la sua carriera.

Cucina regionale alpina

Niederkofler non vuole più volare con oggetti di lusso da tutto il mondo per fornire ai suoi ospiti ciò che è disponibile ovunque. È così che Niederköfler è diventato un pioniere della cucina alpina stagionale e regionale.

Tutti gli ingredienti di Niederkofler provengono da circa 50 fattorie della regione. Non usa nemmeno l’olio d’oliva. I critici inizialmente erano scettici. “Un insider mi ha avvertito che avrei potuto perdere la seconda stella che avevo in quel momento”, dice Niederköfler. “Ma gli altoatesini possono essere testardi.” Nel 2017 la guida Michelin gli ha finalmente assegnato tre stelle.

Molti ottimi ristoranti nei dintorni di Merano e Bolzano, Niederkofler’s St. Hubertus è al top e ha svolto un ruolo importante nel rendere l’Alto Adige una regione piena di piacere. Niederkofler può esserne orgoglioso. Invece, elogia i giovani talenti della cucina e “i viticoltori come Alois Lageder che hanno dato inizio a tutto”.

Un pioniere dei viticoltori

Il pioniere del vino altoatesino vive a Margrid sulla strada del vino nella pianura altoatesina. È il punto più meridionale della regione dove il tedesco è ancora ampiamente parlato. Alla base delle ripide scogliere si respira un’atmosfera quasi mediterranea.

Oltre alle viti e agli alberi da frutto, le palme caratterizzano il paesaggio, gli oleandri e le bouganville fioriscono più magnificamente dei giardini delle ville signorili di Meron e Posen. Non è raro che il bacino tra Bolzano e Trento sia la parte più calda d’Italia in estate – e anche qui il cambiamento climatico è evidente. Tuttavia, l’enologo ha reagito a lungo a questo e ha piantato vitigni più resistenti al calore come il Cabernet Sauvignon.

READ  Le meduse di fuoco sono una seccatura per i vacanzieri sulle spiagge di Italia e Francia

Anche se la sua famiglia produce vino dal 1823, Lageder non è un sostenitore delle antiche tradizioni per principio. Quando si tratta di viticoltura, Lageder è progressista quanto Niederköfler lo è in cucina.

Pedalare sotto le bandiere

Prima di 40 anni fa Lageder si affidava a vini bianchi di qualità, in Alto Adige si producevano principalmente vini cechi rossi – come il Vernatch, che è tradizionalmente coltivato a Bergal. Le viti sono guidate lungo archi di filo metallico in modo che crescano insieme e formino una fitta chioma di foglie al centro. Questo crea percorsi d’ombra tra le viti.

Ci sono ancora piazzole pergolate attorno al Lago di Caldaro. Ciclisti ed escursionisti si snodano lungo chilometri di sentieri intorno al lago termale balneabile delle Alpi.

Scettro passato

L’Alto Adige è da decenni meta di sciatori, alpinisti, alpinisti, ciclisti e golfisti. Ultimo ma non meno importante, grazie al Lagerdar, è diventato anche un luogo di pellegrinaggio per i bevitori di vino. Nel frattempo, l’enologo ha passato lo scettro alla generazione successiva. Il figlio Alois Clemens gestisce la cantina e la figlia Helena si occupa del marketing e delle vendite.

Pochi chilometri a nord di Margreid, la grande dama della viticoltura altoatesina, Elena Walch, ha compiuto un passaggio generazionale. A Termeno le figlie Julia e Caroline rilevarono la tenuta.

Scopri come l’Alto Adige si è trasformato in una grande regione vinicola al Museo del vino di Caldaro o, cosa più interessante, in una delle oltre 200 piccole cantine o cooperative della regione.


Arrivarci:Puoi viaggiare da Monaco di Baviera a Bolzano in treno senza cambi. L’Alto Adige è raggiungibile in auto tramite l’autostrada del Brennero o il Passo Ressen. Gli aeroporti internazionali più vicini sono Innsbruck e Verona.

READ  La gita scolastica ha portato in Italia


Clima e tempo di viaggio: L’Alto Adige è una meta di viaggio tutto l’anno. Il tempo della vendemmia autunnale, quando nelle valli è ancora caldo, è consigliato agli appassionati di cucina.


Informazione:Informazioni Alto Adige, Südtiroler Straße 60, I-39100 Bolzano, telefono 0039 (0)471 999 999; E-mail: [email protected]

www.südtirol.info

Sul sito web di Norbert Niederkofler

nn.it/de

kuplungrain.com/de/restaurant

www.aloislageder.eu

elenawalch.com/it/


Il lettore NWZ viaggia

Fantastici viaggi di vacanza – ben organizzati e curati con compagni di viaggio tedeschi di Oldenburg.