Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Un duro duello contro Mark Forster: Goku va fuori di testa

Durante il duello contro Forster, Winterscheidt perse le staffe per un momento.Foto: ProSieben / Florida TV / Anna Thut

Un grande spettacolo di tifosi, un’atmosfera da stadio e un epico duello televisivo possono essere giustamente chiamati “El Clasico”. Marc Forster costa Goku Winterscheid per essere insultato fino in fondo in quello che rimane il quiz più fantasioso della televisione tedesca. Potrebbe avere un’idea.

L’estate di Roberto

Il ragazzo piuttosto piccolo con il cappello è il protagonista di uno spettacolo piuttosto grande. Mark Forster riempie le sale e gli stadi con i suoi pugni (e il suo ego). E sa cosa molti dei suoi fan si aspettano da lui: una produzione perfetta, un’atmosfera emozionante, la pelle d’oca e, naturalmente, i famosi “cori”. Tuttavia, c’è ancora un bambino nella nativa Kaiserslautern, il cui patriottismo locale è di livello mondiale, anche all’età di 39 anni. In quanto tale, Mark non ha mai dimenticato come si sogna. Il suo più grande desiderio era quello di brillare come una star del kicker sul prato. Ma sa anche: “Da calciatore sono pessimo anche in terza divisione”.

Bengalos, pasticcini e “formaggi fatti a mano con musica”

Ancora più importante, il suo sorprendente successo nel primo episodio della terza stagione “Who’s Stealing My Show” gli ha fornito un modello di obiettivo unico. Ecco cosa ha cambiato all’istante un fervente tifoso 1. FC Kaiserslautern (e Pfalz Patriot): Marc Forster ha trasformato lo spettacolo ProSieben in un grande calcio e in seguito anche il Palatinate Wine Festival.

Giro in Palatinato: il supervisore Mark invita automaticamente i suoi candidati a fare un giro in carrozza nel cortile di casa.  C'erano prelibatezze dalla patria di Forster.  Saluti!

Giro in Palatinato: il supervisore Mark invita automaticamente i suoi candidati a fare un giro in carrozza nel cortile di casa. C’erano prelibatezze dalla patria di Forster. Saluti!Foto: ProSieben / Florida TV / Anna Thut

I Bengals erano importanti quanto gli applausi dell’estasi nello stadio. La musica d’ingresso è stata Emotions-Oper, che è passata senza soluzione di continuità dall’imponente “Carmina Burana” al classico tono “You’ll Never Walk Alone”. È stato eseguito da Forster, vestito dalla testa ai piedi con i colori dei fan, e poi anche al pianoforte su cui ha messo la vera Coppa DFB del 1995, in prestito dal suo club preferito. Puoi ammirarlo e toccarlo solo con guanti bianchi.

READ  Wayne Carpendale pubblica una rara foto di famiglia: "Qualcosa per tutti"

Il simpatico commento di Tom Bartels

“Combatti! Concorsi! Vinci!” Ha dato a Forester una password – e soprattutto si è preparato per essa. La colonna sonora del suo festival di calcio, che Tom Bartels ha invitato come commentatore ospite (“Questo è il vero Tom Bartels degli ARD!”), è stata fornita dalla band dello show, che ovviamente doveva chiamarsi ora “Petzpoppin” di Mark Forster. Benvenuti in ProSieben, un’atmosfera da studio che a volte non era inferiore a quella di un calderone di Betzenberg.

La star dello sport Bartels, che, tra le altre cose, ha reso la leggendaria finale della Coppa del Mondo 2014 così memorabile come voce fuori campo tedesca, è rimasta completamente sbalordita da ciò che ProSieben ha realizzato quando ha permesso a Marc Forster di realizzare i suoi sogni d’infanzia. “Sono assolutamente brillante”, ha esclamato. Il pubblico – tutto travestito da fan su richiesta del presentatore Mark – è rimasto sbalordito dal pubblico. Solo Joko Winterscheidt, che inizialmente era un “cattivo perdente”, ha osato unirsi a Mark nella parata magica. Un tifoso schietto del Borussia Mönchengladbach ha stimolato la passione di Forster per l’1. FCK con una puttana condiscendente: “Molte persone non conoscono il club, questo è il problema”.

