Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Un ibrido leggermente diverso: Renault Scenic è dotato di riserve di idrogeno

Un ibrido leggermente diverso: Renault Scenic è dotato di riserve di idrogeno

Un ibrido leggermente diverso
Renault Scenic è dotata di una riserva di idrogeno

Renault Scenic è ancora una visione. Tuttavia, i francesi stanno già rivelando come sarà quando emergerà come un’auto elettrica nel 2024. Dì addio all’auto da famiglia liscia un tempo così popolare. Il nuovo arriva come un mix elettrico di un SUV e una robusta berlina. Tutto questo combinato con una ricchezza di idee green.

Per quanto riguarda la nuova guida, Renault Scenic potrebbe tornare ad essere un modello per gli altri.

(Foto: Renault)

La Renault Scenic ha debuttato 26 anni fa ed è per le famiglie che hanno bisogno di spazio e amano viaggiare in tutta comodità grazie a una panoramica migliore rispetto alle normali limousine. Divenne un modello per molti altri, come la Opel Zafira o la Volkswagen Touran. Nel frattempo, il boom dei SUV ha ampiamente superato questi camioncini. L’ultimo Scénic sarà presto lanciato sulla linea e il più grande Grand Scénic sarà esteso.

I fan non devono essere in lutto. Almeno il nome sarà preservato, ma in futuro decorerà l’auto che non ha nulla in comune con l’originale. In un sobborgo di Parigi, è stata svelata la nuova Scénic. Tra due anni, questa sarà la quarta vettura elettrica di Renault, dopo i modelli Twingo, Zoe e Mégane E-Tech. Segue la forma di base di cui godono oggi molte nuove auto elettriche. Che sia una Volkswagen ID.3, Hyundai Ionic 5 o il fratello maggiore Renault Megane E-Tech: la nuova classe Golf brilla per un passo lungo, ruote installate all’esterno e un abitacolo ben ventilato, perché molte delle caratteristiche generatrici della motore a combustione non sono necessari molto più a lungo. E poiché le celle della batteria scariche sono quasi sempre nascoste nel seminterrato, la posizione di seduta è più alta, cosa che anche gli appassionati di SUV possono accettare.

Tanti spettacoli da guardare

220507_Preshow_ZHBC_Interior_5.jpg

L’interno della Renault Scenic sembra un po’ futuristico.

(Foto: Renault)

No, lo studio “Vision” della nuova Scénic non ha nulla a che fare con la futura vettura di serie. Ma la silhouette e le proporzioni non cambieranno molto finché non verranno modificate. Un uomo corpulento, il cui aspetto rappresenta tutto un nuovo tipo di sport, che non dipende più da sempre più cavalli, ma vuole esprimere la modernità attraverso la carrozzeria a volte ruvida delle fiancate e del posteriore. In combinazione con elementi a LED come gli otto proiettori individuali nella parte anteriore, che finora sostituiscono i fari ben educati. Molti dettagli non lo renderanno reale. Ciò include le ante, che si aprono in direzioni opposte secondo la logica dell’armadio, e quindi è opportuno rinunciare a una colonna centrale. Non dovrebbe sopravvivere alle regole del crash test.

Il design degli interni con il giogo di comando semirettangolare è attualmente più per lo spettacolo senza riferimento alla realtà. Le numerose piccole schermate aggiuntive hanno lo scopo di fornire informazioni che possono essere raggruppate in una schermata centrale. Un’altra novità sono gli airbag che avvolgono gli occupanti come un bozzolo attorno agli occupanti.

220507_Preshow_ZHBC_ProfilOuvert__1.jpg

Non devi entrare dalle porte del cancello per studiare nel modello di produzione Renault Scénic.

(Foto: Renault)

Il più importante di questi capolavori è il serio intento di rendere lo Scénic un modello veramente “verde”. Si tratta di innumerevoli materiali e componenti nascosti che lasciano un’impronta di anidride carbonica maggiore o minore durante la loro produzione. Gli esempi includono pavimenti in plastica riciclata da bottiglie di latte o tubi di plastica, nonché tutte le parti in alluminio di Scénic. Lo stesso vale per il 95% dell’acciaio utilizzato. In totale, viene utilizzato il 70% di materiali riciclati o rinnovabili. L’obiettivo è anche che il 95 percento delle parti sia riciclabile alla fine del ciclo di vita di Scénic.

Batteria e pila a combustibile

I dati tecnici della nuova vettura compatta Renault sono ancora in gran parte classificati. Nella prima fase, deve utilizzare Mégane E-Tech. Quindi il modello base utilizzerà una batteria da 40 kWh e un motore elettrico da 130 CV. Renault non ha ancora rivelato se la versione Mégane più potente (batteria da 60 kWh, 220 CV) sarà disponibile anche su Scénic.

220507_Preshow_ZHBC_FaceAvt.jpg

Grazie alla combinazione della batteria e della cella a combustibile, Renault Scenic può percorrere fino a 800 chilometri senza emissioni.

(Foto: Renault)

Sorprendentemente, tuttavia, è una nuova tecnologia che mira a rendere appetibile il passaggio a un veicolo elettrico per i clienti scettici. Riguarda la paura della portata, ed è ancora un argomento per i negazionisti dell’elettricità. La versione superiore dovrebbe avere un’unità ibrida a bordo. Ovviamente non un motore a combustione come gli attuali sistemi dual core. La Scénic avrà a bordo una cella a combustibile montata sulla batteria che produrrà 22 cavalli e funzionerà con idrogeno verde da un serbatoio sotto il cofano. L’elettricità così generata non viene utilizzata direttamente per il motore, ma è solo responsabile della ricarica della batteria. Renault vuole estendere l’autonomia elettrica della batteria da 40 kWh fino a 800 km. Se la fornitura di idrogeno si esaurisce, il rifornimento può essere effettuato in meno di cinque minuti con la pompa H2.

Renault prevede che la rete delle stazioni di rifornimento di idrogeno diventi sempre più fitta entro l’inizio del prossimo anno, e quindi intende lanciare l’Hybrid-Scénic solo allora. A tal fine, tuttavia, la piattaforma esistente deve essere adattata al nuovo concetto di azionamento. Quindi il motore elettrico si sposta nella parte posteriore, quindi l’auto prende la trazione posteriore. L’idea: durante le gite di un giorno, la Scénic non è diversa dalle altre auto elettroniche, poiché trae energia dalla batteria. Prima di un lungo volo, il sistema di navigazione calcola quanto ampiamente viene utilizzata la cella a combustibile come fonte di alimentazione di riserva. Nella stagione fredda, l’energia dell’idrogeno può essere utilizzata anche per riscaldare la temperatura della batteria per un intervallo più lungo. Gli ingegneri prevedono che il serbatoio dell’idrogeno dovrà essere riempito ogni tre ore. Una volta raggiunta la destinazione, il veicolo parcheggiato viene normalmente ricaricato tramite la stazione di ricarica.

READ  Mercato del lavoro: le aziende della regione di Rostock cercano persone