Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Un reattore economico che porta il plasma a 100 milioni di gradi

fusione nucleare
Un reattore economico che porta il plasma a 100 milioni di gradi

Il reattore è di dimensioni gestibili.

© Tokamak Energy / PR

La società britannica di fusione nucleare Tokamak Energy afferma di aver battuto il record mondiale di fusione nucleare. Il loro reattore ha raggiunto una temperatura del plasma di 100 milioni di gradi Celsius in una struttura sferica.

Occorrono 100 milioni di gradi Celsius perché gli atomi si fondano. Questa temperatura è già stata raggiunta nei grandi reattori tokamak in Corea del Sud (KSTAR) e Cina (Est). Quindi cosa caratterizza il nuovo record di Tokamak Energy dalla Gran Bretagna? Innanzitutto, il loro reattore ST40 segue un design diverso. Ad oggi, il tokamak è costruito sotto forma di una grande ciambella, il cui plasma all’interno è compresso a forma di anello e accelerato da magneti.

Il tokamak ST40 finanziato privatamente dall’azienda britannica, invece, adotta una forma sferica piatta. L’intera macchina è più piccola, più compatta e anche più economica. Il costo è un punto cruciale. I critici temono quanto segue: anche se i grandi reattori tokamak a forma circolare, che includono ITER in Europa, funzionassero effettivamente e generassero elettricità a un certo punto, l’elettricità sarebbe così costosa che l’uso convenzionale dell’energia di fusione non sarebbe possibile.

Ingresso ad un prezzo competitivo

Tokamak Energy osserva che il suo “dispositivo di fusione compatto” è stato costruito in soli cinque anni a un costo inferiore a 50 milioni di sterline. Tokamak Energy vede i reattori sferici come il modo ideale per “fornire energia da fusione commerciale pulita, sicura, a basso costo, scalabile e dispiegabile a livello globale”.

I reattori di ricerca internazionali rischiano di essere invasi da iniziative private. nessuna sorpresa. Gli impianti statali sono progettati principalmente per la ricerca di base e non per la produzione di energia economicamente vantaggiosa.

L’intera camera è molto più piccola in un apparato sferico. Di conseguenza, questi dispositivi richiedono magneti sempre più piccoli per tenere sotto controllo il plasma e questi magneti raggiungono comunque intensità di campo più elevate. Questo progetto si traduce in un reattore più piccolo e più semplice in cui è più facile mantenere la stabilità del plasma.

corsa alla fusione nucleare

La fusione è stata resa possibile perché il plasma è stato monitorato con più di 25 sensori integrati nell’ST40. Nella fase successiva, l’ST40 sarà dotato di un magnete superconduttore (ATS) ad alta temperatura. L’uso di questi magneti è un’importante tecnologia di fusione commercialmente valida. Devono solo essere raffreddati alla temperatura dell’azoto liquido per ottenere l’effetto di conduzione senza resistenza. Il reattore britannico dovrebbe essere messo in servizio a metà del 2020. Questo sarà anche un dispositivo di prova. Il primo impianto pilota di integrazione commerciale dovrebbe iniziare all’inizio del 2030.

mini centrale eolica

Il governo britannico sostiene i tentativi di costruire un reattore a fusione ad azione rapida. Anche Kwasi Quarting, ministro di Stato per la strategia aziendale, energetica e industriale (BEIS), è stato soddisfatto. Ha detto che l’energia di fusione potrebbe essere “la forza ultima del futuro”.

READ  Otto braccia e un sacco di cervelli: i polpi potrebbero essere i vincitori del cambiamento climatico