Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Un nuovo fattore di rischio per l’infarto cerebrale ricorrente: la pratica della guarigione

Un nuovo fattore di rischio per un altro ictus

Un gruppo di ricerca ha riportato alcuni anni fa che il cosiddetto complesso fogli A arteria carotidea un fattore di rischio per uno attacco cerebrale essere. È stato ora scoperto che tali placche aumentano anche il rischio di un altro infarto cerebrale.

Le cosiddette placche complesse nell’arteria carotide sono un importante fattore di rischio per un secondo ictus. Un team di medici della LMU Klinikum Monaco guidato dal Prof. Dr. Martin Deschgans e il Professor Dr. Tobias Fast lo ha scoperto in uno studio. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista “Giornale dell’American College of Cardiology” Rilasciato.

Placche complesse nell’arteria carotide

lo stesso in uno Messaggio All’ospedale universitario di Monaco, l’ictus è un problema medico in crescita in tutto il mondo.

Nella sola Germania, da 260.000 a 280.000 persone subiscono un ictus ogni due o tre minuti. L’ictus è la principale causa di disabilità permanente e la seconda causa di morte dopo un infarto. Fino al 30% dei casi, la causa dell’ictus rimane sconosciuta, anche con una diagnosi dettagliata.

Il team LMU Klinikum, insieme ai colleghi delle Università di Friburgo e Tubinga e dell’Università Tecnica di Monaco, aveva già segnalato un fattore di rischio per l’ictus nel 2020: le cosiddette placche complesse nell’arteria carotide.

I loro risultati sono stati pubblicati anche inGiornale dell’American College of CardiologyInserito.

Ringiovanisce il disturbo circolatorio del cervello

Le placche, depositi sulle pareti interne dei vasi sanguigni, sono grumi di cellule adipose e infiammatorie circondate da un rivestimento esterno (coperchio). Ovunque appaiano, restringono sempre più i vasi sanguigni. Tuttavia, anche i componenti della placca che raggiungono il cervello attraverso il flusso sanguigno e bloccano i vasi sanguigni possono separarsi.

READ  Alcune persone possono non contrarre il virus?

Il tessuto circostante muore quindi per mancanza di ossigeno, che porta ai sintomi di ictus.

Le placche carotidee complesse sono placche ad alto rischio caratterizzate da almeno uno dei seguenti: primo, una rottura del coperchio, secondo, sanguinamento nella placca e terzo, un coagulo di sangue sospeso esternamente dalla placca.

I medici hanno ora reclutato 196 pazienti che hanno avuto un ictus. Il suo destino è stato seguito in un periodo di tre anni. I ricercatori si chiedono: quali partecipanti allo studio soffrirebbero di un altro disturbo circolatorio nel cervello e potrebbero essere le placche complesse una causa?

Alla fine dei tre anni sono rimasti 144 pazienti. Tuttavia, in alcuni casi, nella valutazione sono stati inclusi anche i dati degli “abbandoni”, ad esempio se hanno avuto un altro ictus un anno dopo e non potevano più partecipare allo studio o non erano disposti a farlo, spiega il dott. Anna Kopchak, prima autrice dello studio.

Ulteriori studi in programma

È stato riscontrato che i pazienti con placche complesse avevano un rischio 2,5 volte maggiore di avere un altro ictus o “attacco ischemico transitorio” o TIA in breve, rispetto a quelli senza una placca così complessa.

I TIA sono disturbi circolatori nel cervello in cui le cellule nervose soffrono solo temporaneamente di una mancanza di ossigeno e alla fine non muoiono.

Come spiega il dottor Kopczak, gli esperti possono identificare i pazienti particolarmente a rischio di avere un altro ictus. Dietro c’è la domanda più importante: dovremmo trattare queste persone in modo diverso? A questi pazienti dovrebbero essere somministrati farmaci diversi o una dose più elevata? La placca deve essere rimossa chirurgicamente? “

Per rispondere a questa domanda, i medici della LMU pianificano uno studio di intervista. Esiste già un metodo chirurgico per la rimozione chirurgica. Questo è usato per i pazienti con placche che hanno ristretto i vasi sanguigni di oltre il 50%.

READ  Le persone anziane dovrebbero anche proteggersi da un'altra malattia respiratoria

Tuttavia, anche i pazienti con placche complesse possono trarne beneficio, come nell’attuale studio di Monaco, nessuno dei quali ha avuto un grave disagio. (anno Domini)

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme alle specifiche della letteratura medica, delle linee guida cliniche e degli studi attuali ed è stato verificato da professionisti del settore medico.

nota importante:
Questo articolo contiene solo consigli generali e non deve essere utilizzato per l’autodiagnosi o il trattamento. Non può sostituire una visita dal medico.