Ma Mark Forster semplicemente non è stato in grado di consegnare martedì. Ha subito risposto: “Cartellino giallo, amico mio”. “Se diventi giallorosso, verrai licenziato”, ha detto il capo con il cappello. “Sto facendo le regole qui ora.” Dove Goku avrebbe dovuto vedere rosso più tardi – a causa dell’assalto! Non riconoscendo la canzone “Africa” ​​di Toto e – come una volta fece Jürgen Klinsmann – fece un buco nel muro di sostegno per rabbia!

Quando la battaglia a tutto campo raggiunge il culmine nel duello dell’ego

Quindi l’atmosfera era ammiccante, ma anche leggermente tossica, poiché la seconda competizione della nuova stagione è iniziata ancora una volta. E ovviamente tutti gli occhi erano puntati su un duello di base. Certamente Anke Engelke, furbo e scaltro come sempre, oltre che sempre di buon umore, il rilassatissimo compagno di prova Riccardo Simonetti ha cercato di tenere il passo – e non aveva ancora fretta di litigare nelle corsie.

Ma poi la serata ha preso una piega che di certo non è piaciuta a Marc Forster. Come la scorsa settimana, nell’affascinante e caotica miscuglio di giochi originariamente selezionati, il migliore dei quali includeva ancora una volta alcune missioni musicali, il cosiddetto candidato “jolly” ha dovuto dire addio per primo. La 31enne presentatrice radiofonica di Lemgo Mary of Lemgo ottiene punteggi particolarmente buoni nelle sfide che richiedono un buon orecchio per scoppiare. Ma alla fine, i successi del gioco sono stati tutt’altro che sufficienti.

Come sette giorni fa, Ricciardo è stato eliminato al secondo posto. E ovviamente non vedi l’ora di vederlo di nuovo la prossima settimana e, si spera, di andare un po’ oltre. Anke Engelke ha portato il suo ingegno al round finale, dove ha dovuto competere con Joko Winterscheidt in un duello con il teleprompter. Tuttavia, nella maratona di gap script, stava pensando a poco più che all’artista versatile – e Goku era già in finale.

Drammatico in finale – poi i colori “sbagliati” del club

“Riprenderò la cosa”, cercò di incoraggiarsi Winterscheidt. Ha detto che non vedeva l’ora di “schiaffeggiare intellettualmente il suo avversario”. La tensione si accumula prima che la ripetuta umiliazione pubblica appaia sull’intero corpo snello di Goku. Mark Forster avrebbe voluto provare a difendere la sua vittoria contro un altro avversario in finale. Ma era anche fiducioso in una battaglia di forza. “El Clasico” ha chiamato il duello tra autopromotori.

In effetti, Fighting the Giants conteneva ciò che serve per diventare un classico: “Solo i migliori possono rubare questo spettacolo”, si vantava Mark Forster. Riesce ripetutamente a intimidire Goku. La sua “faccia bluff” non era affatto male. È un peccato che Joko Winterscheidt sia andato in battaglia equipaggiato in modo ottimale. Invece delle solite monete di gioco, poteva aspettarsi Three Flags Football per il gioco e quindi aveva un buon punto di partenza strategico.

Ha abilmente mosso critiche contro il tifoso Kaiserslautern-Forster. “Gli striscioni hanno i colori della mia squadra del Borussia Monchengladbach”, ha detto. Forse l’unico imbarazzante errore di arredo è stato nella riuscita messa in scena generale già realizzata dal perfezionista del Palatinato.

Grazie al mio cervello

Non solo per questo solo motivo, ma succede ancora, come dovrebbe almeno nei sogni di Goku: l’illusione di un vero grande Forester, il sogno di un grande eroe del calcio, finalmente scoppia come una bolla di sapone. L’ultima domanda a cui Goku ha riavuto il suo spettacolo, ha davvero colpito Mark allo stomaco. Quindi la domanda era cosa ottieni quando ordini “Cozze” in un ristorante italiano. Il fan Italo Goku conosceva la risposta corretta, “Cozze”. Mark è stato colpito”.

Grazie al mio cervello, “Goku si è rallegrato. E il suo ritorno – forte, ma alla fine ha combattuto giustamente – ha avuto successo!” Questo è il mio incidente. “